laRegione
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
08:10
 
docente-vaccinato-e-a-scuola-senza-mascherina-forse
Ti–Press
Ticino
21.07.21 - 21:000
Aggiornamento : 22:08

Docente vaccinato... e a scuola senza mascherina (forse)

Il direttore del Decs scrive agli insegnanti. Katya Cometta (Aspcc): lettera opportuna. Gianluca D'Ettorre (Ocst): ma approcci differenziati da approfondire

«Da vaccinata e convinta sostenitrice dell’utilità del vaccino per arginare la diffusione del coronavirus e delle sue varianti, dico che consigliare la vaccinazione è senz'altro legittimo, oltre che un segno di buon senso, soprattutto in un momento in cui purtroppo il numero dei contagi sta riprendendo a salire. E sono d’accordo anche con l’eventuale cancellazione dell’obbligo della mascherina a scuola per gli insegnanti vaccinati. Intendiamoci, liberi anche quest’ultimi di indossarla, ma è giusto che chi è vaccinato possa beneficiare di minori restrizioni rispetto a chi non lo è, o non lo è ancora, e che per questo potrebbe contrarre il virus con conseguenti rischi per la propria e la salute altrui». Katya Cometta, presidente dell’Associazione per la scuola pubblica del Cantone e dei Comuni, condivide la lettera che il direttore del Dipartimento educazione cultura e sport Manuele Bertoli ha appena inviato alle docenti e ai docenti degli istituti scolastici cantonali e comunali (circa seimila insegnanti).

Nella missiva, di cui ha dato notizia ieri ’Ticinonews', il titolare del Decs e presidente del Consiglio di Stato ringrazia anzitutto i docenti "per l’impegno profuso e per il lavoro svolto" nella "situazione particolare", quella della pandemia. Poi tocca il tema della vaccinazione. Con l'"invito" agli insegnanti che ancora non si fossero vaccinati a farlo. Ovvero: "A considerare seriamente questa possibilità". La vaccinazione "rimane attualmente l'unico modo efficace per cercare di uscire una volta per tutte dalla situazione emergenziale nella quale viviamo da ormai lungo tempo, anche in ambito scolastico". E invita i docenti a iscriversi per tempo alla campagna, in modo tale da risultare completamente vaccinati entro l’inizio della scuola. Ma c'è di più. Nella lettera il capo del Decs segnala che per la ripresa scolastica “potrebbero esservi approcci differenziati in base alla copertura vaccinale, oltre che all'età, ad esempio prevedendo l'esenzione dall'obbligo di indossare la mascherina a scuola per le persone vaccinate, anche se una decisione definitiva in tal senso sarà presa solo qualche giorno prima dell'inizio dell'anno scolastico”. Raggiunto dalla 'Regione’, Manuele Bertoli precisa che non sono previste «misure differenziate per gli allievi, che sono giovani e soprattutto sono gli utenti della scuola». Per il momento il Decs non ha in programma altre forme di incentivazione all’immunizzazione destinate agli insegnanti e, sempre per il momento, non è in possesso dei dati sul numero di docenti che hanno già ricevuto il farmaco anti–coronavirus.

Commenta il presidente del sindacato Ocst-docenti Gianluca D'Ettorre a proposito della lettera: «Incoraggiare alla vaccinazione è sicuramente positivo ed è quindi da salutare favorevolmente l'invito in tal senso rivolto agli insegnanti dal direttore del Decs. Credo che occorrano invece una qualche riflessione in comune e un qualche approfondimento sugli eventuali 'approcci differenziati' in base alle scelte dei docenti riguardo alla vaccinazione. Prendiamo atto di questa prospettiva, ma vorremmo valutarne le possibili conseguenze». 

Come scritto, per le indicazioni precise su eventuali misure particolari in vigore alla ripresa della scuola (il 30 agosto), bisogna ancora attendere. Ciò a causa del “continuo evolversi della situazione epidemiologica dovuto alla diffusione della variante delta”, si legge nella lettera agli insegnanti. “L’intenzione è comunque di cominciare nel modo più normale possibile, limitando le restrizioni al minimo necessario. Tutto dipenderà dallo stato della situazione a fine agosto, situazione che dovrà tener conto anche del tasso di persone vaccinate nel nostro cantone”.

Obbligare? 'Ultima ratio'. 'No, meglio spiegare e convincere'

Riguardo a un obbligo di vaccinazione per docenti o altre categorie professionali, il direttore del Decs ricorda che «è il Consiglio federale l’autorità che può decidere eventuali obblighi vaccinali. Altri Paesi stanno andando verso obblighi parziali, a dipendenza del numero di persone vaccinate e dell’evoluzione della pandemia. Personalmente - continua Bertoli - non sarei affatto scandalizzato da decisioni del Consiglio federale in questa direzione se la situazione lo imponesse, perché l’alternativa sono nuove chiusure con tutte le conseguenze che abbiamo già visto, ma auspico che non si debba arrivare lì, perché molte persone si saranno convinte da sé a dare una mano alla collettività».

Obbligo di vaccinarsi? «Dovrebbe essere l’ultima ratio», riprende Cometta. «Dal mio punto di vista - aggiunge la presidente dell’Associazione per la scuola pubblica del Cantone e dei Comuni - più sono le persone vaccinate meglio è. Tuttavia ripeto: l’obbligo dovrebbe essere l’ultima ratio. Finora la Svizzera ha puntato sulla responsabilità individuale ed è questa, ritengo, la strada che bisogna continuare a percorrere. Se la situazione pandemica dovesse nuovamente aggravarsi, sarebbe la Confederazione ad adottare le necessarie contromisure. Chiaramente ci auguriamo tutti che le cose non peggiorino e che anche il nuovo anno scolastico possa cominciare in presenza».

Sul tema si esprime pure l’Ocst. “Siamo contrari all’imposizione di un obbligo di vaccinazione perché riteniamo che sia importante guadagnare un’adesione consapevole e non imposta alla campagna vaccinale. Chiediamo cioè - continua l’Organizzazione cristiano-sociale ticinese nella nota - che il personale venga informato e, se necessario, rassicurato e che venga chiesto a chi non si è ancora sottoposto alla vaccinazione, come accade del resto per le epidemie influenzali annuali, di rispettare ogni norma di igiene che consenta di proteggere la salute dei colleghi, dei pazienti, degli ospiti, dei clienti”. A questa conclusione il sindacato d’ispirazione cristiana approda dopo un’articolata premessa. “La domanda che domina queste settimane - osserva - è particolarmente degna di essere approfondita. Imporre o meno un obbligo di vaccinazione, specialmente per il personale occupato nel settore sociosanitario? La questione è rilevante e delicata perché si pone all’intersezione di due insiemi di valori ai quali va data massima attenzione: da una parte la salute pubblica, dall’altra l’autodeterminazione sul proprio corpo”. E allora “come uscire da questa impasse senza forzature nell’una e nell’altra direzione, che rischiano di creare inutili spaccature?". Il vaccino "è uno strumento pensato per proteggere se stessi e, di conseguenza, la comunità dal virus". Tuttavia, scrive l’Ocst, “Il passo di fiducia verso ciò che la scienza medica ha messo a disposizione non può essere imposto. La questione si pone in particolare nell’ambito lavorativo e specialmente nel settore della salute, ma anche in quegli ambiti nei quali si è particolarmente esposti al contatto con le persone, come nella scuola. La risposta è da ricercare nella responsabilità collettiva e personale e nel rispetto, due atteggiamenti sui quali il nostro Paese ha molto contato per affrontare la pandemia e che certo non mancano al personale sociosanitario che in questo frangente ha dimostrato una grandissima generosità". Per il sindacalista della Cristiano-sociale e granconsigliere del Ppd Giorgio Fonio, «occorre spiegare e convincere, cosa che la Svizzera ha fatto finora, facendo giustamente leva sul senso di responsabilità. Bisogna evitare forme di pressione, che finiscono per generare tensioni e divisioni tra i lavoratori e tra le lavoratrici».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio
Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
2 ore
Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria
Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
11 ore
Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia
Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Luganese
12 ore
Arogno, cade nella benna per un malore
Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Bellinzonese
13 ore
'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa
I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Ticino
14 ore
Ecco i radar di fine luglio
Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
14 ore
Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie
Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Gallery
Mezzovico
15 ore
San Mamete torna a risplendere a Mezzovico
Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
Ticino
21 ore
Sono 32 i nuovi casi di coronavirus in Ticino nelle ultime 24 ore
Si contano inoltre 11 persone ricoverate, due nei reparti di terapia intensiva
Luganese
21 ore
Salvataggio Lugano prima al mondo a ottenere la certificazione Hira3
‘Un'eccellenza per quanto riguarda i diving center’. La Sezione celebra inoltre il 70esimo anniversario della sua fondazione
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile