laRegione
05.07.21 - 11:30

La 'nuova normalità' e la riorganizzazione dell'Eoc

L'Ente ospedaliero passa a una gestione decentralizzata della presa a carico dei pazienti Covid nelle quattro sedi degli Ospedali regionali

la-nuova-normalita-e-la-riorganizzazione-dell-eoc
(Ti-Press)

Dopo gli sforzi fatti per fronteggiare l'emergenza Covid, con la trasformazione dell'Ospedale Regionale di Locarno – La Carità nell’ospedale COVID del nostro Cantone, l'Ente Ospedaliero Cantonale (Eoc), considerata l'evoluzione favorevole della situazione epidemiologica in Ticino, l’accelerazione della campagna vaccinale e l’esperienza acquisita durante i duri mesi della pandemia, si avvia ora verso una "nuova normalità", concretizzata in una "rimodulazione del modello organizzativo". La direzione dell'Eoc, in un comunicato odierno, annuncia che da oggi si passerà da un dispositivo di presa in carico centralizzata dei pazienti COVID ad uno decentralizzato, come annunciato già alcune settimane fa dal vice capo dell'area medica Mattia Lepori in conferenza stampa. "Quest’evoluzione,", sottolinea la direzione dell'Ente, "permetterà di garantire una presa in carico adeguata e sicura dei pazienti COVID così come dei pazienti non COVID in tutte le strutture ospedaliere EOC".

Decentralizzazione della presa in carico dei pazienti COVID

La possibilità di gestione, sia nei Reparti di degenza che nei Reparti di medicina intensiva, dei pazienti COVID che necessitano di cura acute in tutte e quattro le sedi degli Ospedali Regionali dell’EOC, permette di evitare ai pazienti e alle loro famiglie – che si trovano in una situazione di particolare apprensione a causa dell’infezione da SARS-CoV-2 – il disagio legato al trasferimento in una struttura di presa in carico centralizzata.
Questo tipo di gestione in tutte le strutture, consente inoltre di evitare anche i trasferimenti di personale così come gli onerosi spostamenti di materiale e di attrezzature. Al contempo, la gestione decentralizzata si prefigge di garantire tutti gli interventi “elettivi e non” e tutte le cure opportune per i pazienti che lo necessitano, evitando di ricorrere a misure quali annullamenti o posticipi di interventi o visite, che si sono rese necessarie nelle prime ondate di COVID.


Riapertura progressiva di Reparti e Servizi

Il ritorno alla nuova normalità è accompagnato dalla riapertura progressiva di Reparti e Servizi. In particolare, nel rispetto della risoluzione governativa specifica, nel corso del mese di giugno l'Eoc ha riaperto tutti i Servizi di Urgenza Medica, con i Pronto Soccorso di tipo A (Ospedale Civico di Lugano, San Giovanni di Bellinzona, Obv di Mendrisio e La Carità di Locarno) aperti 24 ore su 24, sette giorni su sette, e i Pronto Soccorso di tipo b (Ospedale Italiano, Faido, Acquarossa) aperti dalle 9 alle 18 tutti i giorni.

  
EOLAB – un’eccellenza per il Ticino

Il Servizio di Microbiologia EOLAB (SMIC), centro di competenza per la microbiologia in Ticino, ha effettuato da inizio pandemia più di 130'000 analisi COVID. In questo periodo di pianificazione di vacanze all’estero, le richieste della popolazione di disporre di un risultato negativo al test COVID sono aumentate. L'Ente precisa che presso questi Servizi sono eseguiti test PCR (molecolari) unicamente per i pazienti sintomatici o in vista di un loro ricovero, e non, dunque, per chi ha necessità di effettuare un test Pcr per viaggiare.

La gestione degli effetti della pandemia

Da inizio pandemia a oggi sono stati ospedalizzati 2'392 pazienti Covid, e sono state fornite le prime cure ad altri 480 poi trasferiti verso altri istituti (es. Clinica Luganese Moncucco) o verso il domicilio in quarantena, e che sono rimasti per meno di 24 ore nelle strutture dell'Eoc. In 511 sono stati ricoverati in cure intense, mentre fra le persone ospedalizzate 390 sono decedute. La durata della degenza media (globale) dei pazienti COVID ad oggi in EOC è stata di 14.72 giorni.

Leggi anche:

Coronavirus in Ticino, chiudono i checkpoint per i test Covid

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
‘Una possibilità’ è quella che vedrà la luce a Solduno
IIl gruppo interdisciplinare capitanato dallo studio Lopes Brenna di Chiasso ha vinto il concorso per ristrutturazione e ampliamento delle Scuole comunali
Gallery
Bellinzonese
3 ore
Incidente con ferimento sul viadotto del Ceneri. Disagi sulla A2
Il sinistro si è verificato poco dopo la galleria, sull’asse di percorrenza sud-nord, provocando la momentanea chiusura della corsia di destra
Luganese
4 ore
Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio
Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
7 ore
Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’
Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
7 ore
Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’
Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
7 ore
Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’
L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
8 ore
Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione
Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
16 ore
50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro
Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
16 ore
Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano
Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Luganese
17 ore
Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori
La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
© Regiopress, All rights reserved