laRegione
25.06.21 - 12:08
Aggiornamento: 14:09

Vaccinazioni, ultima chiamata per Biasca e Mendrisio

Nei due centri iscrizioni ferme dopo il 30 giugno. Da agosto tutta la campagna si concentrerà a Giubiasco. Zanini: vaccinati con due dosi il 36% dei ticinesi

vaccinazioni-ultima-chiamata-per-biasca-e-mendrisio
Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini (Ti-Press)

«Dalle prossime settimane inizieremo a smantellare progressivamente il dispositivo che abbiamo messo in piedi in questi mesi per dare il vaccino ai ticinesi». Così esordisce in conferenza stampa a Bellinzona il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. Ci sarà quindi un'ultima chiamata per i centri di Biasca e Mendrisio, in cui sarà possibile iscriversi fino alla mezzanotte di mercoledì 30 giugno. «Possiamo garantire la prima dose entro domenica 4 luglio», assicura Zanini. Poi in queste due località non verranno più somministrate delle prime dose. Per quanto riguarda il centro vaccinale di Lugano, le iscrizioni saranno possibili fino alla fine di luglio. Poi, da agosto il tutto sarà concentrato a Giubiasco, che resterà attivo a tempo indeterminato. Le autorità del Dss stanno valutando di affiancare a Giubiasco alcuni centri di prossimità. A domanda della ‘Regione’, il farmacista cantonale risponde che «sono in corso delle valutazioni con l'Ordine dei medici e quello dei farmacisti per valutare la possibilità di creare qualche punto di sostegno alla campagna vaccinale». Ma con la conferma di una delle pietre angolari di tutto il piano dal suo inizio: «Non va sprecata neanche una dose di vaccino - sottolinea Zanini -. Dobbiamo sempre avere almeno 10 persone da vaccinare ogni sei ore: in centri grandi come quello di Giubiasco sarà più semplice, magari capiterà che in un eventuale altro piccolo centro ci vorrà più tempo per raggiungere il numero minimo di persone da vaccinare».

Quello di Giubiasco finora è stato un centro vaccinale interamente dedicato al preparato prodotto da Pfizer, ma «una volta che rimarrà l'unico centro verranno predisposti due spazi, ben distinti, dove in uno si continuerà a somministrare Pfizer, mentre nel secondo verrà inoculato il vaccino di Moderna», spiega Zanini.

Finora in Ticino sono state inoculate 310'000 dosi. Il 36% della popolazione (130mila persone) ha già ricevuto le due dosi completando il ciclo, mentre altre 180mila sono le persone che hanno ricevuto almeno la prima dose di vaccino (il 50% della popolazione ticinese). Il tasso di adesione più alto si verifica tra gli anziani. Per quanto riguarda la popolazione adulta, tra i 45 e i 54enni la percentuale è del 60%, leggermente inferiore a quella degli operatori sanitari che si attesta attorno al 70%.

«Stiamo procedendo a un ritmo di 20mila vaccinazioni alla settimana - aggiunge Zanini -. Nelle prime settimane di luglio ci sarà una riduzione importante delle forniture di vaccino da parte di Pfizer. Per quanto riguarda Moderna invece ci sarà un incremento: prima forniva ogni due settimane, ora fornisce tutte le settimane». Stando al farmacista cantonale «la richiesta di vaccinarsi in questo momento si è abbassata, un po' perché tanti si sono già annunciati, un po' per via della favorevole evoluzione della situazione epidemiologica». Entro la fine della prossima settimana saranno 199mila i ticinesi che avranno ricevuto le due dosi del vaccino. 

Vaccino per 12-15enni non prima di agosto

In Ticino i giovani sotto i 16 anni dovranno attenere almeno fino ad agosto prima di ricevere la prima dose del vaccino, ha spiegato Zanini. Per i ragazzi tra i 16 e i 17 anni è invece prevista la vaccinazione a Giubiasco già dalla prossima settimana. Per gli adolescenti, ha ricordato il farmacista cantonale, verrà soltanto impiegato il vaccino Pfizer/BioNTech.

Si viaggia a passo deciso anche con il certificato Covid. Il direttore della Divisione della salute pubblica Paolo Bianchi informa che «al momento le persone potenzialmente interessate sono 115mila, vale a dire le persone che hanno completato il ciclo di vaccinazioni entro la metà di giugno. A oggi, abbiamo spedito 65mila sms per scaricare il certificato e in 52mila hanno già provveduto a farlo seguendo la procedura. Sono invece già 15mila le persone che hanno ricevuto in formato cartaceo il certificato appena ricevuta la seconda dose». Per chiunque avesse problemi con la procedura, Bianchi spiega che «è attivo un numero verde, lo 0800 128 128, e c'è una novità: nei centri vaccinali aperti all'ingresso è disponibile uno sportello di aiuto a disposizione non solo di chi si è vaccinato in quel centro, ma di chiunque possa attestare con l'sms o con la lettera che abbiamo spedito di aver completato il ciclo».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Lavori forestali, nelle selve degli appalti
Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
1 ora
Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’
Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
7 ore
Lugano, Lalia non slega il legislativo
I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
8 ore
Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione
Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
9 ore
Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera
Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
9 ore
In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta
Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
11 ore
Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi
Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
11 ore
AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna
Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas
Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Bellinzonese
12 ore
Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso
Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
© Regiopress, All rights reserved