laRegione
swissmem-a-lugano-accordi-di-libero-scambio-fondamentali
Ti-Press
24.06.21 - 18:20
Aggiornamento : 19:39

Swissmem a Lugano: accordi di libero scambio fondamentali

In occasione della Giornata dell'industria organizzata oggi al Palazzo dei congressi è stata ribadita l'importanza degli accordi di libero scambio con altri paesi

Ats, a cura de laRegione

L'associazione dell'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica (Swissmem) torna a riunirsi in Ticino, al Palazzo dei congressi di Lugano, con un'assemblea registrata pure come evento pilota per tracciare la via dell'uscita dalla pandemia a livello di grandi eventi. E Swissmem tocca subito un tema caldo. In quanto piccola economia aperta la Svizzera è uno dei maggiori beneficiari del libero scambio e della globalizzazione: oggi guadagna un franco su due all'estero. Per il settore l'importanza del commercio estero è ancora più marcata, in quanto esporta circa l'80% dei suoi beni e servizi. L'unico modo per preservare la Svizzera quale piazza industriale e i suoi posti di lavoro è avere un successo costante sui mercati mondiali, viene sottolineato in una nota. Questo richiede un buon accesso ai mercati globali di vendita e di approvvigionamento, e il libero scambio ne è il prerequisito.

Presente anche Guy Parmelin

Purtroppo negli ultimi anni il protezionismo e il populismo hanno portato a conflitti commerciali e compromesso il commercio globale. Per il presidente di Swissmem Martin Hirzel "è necessaria una rinascita del libero scambio". Ha quindi chiesto che "il Consiglio federale faccia uno sforzo speciale per garantire che nuovi accordi siano conclusi al più presto". Hirzel è anche convinto che "le innovazioni dell'industria creano prospettive di sviluppo economico, ecologico e sociale. Il libero scambio elimina gli ostacoli inutili. Possiamo così combattere il cambiamento del clima e allo stesso tempo perseguire obiettivi globali nella lotta contro la povertà e la promozione della prosperità globale". In questo contesto il presidente della Confederazione Guy Parmelin ha chiesto agli ambienti economici di aiutare a migliorare l'informazione della popolazione in tale campo. Essa "deve capire meglio la portata e non temere per la perdita di impieghi". "Lancio quindi un appello all'economia svizzera perché si impegni per spiegare che gli accordi di libero scambio non aprono la via allo smantellamento dell'economia svizzera".

"È nostro dovere cercare sempre soluzioni creative che dimostrino che gli accordi di libero scambio che abbiamo sottoscritto contribuiscono allo sviluppo sostenibile, sia in Svizzera che presso i nostri partner stranieri", ha aggiunto il ministro dell'economia. "Il commercio internazionale è una soluzione e non un problema; l'apertura dei mercati garantisce un'economia libera che ci permetterà di superare la crisi scaturita dalla pandemia." Hirzel si è poi detto molto dispiaciuto "che l'accordo quadro con l'Ue sia fallito. L'accesso al mercato unico è ora minacciato da un deterioramento strisciante. Nell'immediato, bisogna evitare una spirale negativa nelle relazioni con l'Ue. A medio termine, sono necessarie nuove soluzioni che permettano di assicurare la via bilaterale."

Dal Consiglio federale sì a partenariato forte con l'Ue

Da parte sua Parmelin ha sostenuto che "la bilancia decisamente non pendeva a favore degli interessi svizzeri, ma la volontà del Consiglio federale è di mantenere un partenariato forte con l'Ue e abbiamo lanciato segnali forti di disponibilità a riprendere rapidamente il dialogo a Bruxelles". Alla 14esima Giornata dell'industria Swissmem dal titolo "Opportunità del libero scambio - motore per prosperità e sostenibilità" hanno partecipato oltre 500 persone del mondo economico, della politica, dell'amministrazione e della ricerca. Oltre a Hirzel e Parmelin hanno preso la parola anche il consigliere di Stato ticinese Christian Vitta, l'ex presidente della Banca nazionale svizzera e attuale vicepresidente della società d'investimenti americana BlackRock Philipp Hildebrand e l'ex ministro degli esteri tedesco Sigmar Gabriel.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordi libero scambio economia industria libero scambio lugano svizzera swissmem
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
3 ore
Pretorio di Locarno, scelto il progetto di ristrutturazione
Il via ai lavori, che dureranno quasi tre anni, è previsto all’inizio del 2025. Investimento complessivo: 35 milioni di franchi
Mendrisiotto
4 ore
Auto in fiamme sulla A2 direzione sud, disagi al traffico
Secondo quanto riporta il Tcs, la corsia di destra dell’ autostrada è chiusa fra la galleria San Nicolao e l’uscita di Mendrisio
Locarnese
9 ore
Analisi della violenza giovanile, tra malessere ed emulazione
Diversi episodi nel Locarnese. Le chiavi di lettura in un’intervista con Loredana Guscetti, operatrice sociale che lavora sul territorio
Luganese
9 ore
‘La città si spopola? Riduciamo i costi degli asili nido’
Interpellanza al Municipio di Lugano della liberale Viscardi propone un contributo erogato dalla Città
Ticino
9 ore
Case anziani, come sta uscendo il settore da 2 anni di pandemia
Dalla gestione del virus, allo stato d’animo di ospiti e personale, fino alle sfide future. Una panoramica con Eliano Catelli, presidente Adicasi
Ticino
22 ore
Telelavoro e frontalieri: si chiede omogeneità
Un’interrogazione chiede di parificare le soglie di impiego da casa oltre le quali scattano l’imposizione fiscale e quella previdenziale in Italia
gallery
Mendrisiotto
1 gior
Furgone prende fuoco a Rancate
Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato
Ticino
1 gior
Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo
In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
1 gior
Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte
Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Mendrisiotto
1 gior
Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici
La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
© Regiopress, All rights reserved