laRegione
un-estate-in-capanna-per-uscire-dal-covid
(Campo Tencia)
TURISMO
laR
 
28.06.21 - 05:30

Un’estate in capanna per uscire dal Covid

Dopo che l'estate scorsa la forte presenza di escursionisti svizzeri aveva in parte compensato i danni della pandemia, ora si guarda al futuro

Riparte il turismo e ricomincia anche la stagione delle capanne. La seconda sotto il segno – stavolta meno marcato, si spera – del coronavirus, che l’anno scorso ha indotto un calo tra il 20 e il 30% dei pernottamenti: non perché non vi fosse richiesta, ma perché le misure anti-Covid hanno significativamente ridotto i posti letto. «Per noi questo ha determinato un calo degli incassi nell’ordine del 20%», spiega Franco Demarchi, storico custode della capanna Campo Tencia, a 2’140 metri in alta Val Piumogna, sopra Dalpe: «A frenare il calo è stato il buon numero di coperti sul mezzogiorno, anche quelli comunque limitati dalle distanze di sicurezza. In questo senso, speriamo che ora Berna confermi l’intenzione di permettere il servizio a comitive più numerose sulle terrazze e a gruppi fino a sei persone all’interno». Resta il problema dei letti, «che qui da noi restano ridotti da 70 a 35. Un problema soprattutto per le strutture con grandi camerate, mentre quelle con stanze più piccole riescono in molti casi a contenere la contrazione della capienza».

L’anno scorso, comunque, la stagione non è stata da buttar via, complice anche la forte presenza di turisti ticinesi e più in generale svizzeri. Quanto all’estate in arrivo, «probabilmente la riapertura delle frontiere ci priverà di quegli ospiti che poco hanno a che fare con la montagna, ma che l’anno scorso per un motivo o per l’altro non erano andati al mare o altrove». Un turismo che pone anche i suoi problemi, come nota Demarchi, ‘capannaro’ da 31 anni che di gente lassù in cima ne ha vista passare: «Chiaramente è salito anche chi non aveva ben capito cosa significhi il soggiorno in alta quota, l’ospite che ti chiede magari il servizio lavanderia o la carta dei vini…». D’altronde il cambiamento è in corso da tempo, e tutto sommato non è sempre un male: «Negli anni le capanne sono diventate ambienti sempre più accoglienti e professionali, e questo ha permesso di attirare persone anche al di fuori della più ristretta cerchia alpinistica: penso in particolare alle famiglie. Una mano l’hanno data anche i nuovi percorsi mirati a valorizzare le cime e le capanne, nel nostro caso la Via Alta Idra. Nel frattempo la nostra passione è diventata sempre più una professione. L’importante è solo che si capisca cosa comporta salire in montagna, tanto in termini di comfort quanto di sicurezza e rispetto, della natura e del prossimo», conclude Demarchi.

I dati

In Ticino capanne e rifugi sono oltre 200, ma di essi solo 80 sono quelli che assicurano la stragrande maggioranza dei circa 50mila pernottamenti annuali: 40 hanno un custode e sono accessibili tutta l’estate, con servizio di ristorazione anche a mezzogiorno; nelle altre strutture occorre provvedere da soli a viveri e cucina. 130 sono i rifugi più piccoli – con meno di 10 posti letto – nelle zone più isolate. In generale il periodo di accessibilità va da metà giugno a metà ottobre, ma 15 possono essere frequentate anche in inverno per praticare sciescursionismo. Il Club alpino svizzero è proprietario di 11 capanne, la Federazione alpinistica ticinese di 31. Molte altre appartengono a comuni, patriziati e associazioni private.

Il costo della mezza pensione si aggira tra i 60 e gli 80 franchi per persona al giorno. Mentre le capanne di un tempo nascevano con camerate da 15 o 20 letti, quelle più nuove o recentemente ristrutturate preferiscono adottare soluzioni con camere da 4 o 6 letti, adatte anche alle famiglie. La capanna più antica del Ticino è quella di Campo Tencia, che ha oltre un secolo; la più recente è Piansecco, inaugurata nel 2020 e costata circa due milioni e mezzo di franchi. La maggioranza dei visitatori proviene da Svizzera tedesca e Germania; si contano anche molti romandi e italiani, ma non mancano ticinesi.

L’iniziativa

Un sottopiatto di carta per fare scoprire trenta capanne, con tanto di foto e informazioni fondamentali. L’iniziativa è della Federazione alpinistica ticinese (Fat), che quest’anno ha pensato anche ai bambini: sul retro del sottopiatto si trova infatti un classico ‘gioco dell’oca’ che parte dal punto più basso del Ticino (e della Svizzera: Ascona, a 196 metri sul livello del mare) per raggiungere quello più alto (la cima dell’Adula, 3’402 metri). Un viaggio che porta a conoscere le strutture alpine disseminate sul territorio ticinese, anche attraverso domande sul territorio e le stesse capanne (ad esempio: quali animali è più facile vedere dalla capanna Scaletta?). Il sottopiatto si trova in tutte le capanne Fat – associazione cappello che riunisce una quindicina di società alpinistiche locali –, ma anche in molti ritrovi pubblici del fondovalle.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
capanne montagna turismo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione
Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
8 ore
Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’
A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Mendrisiotto
9 ore
Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri
In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Ticino
9 ore
Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga
Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Locarnese
11 ore
83enne scomparso nel Verbano, le ricerche riprendono mercoledì
La navigazione, gli sport acquatici e la pesca saranno vietate dalle 7.30 alle 20 per un chilometro quadrato di fronte alla zona Vignascia nel Gambarogno
Bellinzonese
13 ore
Sbanda con l’auto, che si rovescia: una donna rischia la vita
L’incidente si è verificato attorno alle 13 sulla strada cantonale a Lodrino. Sul posto anche un elicottero della Rega
Locarnese
13 ore
Da Locarno a Berlino puntando tutto sulle proprie gambe
L’impresa di tre giovani locarnesi che in 35 giorni sono giunti a piedi nella capitale tedesca. Un viaggio anche introspettivo e di crescita personale
Luganese
14 ore
A casa di amici approfittò di una ragazza semi-incosciente
Tre anni e mezzo di cui sei mesi da espiare per un giovane giudicato colpevole di atti sessuali con persone inette a resistere o incapaci di discernimento
Luganese
14 ore
Depuratore di Bioggio, si potenziano gli impianti
Si parte con la progettazione esecutiva delle opere che prevedono di inserire anche la fase sui microinquinanti
Luganese
15 ore
‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio
Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
© Regiopress, All rights reserved