laRegione
17.06.21 - 22:00

Speziali lancia l'offensiva liberale: 'Agire senza tentennare'

Il presidente del Plr davanti al comitato cantonale traccia il futuro: 'Serve coraggio politico, torniamo a essere protagonisti nella società e nel dibattito'

speziali-lancia-l-offensiva-liberale-agire-senza-tentennare
Ti-Press

«La libertà deve tornare al centro della nostra azione politica». Il Partito liberale radicale torna a riunire in presenza il proprio comitato cantonale e, davanti alla sessantina di presenti stasera a Gordola, il presidente cantonale Alessandro Speziali lancia quella che sarà l’‘offensiva liberale’. Un rilancio, «adesso che finalmente ci stiamo congedando dalla pandemia», che Speziali vede come «una spinta ideale cui il Plr vuole contribuire invitando il paese intero e chi crede nei nostri valori a unirsi in questo cantiere, a questa ondata di proposte perché il contesto con il quale ci confrontiamo è spesso ostile alla responsabilità, alla libertà e al federalismo».

E sarà un’‘offensiva’ perché «bisogna agire senza tentennare. Durante la pandemia si sono incrinati concetti importanti come libertà e federalismo, e alcune forze politiche hanno usato questo anno e mezzo come un pretesto per spingere sull’acceleratore di una transizione sociale molto lontana da quella che la Svizzera conosce. Una transizione - continua Speziali - impostata su uno Stato non robusto ma invadente, non forte ma onnipotente, e noi siamo il Plr, il liberalismo è nato per capire il perimetro dell’individuo, della società e dello Stato». Uno Stato che, attacca Speziali, «sta diventando quasi morale, insegnando quale sia il cittadino bravo e quello non bravo, che va tassato o esposto alla sassaiola pubblica se osa uscire dal mainstream e da discorsi politicamente corretti».

Le pietre angolari dell'offensiva

E se «profilarsi significa avere coraggio politico, prendendo scelte non semplici che magari scontenteranno una sensibilità piuttosto che un’altra», il presidente del Plr snocciola quelli che saranno gli assi portanti di questa ‘offensiva’. Un lungo elenco che va «dall’ospedale universitario alla liberalizzazione dei commerci, dalla proliferazione di ricerca e competenze sul territorio grazie a Usi e Supsi per rendere il Ticino un polo di ricerca d’importanza nazionale, all’alleggerimento della fiscalità che attira patrimoni e gettito anziché perderli a una scuola pubblica con risorse per affrontare i propri cantieri e diventare quel fiore all’occhiello che rappresenterà le fondamento per il mercato del lavoro di domani». Ma non solo. Al centro del rilancio liberale radicale, spiega Speziali al proprio ‘parlamentino’, ci saranno «il potenziamento della formazione in ambito infermieristico, infrastrutture sportive e centri congressuali, la libertà per le aziende di assumere anche apprendisti, il fotovoltaico e l’idroelettrico, gli incentivi affinché le ditte possano organizzare i propri macchinari in vista delle sfide dei prossimi anni, il recupero degli edifici dismessi, misure di reinserimento professionale per il terziario, risorse per i progetti turistici contro la mummificazione del territorio».

‘Il mercato del lavoro soffre, alimentare la rete sociale’

Il mercato del lavoro, inutile girarci attorno, «subirà sempre più pressioni, soprattutto da una Lombardia massacrata dai lockdown italiani - sottolinea Speziali -. Dobbiamo alimentare una rete sociale fatta di misure di reinserimento, aiuti, pur sapendo che la miglior misura è ridare slancio alle aziende. Non quelle strane holding di cui non si sa nemmeno la ragione sociale, ma quell’80% dei aziende che sono le piccole e medie imprese, che fanno cose interessanti, danno tanti posti di lavoro. Dobbiamo armarci di innovazione, formazione, controlli ed equilibrio per ripartire con efficienza pensando ai prossimi vent’anni».

Dai liberali ‘fischiettanti’ di una volta ai liberali ‘più realisti’ di oggi

In tempi che cambiano, sempre più velocemente. E il liberalismo deve seguirli, interpretarli. Se «negli anni ‘80 o ‘90 c’erano dei liberali un po’ fischiettanti e tranquilli, oggi i liberali devono essere molto realisti, mantenere un contatto forte con tutte le fasce della popolazione. Vogliamo e dobbiamo evitare l’immobilismo per disegnare il Ticino dei prossimi vent’anni», afferma ancora Speziali. Che ha una certezza: «Non bisogna più parlare di centro, quando si parla dell’agone politico. È un termine un po’ asfissiato dalle altre narrazioni politiche, impercettibile, sfuggente. Dobbiamo, piuttosto, ribadire le potenzialità del discorso liberale, che contrasta la linea collettivista e statalista, due correnti innaturali se pensiamo alla storia svizzera e al paese che il nostro partito ha costruito».

Progressismo e interclassismo

Questa ‘offensiva’ «dovrà essere progressista, slegata da ogni conservatorismo che non fa parte della nostra storia. Scrivere il futuro è la nostra ambizione, e noi liberali che siamo meno massimalisti e assolutisti di altre forze politiche possiamo avere un ruolo di bandiera in questo cambio di passo per noi fondamentale». Progressismo protagonista, certo. Ma a braccetto con l’interclassismo «che è un nostro tratto distintivo, è per questo che dobbiamo coltivare la rete sociale, essere capaci di intravvedere e comprendere le difficoltà di alcune fasce della popolazione e dei rischi che un mondo sempre più competitivo e meno certo in ogni tappa della vita di una persona».

Dialettica prima, posizione nette dopo

Profilarsi vuol dire prendere posizioni nette, che magari non accontenteranno tutto il partito. Ma la cosa non sembra preoccupare Speziali, anzi: «Veniamo da una situazione di mezzo dove cercando di accontentare tutti alla fine non abbiamo accontentato nessuno. Sono convinto che i liberali capiscano che nella nostra dialettica c’è il nostro atout e la nostra forza di essere punto di riferimento di cui i cittadini hanno bisogno». Cittadini che, conclude il presidente del Plr, «nella politica vogliono un punto di riferimento. Non essere presi per mano, ma avere qualcuno accanto che gli faccia vedere quale può essere la direzione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’
Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Mendrisiotto
1 ora
Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’
Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Luganese
1 ora
Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato
La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
2 ore
Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada
Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Ticino
3 ore
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
4 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
5 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
5 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
5 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
5 ore
Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave
L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
© Regiopress, All rights reserved