laRegione
aziende-di-famiglia-un-patrimonio-comune
Archivio Ti-Press
Flavio Audemars, presidente di Aif Ticino
17.06.21 - 17:50

Aziende di famiglia, un patrimonio comune

Il tessuto economico ticinese è retto da una struttura di 26 mila imprese di cui la gran parte ha meno di dieci dipendenti

Con il nuovo Osservatorio sulle imprese di famiglia della Svizzera italiana, le aziende familiari dispongono ora di preziosi strumenti a supporto della loro importanza economica per il territorio. Nato dalla collaborazione tra Supsi e l’Associazione imprese familiari (Aif) Ticino, l’Osservatorio permetterà d’ora in poi di sviluppare studi sempre più precisi sul contributo delle imprese familiari allo sviluppo dell’economia cantonale.

I primi dati dell’Osservatorio sono stati presentati in occasione della conferenza stampa precedente la 6a Assemblea generale di Aif Ticino. Durante la stessa, Falvio Audemars, presidente di Aif Ticino che nel frattempo conta quasi cento soci ovvero imprese alla seconda generazione, ha messo l’accento sulla necessità di condizioni quadro favorevoli per stimolare la ripresa dopo la crisi. La gran parte delle imprese a conduzione familiare è legata a doppio filo al territorio e dunque dipende direttamente dalle condizioni quadro di cui esse possono beneficiare. Flavio Audemars ha sottolineato come la recente crisi del coronavirus abbia ulteriormente accentuato questo fatto. «Con il rifiuto delle iniziative agricole lo scorso finesettimana la popolazione ha lanciato un segnale chiaro in questo senso», ha affermato Audemars ricordando come il settore primario sia formato quasi per intero da aziende a conduzione familiare. All’orizzonte si pongono però nuove sfide che rischiano di penalizzare le condizioni quadro per le imprese di famiglia. Una di queste sfide, ha ricordato il presidente di Aif, è l’iniziativa denominata del 99% della Gioventù socialista sulla quale si voterà a settembre. Se accettata, a partire da una determinata soglia, il reddito da capitale verrebbe tassato in ragione del 150%. Anche le plusvalenze – in guadagni in conto capitale – verrebbero assoggettate. «L’iniziativa colpirebbe duramente anche la maggior parte delle imprese familiari svizzere sottraendo loro mezzi finanziari da investire in collaboratori, ricerca e infrastrutture». 

«Il tema dell’importanza delle imprese di famiglia per un territorio è ampiamente documentato e supportato da importanti studi internazionali e centri di competenza», ha ricordato da parte sua il professore Carmine Garzia, professore Supsi in ‘Imprenditorialità e strategia d’impresa’. Nella Svizzera italiana, l’Università della Svizzera italiana (Usi) funge da qualche anno da centro di ricerca specialistico per le tematiche del Family Business. Dal canto suo, l’Associazione imprese familiari (Aif) Ticino ha assunto un’importanza strategica sempre maggiore, rappresentando e raggruppando gli interessi degli imprenditori e delle imprenditrici di famiglia ticinesi – una realtà che, per il Canton Ticino, corrisponde a oltre il 60% del totale delle aziende presenti sul territorio.

Fatturato annuale pari a metà del Pil cantonale

Il peso economico, storico e sociale delle imprese di famiglia riceve ora un’ulteriore legittimazione con l’istituzione del nuovo Osservatorio sulle imprese di famiglia della Svizzera italiana. L’Osservatorio rafforza la collaborazione tra la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) e Aif Ticino, ed è nato per realizzare una mappatura sistematica delle caratteristiche delle aziende familiari operanti in Ticino con l’obiettivo di sviluppare studi approfonditi sul contributo delle imprese familiari allo sviluppo del territorio ticinese e sull’evoluzione delle condizioni quadro che favoriscono la crescita di queste aziende. L’Osservatorio è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori del centro Competenze management e imprenditorialità (Cmi) della Supsi, coordinato da Carmine Garzia, professore Supsi di strategia e imprenditorialità, e sotto la supervisione scientifica di Gianluca Colombo, professore di economia aziendale e Decano della facoltà di economia dell’Usi e presidente emerito del Comitato consultivo di Aif Ticino.

Lo studio ha permesso di censire circa 26 mila tra Sa e Sagl in Ticino, 8’329 delle quali – 6’338 Sa e 1’992 Sagl – a conduzione familiare. Il campione è stato poi sottoposto ad analisi accurate per comprendere le caratteristiche organizzative, i settori di riferimento e l’evoluzione della struttura proprietaria. Dai dati emerge un quadro significativo relativo al ruolo e all’importanza rivestiti dalle aziende di famiglia in Ticino. Secondo le stime, le Sa e le Sagl a conduzione famigliare presenti in Ticino forniscono infatti lavoro a 77’683 persone, con ricavi aggregati di circa 15 miliardi di franchi (metà del Pil cantonale, ndr). Aziende che, indipendentemente dalla forma giuridica, per la maggior parte risultano essere piccole imprese, ossia con meno di 10 dipendenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
imprese imprese famiglia osservatorio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
18 min
Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’
La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
46 min
Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne
Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
1 ora
Lugano: figli maltrattati, condannati i genitori
Tredici mesi, interamente sospesi per lei e parzialmente da espiare per lui e divieto di contattare i bimbi per due anni. Madre espulsa dalla Svizzera.
Luganese
4 ore
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
5 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
8 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
11 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
13 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
22 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
1 gior
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
© Regiopress, All rights reserved