laRegione
17.06.21 - 12:17
Aggiornamento: 29.07.21 - 17:23

Autismo, una guida per l'identificazione precoce del disturbo

Ramelli: ‘Fondamentale intervenire il prima possibile’. La pubblicazione ‘Campanelli rossi e verdi‘ è ora disponibile anche in francese e tedesco

autismo-una-guida-per-l-identificazione-precoce-del-disturbo
Depositphotos

Come capire se un bambino è affetto dal disturbo dello spettro autistico? Per rispondere a questa domanda la Fondazione Ares ha pubblicato anche in francese e tedesco il manuale ‘Campanelli verdi e rossi. Screening precoce nei disturbi dello spettro autistico per bambini da 0 a 3 anni’, in collaborazione con Lions Club e Rotary Club. «Una guida volta – viene spiegato durante l'incontro coi media – all'osservazione precoce dei comportamenti del bambino», che si rivolge a tutti gli operatori della prima infanzia. Essi sono «i riferimenti chiave per l'identificazione dei comportamenti atipici nello sviluppo del bambino».

Identificazione che è fondamentale venga fatta il prima possibile: «Oggi sappiamo, grazie alla letteratura internazionale e agli studi svolti anche a livello svizzero, quanto è importante l'intervento precoce nell'influenzare positivamente la qualità di vita nelle persone autistiche», ha affermato il direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa.

«Le ricerche hanno mostrato che non si tratta di un problema psicologico, ma di un modo differente di maturazione di determinate aree cerebrali. È importante intervenire il prima possibile perché col passare degli anni la ricettività del cervello diminuisce», ha spiegato Gian Paolo Ramelli, specialista in pediatria e neuropediatria all'ospedale San Giovanni di Bellinzona. Grazie a un percorso specialistico molti bambini autistici possono oggi acquisire determinate competenze sociali e venir integrati nella scuola, ciò è dovuto a «un'apertura di quest'ultima. Spero che la sensibilità aumenti ancora, per permettere a questi ragazzi di entrare maggiormente nel mondo del lavoro», ha affermato Ramelli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
43 min
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
46 min
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
1 ora
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
1 ora
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
1 ora
Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
1 ora
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
3 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
4 ore
Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati
Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
6 ore
La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina
Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
6 ore
Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro
Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
© Regiopress, All rights reserved