laRegione
turismo-invernale-in-ticino-pernottamenti-a-88
Ti-Press
08.06.21 - 18:30
Ats, a cura de laRegione

Turismo invernale, in Ticino pernottamenti a +88%

Dato in controtendenza rispetto ai dati nazionali, dove il crollo degli ospiti stranieri non è stato compensato dall'aumento della clientela svizzera

La stagione invernale 2020/2021 (cioè il semestre che va da inizio novembre a fine aprile) si è rivelata difficile per il turismo elvetico: il crollo degli ospiti stranieri (-70%) non è stato infatti completamente compensato dall'aumento della clientela elvetica (+17%).

Stando ai dati diffusi stamani dall'Ufficio federale di statistica (Ust) a livello nazionale sono stati registrati 9,4 milioni di pernottamenti, con una flessione del 26% su base annua.

L'unica regione in contro tendenza è il Ticino, che segna +88% a 688'000 pernottamenti. Sulla crescita gioca l'effetto base (nella stagione precedente le notti erano state 365'000), ma non solo: il dato assoluto è infatti anche ampiamente superiore ai 622'000 del 2018/2019 (+11%). Va peraltro anche considerato che quello invernale non è il semestre principale per gli operatori a sud delle Alpi.

I Grigioni, che invece sono il principale polo di attrazione elvetico del turismo invernale, hanno limitato le perdite nel 2020/2021, con un -7% (a 2,2 milioni), mentre il Vallese ha arretrato del 13% (a 1,5 milioni). Seguono la regione di Berna (-22% a 1,2 milioni), quella di Lucerna (-18% a 862'000) e quella di Zurigo (-63% a 745'000), che insieme a Ginevra (-68% a 333'000) risulta essere la zona più toccata dal calo.

A pesare fortemente - soprattutto nelle ultime realtà citate, quelle urbane - è stato il crollo della domanda estera, che ha generato solo 1,9 milioni di notti, contro 6,3 milioni nel 2019/2020. Gli svizzeri hanno invece trascorso maggiormente le vacanze in patria: le notti sono state 7,5 milioni, in aumento di 1 milione. I soggiorni di ospiti elvetici negli alberghi sono comunque limitati in media a 2,2 notti e anche gli stranieri non stanno molto più a lungo, con 2,8 notti.

Tornando ai dati complessivi e guardando i singoli mesi, novembre (-57%), dicembre (-50%), gennaio (-58%) e febbraio (-40%) presentano forti cali su base annua, mentre marzo (+47%) e aprile (+802% a 1,7 milioni) hanno mostrato un'impennata rispetto ai corrispondenti mesi del 2020, quando erano state introdotte le restrizioni sanitarie più drastiche per far fronte all'epidemia di coronavirus. La domanda dei due mesi in questione rimane però sensibilmente inferiore a quella di marzo (-44%) e aprile (-27%) del 2019.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ticino turismo invernale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’
La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
1 ora
Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne
In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Bellinzonese
4 ore
PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona
La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
4 ore
L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’
Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Luganese
5 ore
Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo
Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
10 ore
Centovalli, pompieri ancora al lavoro
Un fulmine sabato sera ha innescato un rogo boschivo sopra il Monte Sauree. Militi ed elicottero in azione. In corso la bonifica
Locarnese
11 ore
Hotel Arcadia, la Sinistra vuole vederci chiaro
Interrogazione al Municipio di Locarno sul clima di lavoro e le tensioni all’interno della nota struttura ricettiva
Bellinzonese
1 gior
Reintrodotto il limite di visite allo Iosi
Nei reparti di oncologia medica, ematologia e radioterapia potrà entrare un solo visitatore al giorno per massimo 30 minuti.
Bellinzonese
1 gior
Cassis incontra a Bellinzona la prima ministra estone
Durante i colloqui si è parlato di relazioni bilaterali e guerra in Ucraina, come pure dell’utilizzo delle nuove tecnologie nella politica estera.
Luganese
1 gior
Incidente a Lugano, deceduto un 72enne
È successo questa notte. L’uomo ha perso il controllo dell’auto mentre entrava in un garage.
© Regiopress, All rights reserved