laRegione
soffre-di-un-male-mai-visto-avere-una-diagnosi-e-un-odissea
(depositphotos)
laR
 
04.06.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:39

Soffre di un male mai visto, avere una diagnosi è un’odissea

L'Eoc apre in Ticino il Centro malattie genetiche rare per adulti e bambini: ne soffrono 7 svizzeri su 100. Ramelli: ‘Non vogliamo lasciarli soli’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quando nessuno capisce perché stai male, se c’è una cura o una speranza di stare meglio, è davvero dura. Si stima che 25mila  ticinesi (tra cui anche bambini) convivono con una malattia rara, alcuni di loro senza saperlo, altri obbligati a peregrinare da uno specialista all’altro senza ritrovarsi alla fine con una diagnosi certa. Odissee diagnostiche che a volte si concludono con la risposta che è un male psicosomatico. Per questi pazienti ora c’è un punto di approdo, dove trovare risposte, una diagnosi, sostegni mirati, anche sociali, grazie ad un team multidisciplinare di specialisti: è nato il nuovo Centro malattie rare della svizzera italiana (Cmrsi), patrocinato dall’Ente ospedaliero e dall’Associazione malattie genetiche rare della Svizzera italiana, con due porte di accesso (il Neurocentro della Svizzera italiana a Lugano per i pazienti adulti e l’Istituto pediatrico della Svizzera italiana (Ips) a Bellinzona per i bambini). 

Con il Ticino, i centri diventano nove in Svizzera. «Siamo felici di aver ricevuto il riconoscimento ufficiale da parte del Coordinamento nazionale malattie rare Kosek, che ci permette di aprire questa importante struttura», ci spiega il professor Gian Paolo Ramelli, neuropediatria e primario all’IPS che ha guidato il progetto con il prof. Alain Kaelin, direttore medico e scientifico del Neurocentro. «Abbiamo creato il CMRSI - spiega Ramelli - sfruttando organizzazione e competenze già esistenti». Fino ad ora i pazienti hanno faticato parecchio ad ottenere informazioni esaustive, l’accesso a istituti specializzati e la possibilità di rivolgersi a medici esperti. Tutto questo ora dovrebbe cambiare. 

Colpiti 7 svizzeri su cento 

Si stima esistano tra 6mila e 8mila malattie rare, anche se nella letteratura ne vengono descritte regolarmente di nuove. Sono patologie non comuni (che riguardano 5 casi ogni 10mila abitanti) spesso di origine genetica che creano sofferenza, possono portare alla morte o all’invalidità cronica. Sembrano numeri piccoli, ma in realtà messe tutte insieme, le malattie rare bussano alla porta di 7 svizzeri su 100, ossia circa 580 mila persone. Il nuovo centro in Ticino stima di accogliere una ventina di pazienti l’anno. 

Soprattutto i medici di famiglia hanno un ruolo importante. “Sia il curante, sia il paziente stesso potranno contattare il centro, dove un'infermiera dell’associazione malattie genetiche valuterà come aiutare. Se non c’è una diagnosi, il paziente verrà preso in carico dal team multidisciplinare di specialisti del CMRSI che farà tutti gli accertamenti diagnostici e, una volta chiarito il problema, lo indirizzerà a un centro di riferimento. Se il paziente ha già una diagnosi, verrà messo in contatto con un esperto per la sua malattia in Ticino o in Svizzera».


Il prof Gian Paolo Ramelli, neuropediatria, primario all'Istituto pediatrico della Svizzera italiana

Fare una corretta diagnosi è il punto critico, perché gran parte di queste malattie rare, in prevalenza di origine genetica, sono poco conosciute, ci sono pochi studi e poca letteratura, i primi sintomi possono manifestarsi già poco dopo il parto o durante l’infanzia. «Purtroppo non per tutti c’è una cura efficace. Ma negli anni, grazie alla genetica, strumenti diagnostici e terapie sono migliorati molto e non vogliamo lasciare questi pazienti soli quando possiamo migliorare la loro qualità di vita». 

I problemi da affrontare sono numerosi: “Oltre ad avere una diagnosi affidabile, c’è il problema di veder riconosciuto il proprio problema di salute dal datore di lavoro e dalle assicurazioni sanitarie. A volte gli aiuti sociali ci sono ma i pazienti non li conoscono e quindi non possono accedervi», precisa il prof. Ramelli.

Gli chiediamo che cosa significa per un pediatra non poter aiutare un bambino ammalato. «Guardi purtroppo capita ed ogni volta è una grossa frustrazione e una grande sofferenza. Non poter dare un futuro a chi si affaccia sulla vita e speranza ai suoi genitori è molto logorante come medico, come uomo, come padre», sottolinea.   

Le tappe 

I ritardi della politica  

Per lungo tempo questi pazienti sono stati lasciati soli, ma poi la politica si è data una mossa. Nel 2016 il Consiglio federale ha approvato un piano nazionale di sostegno che prevede la creazione di centri di riferimento per le malattie rare, garantire l’accesso e il rimborso per gli esami diagnostici e le terapie, promuovere ricerca e formazione. I primi centri sono nati negli ospedali universitari. A fine maggio il Coordinamento nazionale Kosek ha dato luce verde a tre candidature, Ticino, Aarau e Lucerna, ora i centri sono nove.  «Lavorare in rete con gli altri centri nazionali è un grande vantaggio per tutti i pazienti». 

Ora che anche in Ticino c’è un Centro dedicato alle malattie rare è un ottimo traguardo ma c’è ancora molto da fare. Il prossimo obiettivo, precisa Ramelli, «sarà definire i centri di referenza per le singole malattie rare, dove inviare i pazienti se non si possono curare in Ticino e anche creare un registro di questa patologie», conclude il pediatra. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eoc malattie rare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
11 min
A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso
Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli dal Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
Mendrisiotto
2 ore
Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta
La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni
Ticino
3 ore
Incidente sul Susten, due docenti le vittime
Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport attiva il sostegno psicologico per gli allievi e i colleghi delle due vittime
Luganese
8 ore
Se Cenerentola avesse avuto a disposizione un’app
Passa da una ‘prova’ virtuale, per permetterne l’acquisto perfetto, l’applicazione ideata per Bally, noto brand di lusso svizzero
Mendrisiotto
8 ore
‘In futuro Chiasso saprà far valere le sue potenzialità’
Quattro chiacchiere con Francesca Cola Colombo, dallo scorso mese di maggio responsabile marketing della cittadina di confine
Ticino
18 ore
Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio
Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Ticino
18 ore
Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto
Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Bellinzonese
19 ore
Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli
Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Ticino
20 ore
Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio
Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Luganese
21 ore
Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare
Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
© Regiopress, All rights reserved