laRegione
01.06.21 - 17:08
Aggiornamento: 18:32

Valore locativo, passa lo sgravio dell'Udc. Ma non è finita

Sì del Gran Consiglio alla modifica proposta da Pamini. Ma Durisch (Ps) non ci sta: ‘Proposta incostituzionale, valutiamo ricorso al Tribunale federale’

valore-locativo-passa-lo-sgravio-dell-udc-ma-non-e-finita
Ti-Press

In caso di una sostanza imponibile inferiore a 500mila franchi e su richiesta del contribuente, il valore locativo imponibile può ammontare al massimo al 30 per cento delle entrate in contanti. È quanto deciso dal Gran Consiglio con 42 favorevoli (Plr, Ppd, Udc, Più donne) e 23 contrari (Ps, Verdi, Mps, Pc). Il parlamento dà quindi il proprio semaforo verde all'iniziativa parlamentare elaborata di Paolo Pamini (Udc) che, così, va a modificare l'articolo 20 della Legga tributaria inserendo una norma presente già in altri cantoni. Dal 1° gennaio 2022, trascorsi i termini per chiamare un referendum, insomma si cambia.

A essere tutto tranne che convinto è il relatore del rapporto di minoranza Ivo Durisch (Ps): «È sbagliato usare la fiscalità per fare socialità, per noi questa è una proposta incostituzionale e non raggiunge l’obiettivo. Il vantaggio per le persone coinvolte sarebbe di circa 70 franchi al mese, non cambierebbero la qualità della loro vita e anzi, ad avvantaggiarsi della modifica sarebbero i proprietari degli immobili più cari. La nostra proposta - riprende il capogruppo socialista - è quella, già formulata, del prestito vitalizio ipotecario a beneficio di persone con più di 60 anni».

Maderni (Plr): ‘Importante supportare chi è svantaggiato’

Ma il sostegno alla proposta di Pamini è ampio. A partire dai liberali radicali, con Cristina Maderni che rileva come «il valore locativo da sempre è una voce della dichiarazione fiscale che viene discussa, e la ragione principale è che viene considerato un reddito imponibile mentre nella realtà non lo è, non costituisce un’entrata monetaria: è evidente a tutti che si tratta di una voce importante di aggravio soprattutto per il ceto basso e medio». Il sostegno del Plr è motivato dal fatto che «sia importante supportare al più presto coloro che vengono più svantaggiati, come i pensionati che hanno già pagato la proprietà e non possono dedurre gli interessi passivi. A beneficiarne sarebbero 3’500 contribuenti». E punzecchia la Lega, appena uscita dal Gran Consiglio per protesta sul caso Molino: «Oggi la presenza in aula ai lavori parlamentare permette di prendere tutte quelle decisioni utili che quando si annunciano occorre anche difendere e portare avanti».

A favore anche il Ppd, con il capogruppo Maurizio Agustoni che afferma si tratti di «una vera e propria misura di sostegno al ceto medio e basso, a chi ha risparmiato tutta la vita per comprarsi una casa e si vede imporre un reddito fittizio con un aggravio fiscale che difficilmente riesce a sostenere».

Pollice verso dai Verdi, perché per Samantha Bourgoin «la proposta potrebbe sembrare interessante, ma per chi fa fatica perché non ha abbastanza liquidità e non può far capo agli aiuti tenendo conto della sostanza 700 franchi l’anno sono positivi ma non sufficienti». 

Morisoli (Udc): ‘La proprietà privata è un valore’

Sugli scudi a difesa della proprietà privata è il capogruppo Udc Sergio Morisoli, che festeggia: «Questo è un piccolo sgravio fiscale e, guardando alla storia, il primo dal 2001 a favore del ceto medio basso di origine puramente cantonale senza pressione federale. Un primo passo dopo vent’anni per fare una cosa buona e giusta, valorizzando la proprietà privata del cittadino comune, che è un’istituzione virtuosa, va salvata e difesa a ogni costo. Non deve diventare qualcosa da strizzare o eliminare. E ai Verdi dico che 700 franchi è meglio di zero».

Dopo la bocciatura della proposta giunta dal Consiglio di Stato, il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta annota che la richiesta di aspettare è dovuta al fatto che dai lavori commissionali del Consiglio degli Stati è emersa la proposta di abolire tout court il valore locativo, e il Consiglio federale dovrebbe presto chinarsi sulla questione per un parere. Tant’è, la modifica (anche senza la Lega) è passata con agio.

Durisch (Ps): ‘Valutiamo il ricorso’

Ma non è detto che sia finita. «Stiamo valutando di inoltrare un ricorso al Tribunale federale - spiega Durisch alla ‘Regione’ nei corridoi del Gran Consiglio -. Con una sentenza è stato messo nero su bianco che non si possa andare sotto al 60%, quindi quella appena votata è una proposta anticostituzionale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
31 min
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
4 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
4 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
4 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
13 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
14 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
15 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
15 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
16 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
16 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
© Regiopress, All rights reserved