laRegione
31.05.21 - 18:28
Aggiornamento: 26.03.22 - 14:57

La pandemia non ha fermato i pompieri. Attesa per la legge

Più di tremila interventi durante il 2020. Ora si aspetta il rapporto della Commissione per ‘una legge moderna e confacente alle esigenze attuali’

la-pandemia-non-ha-fermato-i-pompieri-attesa-per-la-legge
Ti–Press

Sono 3’075 gli interventi che hanno coinvolto i corpi dei pompieri ticinesi nel 2020, 137 in più rispetto al 2019. È quanto emerge dal resoconto della Federazione pompieri Ticino (Fpt). Un dato comunque in linea con quello degli ultimi anni. Le operazioni che hanno impiegato maggiormente i militi sono legate agli allarmi di impianti automatici, seguite da quelle che concernono le acque. Per quanto riguarda la nuova legge cantonale pompieri, gli attori sono stati ascoltati nell’autunno scorso dalla Commissione costituzione e leggi e potrebbe essere pronto il rapporto da presentare in parlamento. «Il 2020 è stato un anno particolare e difficile. Anche l’attività dei pompieri è stata colpita dalla pandemia. Le restrizioni hanno impattato sul programma di formazione e cambiato la modalità d’incontro e di lavoro. In ogni caso non abbiamo mai interrotto le attività di soccorso», spiega il tenente colonnello Corrado Tettamanti, presidente del Consiglio direttivo della Fpt. Corsi e formazioni che sono un pilastro importante: «È la base per garantire l’acquisizione di quegli automatismi che in caso di allarme fanno guadagnare minuti preziosi». Inoltre, lo scorso dicembre la commissione di certificazione della Coordinazione svizzera dei pompieri ha deciso di attribuire il ‘Quality label’ al corso cantonale di formazione metodologia e didattica organizzata dalla Fpt: una prima per il Ticino.

In discussione i finanziamenti

«Un ambito che ci ha visti particolarmente sollecitati è stato quello relativo alla futura legge cantonale sui pompieri che non si è ancora concretizzato – prosegue Tettamanti –. La commissione costituzione e leggi del Cantone ci ha ascoltato in audizione in ottobre per trattare la tematica e in seguito ha incontrato anche i comandati dei centri di soccorso cantonali delle cinque regioni in novembre. Speriamo che questi siano segnali positivi per dotarci presto di una legge moderna e confacente alle esigenze attuali». La legge continuerà a regolare l’attribuzione dei lavori su mandato da parte dei dipartimenti cantonali competenti. Gli aspetti nuovi in discussione, precisa il tenente colonnello, sono principalmente legati al finanziamento dei corpi pompieri. «I lavori sono ancora in corso. A seguito delle ultime audizioni avute si stanno valutando adeguamenti e margini di miglioria rispetto al messaggio governativo», ci dice il presidente della commissione Nicola Corti (Ps).

Un 2020 che ha apportato altri cambiamenti, tra cui la modifica degli statuti che, nel luglio scorso, hanno dato un nuovo nome alla federazione: «Una nuova ‘governance’, nuovi organi e una struttura più snella nella gestione», dice Tettamanti, che ricorda l’entrata dei pompieri nella struttura della Centrale cantonale d’allarme (Cecal) a Bellinzona: «Un’unificazione con gli altri organi di primo intervento che segnano una concezione ancora più attuale ed efficace circa la ricezione e il trattamento delle richieste. Tutto in uno spirito di collaborazione».

Gli interventi per incendio sono stati quasi 550

Le mobilitazioni che nel 2020 hanno registrato il maggior incremento, rispetto al 2019, sono state quelle legate all’acqua: 610, dunque 184 in più dell’anno prima. Questo, spiega Tettamanti, è fortemente legato alle condizioni climatiche. Restano comunque in cima alla classifica le azioni legate agli allarmi di impianti automatici. Per quanto concerne gli incendi, i corpi pompieri sono stati sollecitati 547 volte, per le sostanze pericolose 603, per salvataggi 189 e 45 per gli incidenti. Si registrano inoltre 204 falsi allarmi. I costi, a carico del fondo incendi, sono stati nel 2020 di quasi 2,7 milioni di franchi, circa 500mila in più rispetto al 2019. «Ciò è dovuto a diverse mobilitazioni importanti e agli incendi boschivi che hanno richiesto l’utilizzo di aerei ed elicotteri. In particolare quello sulla Cima della Trosa (Locarnese) e un altro a Isone (Luganese)», spiega Tettamanti. Dal 2013 l’effettivo dei pompieri è sempre stato in calo. Il 2020, invece, va in controtendenza con 24 militi in più, per un totale di 1’398 di cui 62 donne. Di tutti i pompieri il 4 per cento ricopre l’incarico a tempo pieno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
17 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
17 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
19 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
20 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
20 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
21 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved