laRegione
29.05.21 - 18:34
Aggiornamento: 30.05.21 - 15:16

Bellinzona, manifestazione per il personale sociosanitario

L'evento si è svolto questo pomeriggio in Piazza Governo e ha visto la partecipazione di circa 200 persone

bellinzona-manifestazione-per-il-personale-sociosanitario
Ti Press

Sono circa 200 le persone che questo pomeriggio si sono ritrovate in Piazza Governo a Bellinzona, a partire dalle 14, per chiedere migliori condizioni contrattuali e nuove assunzioni all'interno del settore sociosanitario. La manifestazione è stata organizzata e sostenuta dai Sindacati Ocst, Sit, Vpod, dall’Associazione Infermieri, da Labmed e da altre associazioni del personale medico-tecnico.

"Il virus Covid-19 mette a dura prova il personale sociosanitario. In questo periodo di crisi pandemica, noi operatrici e operatori del settore siamo più volte stati considerati indispensabili e visti come eroi(ne) di guerra", si legge in un comunicato. "Tuttavia, va ricordato che indipendentemente dalla pandemia, siamo confrontati giornalmente con situazioni complesse, gioie e dolori. Dobbiamo cercare il giusto equilibrio tra professionalità ed empatia verso i pazienti, altrimenti rischiamo di diventare noi stessi quelli che avranno bisogno di cure".

L’opinione pubblica e la politica "si dimenticano spesso che quanto viene fatto giornalmente nelle strutture ospedaliere, nelle case anziani, nei servizi di assistenza e cura a domicilio, nelle istituzioni sociali e nelle strutture sociopsichiatriche è la norma, da quando esistono queste professioni". Prosegue il comunicato. "I turni nei giorni festivi e di notte, la burocrazia, lo spostamento frequente dei giorni di riposo, i picchetti cui siamo sottoposti… spiegano perché noi operatrici e operatori sociosanitari siamo sovente stanchi".

"Essere compresi e valorizzati"
"Abbiamo scelto questo lavoro perché ci dà soddisfazione, perché essere al servizio di chi ha bisogno delle nostre cure è fonte di gioia e ci fa sentire utili" si legge ancora. "Ma per essere performanti abbiamo bisogno di essere compresi e valorizzati, riconoscendo quanto facciamo tutti i giorni. Desideriamo essere adeguatamente considerati in termini di salario e di tempo libero. Abbiamo bisogno di forme generalizzate di prepensionamento per il personale anziano logorato ed esaurito. Vogliamo avere a disposizione più effettivi per poter disporre di turni di lavoro meno pesanti e con i giusti tempi di recupero". E, inoltre, "chiediamo una ripartizione dei compiti nelle strutture sociosanitarie che permetta di prendere a carico i pazienti con la calma e l’attenzione che si meritano, così come abbiamo imparato a fare. Senza tutto ciò, un personale stanco e demotivato rischia di commettere errori e di entrare nella routine, che è il vero veleno per la qualità delle cure".

Viene poi sottolineata anche l’importanza di "avere il tempo per introdurre i nuovi assunti e per insegnare bene agli allievi, che rappresentano il nostro futuro. Oggi manifestiamo affinché le nostre bellissime professioni vengano pienamente riconosciute e speriamo che i miglioramenti per i quali lottiamo possano stimolare altre/i giovani a intraprendere questo cammino professionale".

Per questo "ci appelliamo al Cantone e ai Comuni chiedendo loro di migliorare il finanziamento dei contratti di prestazione con le strutture ospedaliere, con le case anziani, con i servizi territoriali, con le istituzioni sociali e con le strutture e i servizi sociopsichiatrici". Si chiede inoltre alle autorità di "deliberare finalmente i mezzi economici necessari per migliorare le condizioni di lavoro e per garantire la qualità delle cure e della presa a carico di pazienti, di anziani e di invalidi".

 

 


 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
I soldi non sono arrivati, il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù
Locarnese
3 ore
La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale
Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
5 ore
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
5 ore
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Ticino
13 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
13 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
14 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
14 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
15 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
15 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
© Regiopress, All rights reserved