laRegione
18.05.21 - 16:23
Aggiornamento: 16:53

Udc, cinque decreti per rinnovare la scuola ticinese

In mancanza di un’alternativa alla ‘Scuola che verrà’, il gruppo propone di modificare leggi e regolamenti per una scuola ‘conforme alle necessità reali’

udc-cinque-decreti-per-rinnovare-la-scuola-ticinese
Ti–Press

“Dopo aver atteso lungamente e vanamente che il Governo presentasse un’alternativa al progetto ‘La scuola che verrà’ – respinto nel 2018 dal popolo ticinese –, vogliamo agire proattivamente ed efficacemente”, scrive l’Udc, che propone cinque decreti legislativi presentando “una linea di rinnovamento della scuola ticinese rispettosa della volontà popolare e allo stesso tempo conforme alle necessità reali interne ed esterne al mondo scolastico, nonché adatta ad affrontare le sfide cui i giovani saranno confrontati nei prossimi decenni”. La forma scelta è quella delle iniziative elaborate “per permettere al Governo e al Parlamento di esprimersi il più velocemente possibile”, si legge nel comunicato.

Fra i punti toccati dai decreti, il riconoscimento di maggiore responsabilità e libertà per i docenti, un’accresciuta partecipazione dei genitori nella vita dell’istituto come pure la possibilità di scegliere in quale scuola del comprensorio mandare i figli. Un’altra richiesta è quella trasformare tutte le sedi di scuola pubblica in unità amministrative autonome: “Le sedi devono beneficiare di maggior autonomia nel gestire le varie situazioni e anche le griglie orarie non devono essere rigide. Ci sono specificità e differenze fra le scuole che vanno colte”, si legge nella terza iniziativa elaborata. Riguardo ai livelli nelle scuole medie l’Udc non desidera abolirli, ma crearne di qualitativamente diversi “in funzione di sbocchi differenti”. Nell’ultimo decreto proposto, il gruppo punta a “riproporzionare le competenze scolastiche, troppo neglette, con le competenze sociali, troppo enfatizzate, sia in quantità che in qualità”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
6 ore
La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa
Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
6 ore
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
14 ore
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
14 ore
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
14 ore
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 gior
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
1 gior
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
© Regiopress, All rights reserved