laRegione
laR
 
05.05.21 - 05:30
Aggiornamento: 26.03.22 - 14:52

Levatrici, figura importante ma poco considerata

La commissione parlamentare: ‘Auspicato un maggior riconoscimento del ruolo e una migliore comunicazione’

levatrici-figura-importante-ma-poco-considerata
Depositphotos

Ansie, dubbi, paure e gioie. Tutte le famiglie, al momento dell’arrivo di un figlio, provano questi sentimenti, ma non sono sole. Accanto a loro c’è la figura della levatrice, ruolo che però va rafforzato. A chiederlo con una mozione, nel maggio dell’anno scorso, sono stati alcuni deputati al Gran Consiglio con prima firmataria la socialista Gina La Mantia. Il rapporto commissionale su tale mozione, firmato da Sara Imelli (Ppd) auspica "un maggior coinvolgimento delle levatrici nelle informazioni necessarie e nel riconoscimento del loro ruolo". Maggior coinvolgimento, sì, perché a numerose richieste della sezione ticinese della Federazione svizzera delle levatrici (Fsl–Ti), l’Ufficio del medico cantonale e quello del farmacista cantonale non hanno mai dato seguito o solo con tempi lunghi.

Materiale sanitario: ‘Non siamo state considerate nel contingente’

«All’inizio della pandemia da coronavirus non eravamo calcolate nelle figure di base, per cui quando c’era difficoltà nel reperire materiale non siamo state considerate nel contingente», spiega Francesca Coppa Dotti, co–presidente della Fsl–Ti. «Grazie a colloqui telefonici siamo riusciti a trovare un compromesso, ma l’interazione è sempre molto faticosa. Non riceviamo le comunicazioni ufficiali e della riapertura dei reparti di maternità presso gli ospedali di Locarno e Mendrisio ne siamo venute a conoscenza tramite i giornali».

Riguardo al materiale, la federazione ha sollevato altre perplessità: «Non ci è sembrato sensato il fatto che le levatrici indipendenti dovessero avere delle mascherine di tipo ffp2 in riserva quando le colleghe in sala parto non avevano il diritto di utilizzarle. Nemmeno quando la donna in travaglio era positiva al Covid–19», fa presente Coppa Dotti che aggiunge: «Non tutte le levatrici lavorano alla stessa percentuale, con il medesimo numero di pazienti, quindi i dispositivi individuali in riserva non possono essere gli stessi».

Il momento del parto è molto delicato e per una donna è importante poter contare sulla presenza di una persona di fiducia. A causa delle disposizioni sanitarie, alle partorienti positive al coronavirus non è però possibile essere accompagnate in sala parto. È pure vietato l’accesso a un’altra persona positiva. «L’idea di rimanere ‘sole’ in quel momento fa molta paura – dice la levatrice –. E noi possiamo solo dire che sono le regole. Ci piacerebbe però avere delle spiegazioni da parte delle autorità sanitarie, in modo da poter parlare in modo chiaro alla donna che stiamo seguendo». Per Coppa Dotti è necessario rendersi conto che l’arrivo di un figlio è un momento molto speciale della vita e che con piccoli aggiustamenti esso può essere vissuto in maniera serena nonostante la pandemia.

Figure di riferimento per le donne

Le levatrici, al riguardo, fanno molto e spesso sostituiscono le figure di riferimento che alcuni anni fa erano maggiormente presenti in una famiglia. «C’erano magari una zia, una sorella, una mamma, che con la loro esperienza sostenevano la donna. Ora le famiglie sono sempre più piccole e ‘isolate’, dunque il lavoro della levatrice diventa ancor più fondamentale», dice Francesca Coppa Dotti che spiega perché è importante rinforzare questo ruolo: «Ci occupiamo di donne sane e promuoviamo la salute di tutta la famiglia a partire dal concepimento fino al termine dell’allattamento. Con una presa a carico unicamente medica, si rischia di cercare principalmente quello che non funziona». Le gravidanze seguite totalmente in autonomia da una levatrice sono poche, spiega Coppa Dotti, ma si sta affermando sempre di più una presa a carico mista fra levatrice e medico: «Noi abbiamo l’autonomia di seguire tutte le situazioni fisiologiche, cioè normali, della mamma e del bambino. Deferendo al medico quando riscontriamo delle variazioni o problematiche».

Una presa a carico generale che include tutto il nucleo familiare: «Il nostro lavoro comprende un aspetto educativo, di accompagnamento e salute pubblica. L’arrivo di un bambino è un momento particolarmente recettivo per fare delle scelte che vanno nel senso di una migliore salute. Si è spinti e pronti a prendere delle decisioni che nella vita frenetica quotidiana non si prenderebbero. Un esempio può essere diminuire o smettere di fumare».

Una presenza importante, ribadita in occasione della giornata internazionale delle levatrici in calendario oggi. "I numeri parlano chiaro: rafforzando l’assistenza perinatale gestita dalle levatrici si potrebbero evitare dai due ai tre milioni di decessi in tutto il mondo da qui al 2035", comunica la Fsl.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
43 min
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
43 min
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
9 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
10 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
10 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
12 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
12 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved