laRegione
28.04.21 - 13:33
Aggiornamento: 26.03.22 - 14:51

Contro il frastuono delle strade arriva il ‘rumorometro’

‘Un’esposizione al rumore eccessiva e prolungata genera un accumulo di stress psicofisico, con conseguenza anche gravi’

contro-il-frastuono-delle-strade-arriva-il-rumorometro
Dt

Circa 2,6 miliardi di franchi all’anno. È la stima dei costi per la salute causati dal frastuono del traffico stradale, ferroviario e aereo. Lo comunica l’Ufficio di coordinamento ‘Giornata contro il rumore’, in calendario oggi. Per sensibilizzare gli automobilisti circa questo problema, il Dipartimento del territorio (Dt) ha messo in funzione per la prima volta in Ticino il ‘rumorometro’, che attualmente si trova in via Zorzi a Bellinzona.

Si tratta di un dispositivo che rileva i decibel emessi dal passaggio dei veicoli e che informerà i conducenti tramite un display luminoso. ‘Grazie!’ il messaggio che appare sotto gli 83 decibel, ‘Rumore!’, al di sopra. Funziona dunque in modo analogo a un radar amico, che ha l’intento di rendere consapevoli le persone, ma che non che non emette multe. Infatti, "in linea con lo spirito di sensibilizzazione della campagna ‘Spegniamo il rumore!’, non sono previste sanzioni", precisa il Dt.

Il rumorometro registrerà i dati di tutti i passaggi, così da accertare "il livello sonoro, il numero e il tipo di veicoli che provoca più frastuono", si legge nel comunicato. Durante tutto il periodo di rilevamento, i dati raccolti saranno accessibili al pubblico tramite la piattaforma Oasi sul sito web del Cantone. A partire da settembre i Comuni interessati potranno richiedere un’installazione temporanea del dispositivo sul loro territorio.

«Il rumore più diffuso, sia in Ticino che in Svizzera, è quello stradale», ci spiega Ennio Malorgio, capo dell’Ufficio della prevenzione dei rumori. «Questi suoni costanti colpiscono in modo continuo e possono influire sullo stato psicofisico. Problematici sono anche quelli che fanno sobbalzare, soprattutto in momenti sensibili come la notte. Si distinguono particolarmente per la loro intensità e possono perturbare il sonno, influendo sulla salute».

A livello federale ci sono dei valori limite, ma non per tutti i suoni, come nel caso di quelli provocati dal vicinato. «In queste situazioni viene trattato caso per caso e di solito sono le autorità locali che valutano la questione. Conoscendo meglio la situazione del luogo, possono capire se quel rumore può essere molesto o meno», dice Malorgio. Un esempio è l’utilizzo del tosaerba che è consentito in determinati orari: «Se questi ultimi vengono rispettati, bisogna avere da entrambe le parti un po’ di comprensione. Tutto dipende dal momento in cui viene creato il frastuono e di che tipo si tratta. Più è impulsivo e si distingue da quelli circostanti, più viene percepito come una molestia».

Tornando alle strade, le auto elettriche potrebbero essere la soluzione? «Questi veicoli hanno un beneficio sull’aspetto fonico soprattutto a basse velocità – spiega Malorgio –, ma già a partire da 25–30 chilometri orari il rumore di rotolamento delle ruote sull’asfalto è predominante su quello del motore. Per cui all’interno di una località dove ci si muove lentamente, l’elettrico ha sicuramente un vantaggio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
12 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
12 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
14 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
15 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
16 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
16 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved