laRegione
20.04.21 - 15:43

‘Per il Covid-19 mi testo così’

Le autorità sanitarie hanno allestito una pagina web e un video esplicativo per fare correttamente i tamponi per l’autodiagnosi

per-il-covid-19-mi-testo-cosi
Archivio Ti-Press

La popolazione dispone oggi di numerosi test per il coronavirus, che hanno caratteristiche profondamente diverse: per evitare confusione e risultati fuorvianti, che potrebbero generare false sicurezze, le autorità cantonali considerano fondamentale che per ogni situazione venga scelto il test più appropriato. Per fare chiarezza sul tema, è stato quindi pubblicato un flyer informativo, accompagnato da una pagina web sul portale dedicato.

L’arrivo nelle farmacie ticinesi dei metodi autodiagnostici, i cosiddetti ‘test fai da te’, ha ampliato ulteriormente le possibilità di verificare la presenza di un contagio da coronavirus. Per utilizzare in maniera corretta questi strumenti, è però necessario seguire una semplice procedura che distingue tra la presenza o l’assenza di sintomi.

Cosa fare in presenza di sintomi

In presenza di un minimo sintomo del Covid-19 (mal di gola, tosse, perdita di gusto e/o olfatto), è imperativo sottoporsi subito al test Pcr, annunciandosi alla Hotline cantonale (al numero 0800 144 144) o al proprio medico. È inoltre possibile farsi testare in una farmacia autorizzata (la lista è pubblicata sulla pagina web www.ti.ch/coronavirus). Il test è gratuito: in attesa del risultato, occorre porsi in auto-isolamento. In caso di peggioramento dei sintomi, è possibile rivolgersi al proprio medico o alla guardia medica (al numero 091 800 18 28).

Cosa fare in assenza di sintomi

Prima di un incontro con persone a rischio (per esempio prima di una visita in ospedale o in casa anziani) è invece necessario rivolgersi a una delle farmacie autorizzate, per un test rapido. La procedura è anche in questo caso gratuita, poiché i costi sono coperti dalla Confederazione. Va sottolineato che il test ‘fai da te’ non va utilizzato in caso di incontri con persone vulnerabili oppure in presenza di sintomi.

Chi intende farsi testare in vista di un incontro con persone non a rischio (per esempio prima di una cena con amici, un incontro di lavoro, ecc.) può rivolgersi a una farmacia autorizzata. In queste circostanze è ammesso anche il test autodiagnostico (‘fai da te’), da ritirare gratuitamente in farmacia. In questo caso è importante seguire le istruzioni di utilizzo. A questo proposito segnaliamo che la Confederazione ha realizzato un video informativo sul corretto utilizzo.  

In ogni circostanza, di fronte a un test ‘fai da te’ positivo è necessario annunciarsi alla Hotline cantonale (al numero 0800 144 144) o al proprio medico, per eseguire un test Pcr di conferma.  

Le autorità cantonali ricordano che un risultato negativo del test ha un valore limitato nel tempo, indicativamente solo per il giorno in cui è stato eseguito: in altre parole, significa che la persona non è contagiosa nel momento in cui ha svolto il test ma ciò non esclude la presenza di un’infezione da coronavirus. Perciò un eventuale incontro con persone non a rischio può avvenire solo nelle ore immediatamente seguenti un test negativo. Per lo stesso motivo è poi essenziale continuare ad applicare sempre tutte le regole di protezione (distanza, mascherina, igiene delle mani).

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
10 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
10 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
11 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
11 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
12 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
12 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
13 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Mendrisiotto
17 ore
Morbio Inferiore, tra incubi del vetro e turismo del rifiuto
L’ecopunto in via Pascuritt è molto gettonato, tanto che, secondo un residente della zona, ogni giorno ci sarebbero 20 contravvenzioni
Bellinzonese
17 ore
Minacciava di suicidarsi, ‘salvato’ da polizia e Croce Verde
Vasto dispiegamento di polizia e sanitari questa mattina in via Galbisio a Carasso: evitato il peggio, l’uomo è stato ricoverato
© Regiopress, All rights reserved