laRegione
fiorenzo-dado-dobbiamo-ripartire-dal-territorio
Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd
laR
 
19.04.21 - 18:45
Aggiornamento: 21:27

Fiorenzo Dadò: ‘Dobbiamo ripartire dal territorio’

Il presidente del Ppd ammette l’arretramento del suo partito, ma preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno. Soddisfazione a sinistra

«Non è andata benissimo, lo ammetto. Poteva andare meglio, nel senso che potevamo confermare tutti i 122 seggi targati popolare democratici nei Municipi e invece ne abbiamo persi 15. Se però guardo i dati da più vicino, noto che in alcuni Comuni abbiamo aumentato le schede, ma perso il seggio. In altri, invece, abbiamo mancato l’elezione per una manciata di voti». È chiara l’analisi politica di Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd cantonale che ribadisce che la sua carica non è in discussione e guardare il bicchiere mezzo pieno. «Sono e resto il presidente del partito cantonale e il risultato delle elezioni comunali è un dato politico locale. Non mi sento responsabile dell’esito del voto in alcune località che rispondono a logiche personali e dinamiche territoriali tutte loro», afferma. «Se prendiamo la città di Lugano, il centro più popoloso del Cantone, la scelta di puntare su Filippo Lombardi è stata vincente tanto che abbiamo migliorato i nostri consensi. Il Plr ha invece perso quasi 8 punti percentuali», commenta Fiorenzo Dadò che invita le sezioni locali a cercare di lavorare per il bene del territorio e a cercare di coinvolgere sempre di più i giovani in vista del rinnovo generazionale che invevitabilmente si porrà nel prossimo futuro. «Ci sono le premesse per lavorare bene nel prossimo triennio», aggiunge. C’è però il caso di Mendrisio, dove il Ppd ha perso circa 400 schede in cinque anni. «Questo è un caso da analizzare bene e trarre gli insegnamenti per il futuro. Bisognerà vedere anche come riorganizzare la presenza del partito nei Comuni aggregati», commenta ancora Dadò. «Si può dire che soffriamo la logica delle aggregazioni, essendo il Ppd tradizionalmente legato alle località. Infatti facciamo meglio nelle roccaforti storiche popolari democratiche. Per rimanere nel Mendrisiotto, abbiamo fatto molto bene a Novazzano, Castel San Pietro e Vacallo. Anche a Chiasso abbiamo confermato il nostro seggio che sembrava perso». 
La pandemia di coronavirus non ha permesso di mantenere relazioni personali più forti e questo ha certamente inciso anche nella preparazione della campagna elettorale. «Nei prossimi mesi dovremo fare un’analisi attenta con le sezioni e vedere quali sono i correttivi da apportare. Certo, il partito cantonale potrà aiutare a farla questa analisi, ma saranno le singole sezioni a fare le proposte in quanto sono loro che conoscono meglio la realtà locale», conclude Dadò. 

L’area rossoverde cresce e si rafforza

Il partito socialista si colloca tra i vincitori di questa tornata elettorale. È vero, i risultati risentono delle dinamiche politiche locali, ma si può affermare che la sinistra, intesa come partito socialista e verdi, oltre ad altre forze di sinistra, è l’area che è cresciuta di più rispetto alle posizioni di partenza. «Abbiamo incrementato di 10 o 11, a seconda della paternità politica di alcune liste civiche, i municipali nei Comuni ticinesi. Di questi otto su dieci sono socialisti», ci dichiara Fabrizio Sirica, copresidente del Ps cantonale. «E un dato che ci fa piacere, ma non è l’aspetto prioritario. Per noi era fondamentale che crescesse tutta l’area progressista. I risultati confermano che questo trend c’è in tutto il territorio cantonale», continua ancora Sirica. 
Anche per quanto riguarda la rappresentanza femminile, ci sono motivi di soddisfazione. «Certo, perché vogliamo essere coerenti con quello che diciamo e siamo contenti che in tre delle quattro città principali del cantone siano state elette tre donne socialiste. Anche in altri Comuni più piccoli abbiamo contribuito a eleggere delle municipali. Questo contribuisce all’obiettivo di raggiungere la parità di genere negli organi elettivi».
Dal punto di vista politico emerge il dato di Bellinzona, dove, nonostante la mancata alleanza con i Verdi, il partito socialista ha tenuto le posizioni. «Anche questo è motivo di soddisfazione, anche se dispiace per la mancata intesa: l’area di sinistra avrebbe fatto molto meglio a stare unita. Una situazione che si è ripetuta 
in Capriasca e a Caslano. L’esito di Locarno ci rallegra perché da soli abbiamo eletto una municipale e i Verdi il loro». L’area rossoverde in questo caso è doppiamente vincente. «Ragionando con il senno del poi, i seggi potevano essere addirittura tre», continua Sirica.
Per quanto riguarda la rappresentanza femminile negli esecutivi, secondo Laura Riget, copresidente del Ps, «sono stati fatti dei passi in avanti, ma purtroppo la parità non è ancora raggiunta». Non si tratta solo dell’area rossoverde. «Anche gli altri partiti devono prendere a cuore il tema della parità di genere e sostenere le donne, candidandole e votandole. E questo non è solo un tema di sinistra o un tema del Ps. È una questione che riguarda l’intera società e ognuno di noi deve fare la sua parte. La notizia di Bellinzona, unico grande Comune senza donne in Municipio, è ovviamente un brutto segnale oltre a essere un’occasione persa. In futuro andrà fatto di più», commenta Riget.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
comunali 2020 elezioni ppd sinistra verdi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Luganese
11 min
Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave
Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
2 ore
Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino
Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
3 ore
Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’
Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
9 ore
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
10 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
17 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
17 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
17 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
© Regiopress, All rights reserved