laRegione
19.04.21 - 22:33
Aggiornamento: 26.03.22 - 14:49

Patente, mesi di attesa per i corsi due fasi

Per i giovani conducente è necessario effettuare la formazione entro un anno, e se non si fa in tempo?

patente-mesi-di-attesa-per-i-corsi-due-fasi
Ti-Press

Prossima data disponibile? Fra sei mesi. Non stiamo parlando di vaccini ma del corso due fasi, obbligatorio entro un anno dall’ottenimento della licenza di condurre in prova. Pena, una multa fino a 300 franchi ogni volta che si viene fermati. "Il mio consiglio è di portare con sé la convocazione al corso e, in caso di un controllo da parte degli organi di polizia, mostrarlo a comprova che l’appuntamento è stato fissato con largo anticipo. Sperando poi nella comprensione degli agenti incaricati". Suggerimento dato a una giovane neopatentata da parte di una segretaria della Sezione della circolazione. Consiglio del quale non è però convinto Roberto Curiale, capo del Servizio esami: «Se per motivi non previsti dall’ordinanza, non si è riusciti a partecipare al corso prima di un anno, consiglio di non circolare fino all’ottenimento dell’attestato». La normativa prevede dunque eccezioni per chi non ha potuto condurre veicoli a motore a causa di una revoca della licenza di condurre, per chi ha trascorso un periodo all’estero a scopo di formazione o perfezionamento e per coloro che hanno prestato servizio militare in ferma continua.

La lunga attesa per partecipare al corso due fasi può essere spiegata, secondo Curiale, con lo stop forzato delle attività durante il primo lockdown. Anche se, ricorda, in Ticino sono due gli organizzatori, il Tcs di Rivera e il Safe driving di Osogna, ed è probabile che uno di essi abbia posto prima.

Coronavirus che, come detto, ha toccato anche queste attività: «Con la riapertura gli organizzatori sono riusciti ad allestire i corsi, con meno persone o preparando sale più grandi», aggiunge Curiale e spiega che la parte del corso che si svolge in macchina non pone particolari problemi di distanziamento, poiché ognuno si trova nella propria vettura e l’insegnante comunica tramite delle radio.

Da due giornate a una

Inizialmente il corso due fasi si svolgeva in due giornate. A partire dal 2020, invece, è necessario partecipare solo alla prima, ma deve essere effettuata entro un anno dal superamento dell’esame pratico di guida. Per quale motivo? «Il corso tocca aspetti importanti legati alla sicurezza, alla guida ecologica, alle frenate e altri punti. È stato giudicato importante che queste nozioni vengano impartite all’inizio del periodo di patente in prova», spiega Curiale.

L’iter per l’ottenimento della patente

Gli aspiranti allievi conducenti iniziano il loro percorso con il controllo della vista e il corso samaritani, anche chiamato corso di pronto soccorso, illustra il capo del Servizio esami. In seguito inviano alla Sezione della circolazione i formulari e l’incarto viene aperto. Da quel momento possono presentarsi all’esame teorico, dal 2021 già dai 17 anni d’età. Una volta superato l’esame teorico essi ricevono la licenza di allievi conducenti, con essa è possibile fare scuola guida e parallelamente è necessario seguire il corso di teoria della circolazione, conosciuto anche come corso di sensibilizzazione. Una volta raggiunto un buon livello di guida si fa l’esame pratico. Se viene superato si ottiene la licenza di condurre in prova per tre anni, entro il primo bisogna effettuare il corso due fasi.

Il falso mito

Alcune volte, parlando con amici e conoscenti, si sente dire che è obbligatorio effettuare delle lezioni di guida con un maestro. Falso, anche se Curiale lo consiglia: «Trovo molto utile combinare lezioni col maestro di guida alla pratica con altre persone». Se ci si presenta all’esame pratico con una macchina privata, bisogna tenere conto che verrà eseguito un controllo della vettura. «Non vuol dire che facciamo un collaudo, ma verifichiamo pneumatici, luci, freno a mano, se dal lato passeggero si vede il tachimetro e altri elementi – prosegue –. Le automobili dei maestri conducenti, invece, vengono già collaudate da noi e sono omologate come veicoli di scuola guida. Per questo motivo non necessitano di controllo all’esame».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
29 min
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
29 min
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Luganese
29 min
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
29 min
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Centovalli
8 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
8 ore
Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera
Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Locarnese
9 ore
L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte
Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
10 ore
Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia
Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Ticino
11 ore
Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione
Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
14 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
© Regiopress, All rights reserved