laRegione
17.04.21 - 10:52
Aggiornamento: 18.04.21 - 19:51

Ffs, esternalizzazione delle pulizie. Il personale non ci sta

Le Ferrovie federali svizzere intendono affidare a partner esterni le pulizie di tutte le piccole stazioni. Il Sindacato: 'Comunicazione che crea insicurezza'

ffs-esternalizzazione-delle-pulizie-il-personale-non-ci-sta
Ti Press

Le intenzioni delle Ffs sono quelle di concentrare i servizi di pulizia con il proprio personale unicamente nelle grandi stazioni. La comunicazione a tutti i dipendenti interessati è stata fatta nella giornata di giovedì. Con questa esternalizzazione, da metà 2'022 sino a fine 2'023, "verranno eliminati 130–150 posti di lavoro attribuiti attualmente a lavoratori temporanei e ne verranno creati 30-50 nelle stazioni a media e alta affluenza. Il personale sia fisso che temporaneo però non ci sta e chiede per mezzo del Sindacato un chiaro cambiamento di rotta", come si legge in un comunicato del Sindacato del personale dei trasporti (Sev).

"La comunicazione generale ha lasciato il personale nell’insicurezza totale", prosegue il comunicato. "Ai lavoratori temporanei, molti di essi attivi alle Ffs da oltre 5 anni, è stata comunicata sia una possibile perdita del posto di lavoro come pure una possibile assunzione nella nuova organizzazione".

L’esternalizzazione della pulizia delle piccole stazioni "è di fatto uno scorporo di un’attuale competenza delle Ffs e in questo caso un’operazione di risparmio fatta sulle spalle di lavoratori che svolgono un lavoro umile ma utilissimo". La pulizia delle stazioni "è un biglietto da visita delle Ffs. Perché esternalizzare queste mansioni? Per il Sev, le Ferrovie federali svizzere dovrebbero piuttosto assumere tutto il personale temporaneo attualmente occupato, invece di scaricarne una buona parte con l’ennesima riorganizzazione".

Il personale ticinese, attualmente circa una ventina di unità che si occupano della pulizia di una trentina di stazioni, però "non ci sta e nei prossimi giorni non mancherà di farsi sentire nelle opportune sedi dirigenziali delle Ffs. Lo stesso verrà fatto in altre regioni della Svizzera".

Nella loro presentazione ai dipendenti, l’azienda si premura di informare come ai partner esterni che acquisiranno il lavoro, verranno date precise direttive affinché questi rappresentino le Ffs con collaboratori identificabili attraverso il logo sull’equipaggiamento. Insomma, "una presa per i fondelli bella e buona verso gli attuali collaboratori temporanei che perderanno il loro posto di lavoro". A questa esternazione, sindacato e lavoratori rispondono che "non basta l’uso o il trasferimento di un logo aziendale per nascondere ciò a cui siamo di fronte: una vera e propria dismissione verso terzi di un compito tradizionale delle Ffs".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
11 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
11 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
23 ore
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
23 ore
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
23 ore
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved