laRegione
17.04.21 - 10:52
Aggiornamento: 18.04.21 - 19:51

Ffs, esternalizzazione delle pulizie. Il personale non ci sta

Le Ferrovie federali svizzere intendono affidare a partner esterni le pulizie di tutte le piccole stazioni. Il Sindacato: 'Comunicazione che crea insicurezza'

ffs-esternalizzazione-delle-pulizie-il-personale-non-ci-sta
Ti Press

Le intenzioni delle Ffs sono quelle di concentrare i servizi di pulizia con il proprio personale unicamente nelle grandi stazioni. La comunicazione a tutti i dipendenti interessati è stata fatta nella giornata di giovedì. Con questa esternalizzazione, da metà 2'022 sino a fine 2'023, "verranno eliminati 130–150 posti di lavoro attribuiti attualmente a lavoratori temporanei e ne verranno creati 30-50 nelle stazioni a media e alta affluenza. Il personale sia fisso che temporaneo però non ci sta e chiede per mezzo del Sindacato un chiaro cambiamento di rotta", come si legge in un comunicato del Sindacato del personale dei trasporti (Sev).

"La comunicazione generale ha lasciato il personale nell’insicurezza totale", prosegue il comunicato. "Ai lavoratori temporanei, molti di essi attivi alle Ffs da oltre 5 anni, è stata comunicata sia una possibile perdita del posto di lavoro come pure una possibile assunzione nella nuova organizzazione".

L’esternalizzazione della pulizia delle piccole stazioni "è di fatto uno scorporo di un’attuale competenza delle Ffs e in questo caso un’operazione di risparmio fatta sulle spalle di lavoratori che svolgono un lavoro umile ma utilissimo". La pulizia delle stazioni "è un biglietto da visita delle Ffs. Perché esternalizzare queste mansioni? Per il Sev, le Ferrovie federali svizzere dovrebbero piuttosto assumere tutto il personale temporaneo attualmente occupato, invece di scaricarne una buona parte con l’ennesima riorganizzazione".

Il personale ticinese, attualmente circa una ventina di unità che si occupano della pulizia di una trentina di stazioni, però "non ci sta e nei prossimi giorni non mancherà di farsi sentire nelle opportune sedi dirigenziali delle Ffs. Lo stesso verrà fatto in altre regioni della Svizzera".

Nella loro presentazione ai dipendenti, l’azienda si premura di informare come ai partner esterni che acquisiranno il lavoro, verranno date precise direttive affinché questi rappresentino le Ffs con collaboratori identificabili attraverso il logo sull’equipaggiamento. Insomma, "una presa per i fondelli bella e buona verso gli attuali collaboratori temporanei che perderanno il loro posto di lavoro". A questa esternazione, sindacato e lavoratori rispondono che "non basta l’uso o il trasferimento di un logo aziendale per nascondere ciò a cui siamo di fronte: una vera e propria dismissione verso terzi di un compito tradizionale delle Ffs".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
4 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
6 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
6 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
6 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
8 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
8 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
8 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
9 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
9 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
© Regiopress, All rights reserved