laRegione
16.04.21 - 22:19

Dal 2010 al 2020, 25 decessi causati da incidenti professionali

Il Consiglio di Stato risponde a Sirica: non si può parlare di un incremento dei casi e il numero di controlli in Ticino è adeguato

dal-2010-al-2020-25-decessi-causati-da-incidenti-professionali

"In Ticino, in base a quanto comunicato dalla Suva all'Ufficio dell'Ispettorato del lavoro, dal 2010 al 2020 si sono verificati 25 decessi causati da incidenti professionali". Lo scrive il Consiglio di Stato rispondendo a un'interrogazione del deputato e copresidente del Ps Fabrizio Sirica .  La situazione, aggiunge il governo, "varia a dipendenza degli anni da 0 a 5 casi di infortunio mortale".  Nello stesso lasso di tempo "i posti di lavoro in Ticino sono aumentati del 9,6 per cento".

Secondo l'Esecutivo cantonale "non si può parlare di un incremento dei decessi dovuti a incidenti sul posto di lavoro". Per prevenire infortuni e malattie professionali, il datore di lavoro "deve prendere tutte le misure necessarie per esperienza, tecnicamente applicabili e adatte alle circostanze". In altre parole, a tutela della salute dei lavoratori "deve prendere tutti i provvedimenti, che l'esperienza ha dimostrato necessari, realizzabili secondo lo stato della tecnica e adeguati alle condizioni d'esercizio". Le infrazioni commesse contro la sicurezza dei lavoratori "vengono anche punite di conseguenza", ricorda ancora il Consiglio di Stato: "Chiunque, in qualità di datore di lavoro, contravviene intenzionalmente o per negligenza alle prescrizioni in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, è punito con una pena pecuniaria sino a 180 aliquote giornaliere di 3'000 franchi al massimo, per quanto non si tratti di un crimine o di un delitto punibile con una pena più grave secondo il Codice penale svizzero".  Il governo ritiene inoltre che il numero di controlli in Ticino sia "adeguato".  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
3 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
5 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
5 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
5 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
7 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
7 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
8 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
10 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
12 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
© Regiopress, All rights reserved