laRegione
15.04.21 - 16:55
Aggiornamento: 17:12

'Sul sergente maggiore un silenzio imbarazzante e inaccettabile'

I Verdi del Ticino interrogano il Consiglio di Stato circa la mancata risposta del Di sul caso dei post Facebook "inappropriati" di un agente di polizia

sul-sergente-maggiore-un-silenzio-imbarazzante-e-inaccettabile
(Ti-Press)

"Imbarazzante e inaccettabile". Così i Verdi del Ticino definiscono "l'assordante silenzio del Capo del dipartimento delle Istituzioni" nell'interrogazione presentata oggi al Consiglio di Stato circa la notizia, da noi riportata, di un post Facebook "totalmente inappropriato" di un sergente maggiore della Polizia cantonale.

"Nel post incriminato", ricordano i Verdi, "il sergente minaccia colui che ha vandalizzato la sua automobile di “accorciare il suo destino terreno”. I toni sono forti: il vandalo, definito “succedaneo d’uomo nonché figlio di padre ignoto”, viene avvisato che, dovesse incontrarlo, “per il tempo necessario dimenticherò chi sono nella vita e sarà forse l’unica volta che non vedrai l’ora che arrivino in tuo aiuto i tanti odiati sbirri! Applicherò un'antica legge non comune alle nostre latitudini...”." Insomma, concludono gli ambientalisti, "un sergente delle Polizia cantonale minaccia di farsi giustizia da sé".

I Verdi, rimarcando "il fatto, di per sé già grave", rimarcano ancora il fatto che "l’autore delle minacce era stato condannato per aver postato sui social media contenuti di stampo nazifascista. Nonostante la condanna l’agente era stato promosso, qualche anno dopo la condanna, a Sergente maggiore".

Da qui, nell'interrogazione, I Verdi del Ticino chiedono al Consiglio di Stato:

  1.  È stato informato dal DI dei fatti?
  2. Come giudica il CdS le esternazioni pubbliche del Sergente maggiore?
  3. Il DI intende prendere provvedimenti contro il funzionario?
  1. Se sì, quali?
  2. Se no, ritiene che una persona che ha mostrato in passato simpatie nazifasciste e ora minaccia di farsi giustizia da sé, quando invece dovrebbe essere garante e difensore della Legge, sia all’altezza del suo compito di Sergente maggiore?
Leggi anche:

Le minacce dell’agente e il silenzio di Gobbi

L'agente condannato per post nazisti ora minaccia un vandalo

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
49 min
In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia
Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
2 ore
Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento
Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Grigioni
3 ore
Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano
Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
3 ore
Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili
Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
3 ore
Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena
La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
3 ore
Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave
L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
Locarnese
3 ore
Hildebrand, il dottor Paolo Rossi nominato co-primario
Lo ha nominato il Consiglio di Fondazione della Clinica riabilitativa brissaghese.Affianca il dottor Ruggieri, che nel 2024 raggiungerà il pensionamento
Grigioni
4 ore
Monticelli rinuncia alla sfida, Giudicetti sindaco di Lostallo
Il miglior eletto nell’elezione del Municipio non si è messo a disposizione per la carica, che resta quindi all’uscente in sella dal 1993
Bellinzonese
4 ore
Anche a Campra si scia: piste aperte da giovedì 8
Gli appassionati dello sci di fondo potranno utilizzare 15 chilometri di percorsi blu e rossi
Bellinzonese
4 ore
Restaurato l’orologio della chiesa parrocchiale di Biasca
I lavori si sono conclusi recentemente e sono costati circa 16mila franchi. Una cifra che è stata completamente coperta grazie alle offerte pervenute
© Regiopress, All rights reserved