laRegione
05.04.21 - 16:23
Aggiornamento: 18:20

Turismo, ‘è stata una Pasqua quasi normale’

Gli ospiti non sono mancati. Pianezzi (HotellerieSuisse): ‘La voglia di svago degli ospiti svizzeri è stata superiore ai limiti imposti dalla pandemia’

di Generoso Chiaradonna
turismo-e-stata-una-pasqua-quasi-normale
Ti-Press
A Lugano
+2

«Dal punto di vista turistico è stato un weekend normalissimo, come tutti i fine settimana pasquali degli anni pre-Covid». È soddisfatto Lorenzo Pianezzi, presidente della sezione ticinese di HotellerieSuisse dell’affluenza di ospiti soprattutto svizzeri mancando quasi del tutto, per ragioni legate alla pandemia di coronavirus, quelli esteri. «Dalla Svizzera tedesca, ma anche dalla Romandia, non è mancato chi ha scelto il Ticino come meta per trascorrere qualche giorno di svago lontano da casa», continua Pianezzi. Anche le belle giornate primaverili hanno aiutato il turismo interno, ma quest’anno non è stato il discrimine fondamentale. «L’unica differenza rispetto agli altri anni è che i nostri clienti hanno riservato le loro camere molto in anticipo. Se fino alla Pasqua del 2019, l’ultima paragonabile prima dello scoppio della pandemia, registravamo un piccolo zoccolo di prenotazioni e poi il grosso arrivava con le previsioni meteo favorevoli, quest'anno già a tre settimane dalla Pasqua gran parte degli alberghi erano occupati per oltre il 50% dell’offerta disponibile», osserva Pianezzi.

E questo pur sapendo che non si poteva fare molto altro, rispetto agli altri anni, essendo i bar, ristoranti e teatri chiusi. È mancata tutta l’offerta culturale collaterale che rende una destinazione turistica attrattiva o meno. «Diciamo che si è vista subito una forte volontà di uscire dai confini dei propri Cantoni di residenza e di svagarsi. L’offerta turistica ridotta non ha frenato l’ospite svizzero tedesco o romando. E questo indipendentemente dalle previsioni meteorologiche», continua il presidente della sezione ticinese di HotellerieSuisse.

Buona la collaborazione con i ristoranti che ’potevano aprire’ in deroga

I turisti si sono subito abituati alle disposizioni sanitarie in vigore e hanno fatto quello che si poteva fare legalmente: caffè, bibite e pranzo al sacco. «Sono stati in tanti a concedersi un caffè o un panino sul lungolago e nelle piazze. Insomma, si sono adattati a quello che si poteva fare», commenta Pianezzi che fa notare che c’è stata una buona collaborazione con la ristorazione locale. «Le disposizioni di legge permettono agli alberghi senza ristorazione di cooperare con un ristorante situato nei pressi e raggiungibile a piedi. E devo dire che alcuni hotel hanno usufruito di questa possibilità, come pure l’adesione dei ristoratori è stata buona. E questo in tutte le regioni turistiche del Cantone», aggiunge Pianezzi che precisa che «c’erano delle regole che tutti hanno saputo rispettare: il ristorante doveva essere a pochi passi dalla struttura ricettiva; quattro ospiti per tavolo; liste di contact tracing e norme igieniche (mascherine e disinfettante, ndr) ormai note a tutti». Come dire che la domanda, quando c’è, si adatta all’offerta. O meglio ancora, la capacità di adattamento degli esseri umani agli eventi esterni è superiore ai limiti e ai divieti della legge.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’
Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
4 ore
Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale
Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
8 ore
Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese
È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Locarnese
9 ore
‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai
Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
11 ore
La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara
Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Bellinzonese
17 ore
Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2
Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Gallery
Locarnese
1 gior
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
© Regiopress, All rights reserved