laRegione
30.03.21 - 18:51
Aggiornamento: 19:27

‘Sia il Cantone a colmare le lacune dei casi di rigore’

Camera di commercio e Aziende familiari scrivono al Consiglio di Stato affinché non lasci fallire le imprese fuori dagli aiuti pubblici

sia-il-cantone-a-colmare-le-lacune-dei-casi-di-rigore
Ti-Press

I criteri per determinare chi ha diritto agli aiuti per i casi di rigore non convincono la Camera di commercio del cantone Ticino e in particolare la Aif, Associazione delle imprese familiari Ticino che hanno scritto al Consiglio di Stato. “Le aziende ticinesi stanno vivendo momenti di estrema difficoltà, come mai nel recente passato. Si tratta di un’evidenza sotto gli occhi di tutti che, talmente manifesta, non necessita di ulteriori spiegazioni da parte nostra”, si legge nella missiva in cui si ricorda che la scorsa settimana il Parlamento federale ha adottato la nuova versione della Legge Covid-19.

“Da parte nostra ci attendavamo un ampliamento delle cerchie dei beneficiari di aiuti per i casi di rigore. Purtroppo, non è stato il caso. La definizione di “caso di rigore” (e quindi meritevole di sostegno) non è stata modificata. Pur riconoscendo l’importanza di questa misura, per la quale siamo davvero riconoscenti, non possiamo non ricordarci di tutte quelle aziende che non sono incluse nella definizione legale summenzionata, ma che si sono venute a trovare, a causa della pandemia, malgrado loro, in situazioni di estrema fragilità. Diverse di queste rischiano il fallimento prima della ripresa economica post-pandemica”.

Si tratta di aziende attive in settori economici non elencati nella legge o di aziende incluse in tali settori ma che hanno subito un calo di attività inferiore al minimo imposto dalle regole federali (40%).

“Diverse aziende associate alle nostre strutture, ci hanno di recente manifestato tutte le loro preoccupazioni dovute alla scelta del legislatore federale di escluderle dal programma di aiuto. Come non dare loro ragione? Come spiegare a un’azienda con un calo di fatturato di ‘solo’ il 39% che deve arrangiarsi da sola? Come convincere un’impresa con una cifra d’affari addirittura dimezzata ma che, purtroppo per lei, non rientra nei settori privilegiati dalle norme, che non si può fare niente per aiutarla?”

‘Intervenga il Cantone’

“Tutto ciò premesso – si continua – riteniamo che in questo momento così difficile e decisivo per il nostro futuro, il Cantone sia chiamato a intervenire per colmare le lacune lasciate scoperte dall’intervento federale. Tutte le aziende a rischio di fallimento a causa della pandemia vanno sostenute, con modalità anche differenziate, ma decise. Questo è il principio al quale deve ispirarsi attualmente e urgentemente l’azione dell’ente pubblico. Poco importa i nomi, le definizioni e i titoli degli aiuti. L’importante è il risultato che si vuole, o meglio deve, raggiungere”.

A tale scopo “chiediamo che questo lodevole Consiglio di Stato si attivi, senza indugi, per allestire un ragionevole piano di intervento, come peraltro già fatto anche in altri Cantoni”, si conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
3 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
3 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
5 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
5 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
14 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
14 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
15 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
15 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
16 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
© Regiopress, All rights reserved