laRegione
28.03.21 - 21:31

'Clandestino-Mafie italiane', ma il documentario è una truffa

Quattro le persone coinvolte nella confezione del reportage accusate dalla Procura di Milano

di Marco Marelli
clandestino-mafie-italiane-ma-il-documentario-e-una-truffa

Una truffa il documentario ''Clandestino-Mafie italiane'' su 'ndrangheta e malaffare radicato tra Como e Varese, trasmesso sul Canale 9 nel novembre 2019 e ancora disponibile on line su Dplay Plus. Un reportage in buona parte girato tra i boschi sopra Ghirla e nelle aree montane tra Luino e Maccagno, a ridosso del Canton Ticino.

Analizzando gli spezzoni del video si vede la troupe percorrere la statale 394 che porta al valico di Zenna sino alle gallerie della Valganna. Nel reportage l'autore del documentario, un noto giornalista spagnolo, incontra un esponente della 'ndrangheta che accompagna un carico di cocaina di 5 chili che dal Sudamerica arriva nei balcani, e da lì in Ticino (grazie a un accordo con la mafia albanese) e poi in Valganna per poi essere portato da corrieri, non aderenti alla criminalità organizzata, a Milano per essere tagliata e smistata sulla piazza milanese. Il 'ndranghetista che nel corso della intervista sostiene di essere latitante, nascosto in un comune a cavallo delle province di Como e Varese, dice di smistare 100 chili di cocaina: droga sull'asse Albania-Canton Ticino-Varesotto (o Comasco)-Milano. Che qualcosa nel reportage non quadrasse era che il luogo in cui nel documentario abitualmente la 'ndrangheta raffinava la cocaina importata a Milano è risultato una anonima palazzina della Barona, quartiere del capoluogo lombardo, estranea però ai radar degli investigatori antimafia.

Da quel passaggio televisivo era nata l'inchiesta della Procura di Milano, che nei giorni scorsi ha emesso un avviso di conclusione delle indagini preliminari e un'informazione di garanzia per il reato di truffa in concorso nei confronti di quattro persone (uno residente in Italia e tre in Spagna), accusate di aver venduto a una nota società di canali televisivi, al prezzo di 425mila euro, il reportage ''Clandestino – Mafie italiane''. Quattro presunti truffatori che indussero la società Discovery a ritenere che contenesse fatti realmente accaduti, filmati da reporter infiltratisi sotto copertura, rivelatisi invece, stando a quanto emerso dalle indagini, frutto di una recita ad opera di attori appositamente scritturati. Il provvedimento della Procura di Milano è stato notificato al principale indagato, Giuseppe Iannini, residente in Italia, 53enne, pregiudicato per reati di corruzione, favoreggiamento, accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione di segreto d'ufficio. I restanti destinatari degli avvisi di chiusura delle indagini sono il 43enne giornalista spagnolo, David Beriain, e i due responsabili di una società di produzione di documentari, una donna 43enne e un 33enne, tutti residenti in Spagna. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
5 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
6 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
7 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
7 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
8 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Bellinzonese
9 ore
Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’
Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
9 ore
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
12 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
13 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
© Regiopress, All rights reserved