laRegione
laR
 
26.03.21 - 17:33
Aggiornamento: 18:41

Albertoni: 'Non so per quante aziende sarà interessante aderire'

Il direttore della Camera di commercio commenta il piano cantonale per i test di massa: ‘Da Berna troppa confusione su rimborsi, telelavoro e quantitativi’

albertoni-non-so-per-quante-aziende-sara-interessante-aderire
Ti-Press

Appena finita la presentazione del piano cantonale per i test di massa sospira, il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni: «Non so se per le aziende potrà essere interessante aderire a questo programma» dice alla ‘Regione’ a margine della conferenza stampa delle autorità cantonali. «Il Consiglio di Stato ha svolto un lavoro encomiabile e lo ringrazio, ma il problema è nel manico. Cioè che la Confederazione ha fatto un errore: annunciare questi come test di massa quando in realtà non è vero che lo sono». Nel senso che, spiega Albertoni, «l’Ordinanza federale parla di rischio accresciuto, ma qui c’è il primo malinteso: se un’azienda ha dei piani di protezione precisi e rispettati non è ad alto rischio. E questa è solo una delle contraddizioni».

Il rischio di veder rimborsato meno

Un’altra per il direttore della Camera di commercio è «quella delle tempistiche». Perché «bisognerà chiedere al Cantone di poter testare, ora che arriva la risposta da Berna sono passate due settimane. C’è un problema». Insomma, per Albertoni «si è fatta una grande confusione e, ripeto, non so quale potrà essere la rispondenza delle aziende. Anche perché, con la prospettiva dell’arrivo dei test fai-da-te una volta omologati, gli impegni richiesti non mancano a fronte di un rimborso che non è certo». Non lo è perché, annota, «oggi il rischio è poter partire a testare dal principio che restituiscono 34 franchi a test mentre Berna, perché non è il Cantone che decide, può dire che sei un’azienda a basso rischio e te ne ridà otto. Bisognerà mettere la differenza, e visto che è richiesto un impegno di almeno un mese e testare ogni settimana non è da poco».

‘Per il Ticino ci sarebbero 800 test al giorno, è come dire nulla’

Tra le «tante indicazioni che ci mancano» Albertoni mette anche quella relativa ai dipendenti in telelavoro: «È uno dei criteri, ma non sappiamo se nel calcolo dell’effettivo del personale bisogna contare anche i lavoratori a casa oppure no perché vengono considerati al sicuro». Non fa nulla per nasconderlo, il direttore della Camera di commercio: «Ci aspettavamo qualcosa di più. Anche a livello numerico e quantitativo. Si parla di una capacità, in tutta la Svizzera, di 25mila test al giorno. Per il Ticino vorrebbe dire averne circa 800, è come dire nulla».

Leggi anche:

In Ticino test di massa in aziende e scuole con convitto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
7 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
7 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
8 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
9 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
10 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
10 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
11 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
11 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
11 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved