laRegione
Ungheria
0
Portogallo
0
2. tempo
(0-0)
MOLTENI A./PELLA G.
2
ALTMAIER D./STRICKER D.
1
fine
(7-6 : 4-6 : 10-7)
in-ticino-test-di-massa-in-aziende-e-scuole-con-convitto
(Ti-Press)
Ticino
26.03.21 - 14:070
Aggiornamento : 16:03

In Ticino test di massa in aziende e scuole con convitto

Al via l'annuncio delle aziende da metà aprile, nelle scuole test di massa solo nelle strutture con convitto. Test rapidi immediati in caso di positivi a scuola

Il Consiglio di Stato ha approvato il piano cantonale per i test di massa, che verranno svolti in aziende e scuole e strutture educative con convitto.  Test che verranno svolti in modo ripetuto e in gruppi mirati, fra i quali le aziende, suddivise in aziende ad alto rischio e basso rischio, le strutture scolastiche ed educative con convitto e le strutture per persone vulnerabili.

Raffaele De Rosa «L'obiettivo della strategia dei test ripetuti e mirati, da compiere in aziende e in strutture scolastiche e strutture educative con convitto, è agire in maniera preventiva interrompendo precocemente le catene di contagio. Non è uno strumento sostitutivo ma uno strumento in più»

Necessaria adesione spontanea di almeno il 60% dei collaboratori dell'azienda

Per stabilire se un'azienda è a basso o alto rischio i criteri sono: il tipo di attività, la mobilità significativa dei propri dipendenti, i contatti e le distanze tra i dipendenti laddove le distanze non possono essere sempre garantite, il luogo di lavoro (ambito aperto o chiuso), l'impossibilità di svolgere il telelavoro. 

I criteri di inclusione o esclusione per beneficiare del rimborso finanziario, di 8 o 34 franchi a seconda della categoria: il numero dei dipendenti, almeno 10 per le aziende ad alto rischio, almeno 5 per le aziende a basso rischio; l'adesione almeno al 60% dei collaboratori che diano il proprio consenso spontaneamente; almeno un mese di continuità nella procedura dei test, da fare a cadenza settimanale. Il piano dovrà essere inserito nel piano di protezione aziendale.

Si è deciso di ricorrere ai test antigenici rapidi, effettuati da parte di un operatore sanitario qualificato a cui competerà l’acquisto, il prelievo, l’esecuzione dei test, la comunicazione dei risultati e la gestione dei casi positi. In caso di positività di una collaboratrice o un collaboratore, bisognerà procedere all'isolamento della persona e a una conferma tramite test Pcr. Per quanto riguarda la logistica, ci sarà una valutazione da parte dell'azienda se partecipare al piano o meno, con la richiesta che andrà inoltrata elettronicamente tramite un formulario. La domanda verrà valutata da un gruppo di lavoro, seguirà la fase di implementazione, comunicazione dell'esito e avvio dei test in azienda, comunicazione dei risultati.

Entro Pasqua ci sarà un sondaggio per una valutazione dell'interesse delle aziende a partecipare ai test mirati e ripetuti; entro metà aprile sarà possibile stabilire il dispositivo comunicativo e organizzativo, e iniziare con l'annuncio online da parte delle aziende. Si cercherà di avere un'evasione delle richieste snella e il più veloce possibile.

Test rapidi immediati nelle classi in caso di casi positivi. Test di massa solo nelle scuole con convitto

Stesse disposizioni per quanto riguarda le strutture scolastiche ed educative con convitto, che dovranno anch'esse inoltrare una richiesta al Cantone.

Manuele Bertoli «La situazione nelle scuole è sotto controllo, e anche quando ci sono state situazioni particolari, come a Morbio, la situazione è stata comunque gestibile, con pochi casi su centinaia di scolari testati nei casi di test voluti in cui c'erano segnali di anomalia. La conseguenza dei test a tappeto e ripetuti nelle scuole senza convitto non ci convince perchè i dati dicono altro». Bertoli ha anche annunciato una modifica del sistema di quarantene da mettere in atto dopo le vacanze di Pasqua: l'idea è che qualora si verificasse un caso positivo si farà intervenire subito il gruppo della Federazione ticinesi dei servizi di ambulanza per fare dei test rapidi, in modo da vedere subito se ci sono casi positivi da confermare con un eventuale test Pcr e rimandare immediatamente a scuola tutti i casi negativi. Per le scuole con convitto, poche realtà in Ticino, vale invece l'idea dei test di massa ripetuti data la maggior intensità dei contatti fra gli allievi. 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
5 min
Cedraschi (Plr): 'Mancano logopedisti, è un problema'
Con un'interpellanza al governo il deputato liberale radicale chiede delucidazioni su questa mancanza che non fa bene 'alle necessità degli allievi'
Ticino
1 ora
Acque, il tasso d’interesse è spropositato
Per le rate decennali sui contributi comunali si applica un saggio composto del 5%. Chiesto un adeguamento alla mutata situazione
Ticino
1 ora
Dalle 20 di nuovo in viaggio i treni fra Lugano e Mendrisio
La riapertura di uno dei due binari consentirà una prima ripresa del traffico, il secondo binario dovrebbe essere rimesso in funzione domattina alle 6
Bellinzonese
1 ora
Pro Natura Lucomagno, albergo e ristorante resteranno chiusi
La non riapertura è legata 'a lavori di ristrutturazione interna' e alle relative difficoltà finanziarie. In ogni caso sono previste diverse alternative.
Bellinzonese
1 ora
Forfait letti e case secondarie: il Tf respinge il ricorso
È la prima di una serie di sentenze. Proprietaria a Carì contestava l'ammontare deciso dall'Otr e il metodo previsto dalla Legge sul turismo
Luganese
1 ora
Truffe Covid, le difese chiedono riduzioni di pena
Alle Assise criminali di Lugano i legali contestato il reato di truffa e sottolineano: gli imputati non si sono arricchiti. Domani la sentenza
Luganese
1 ora
Cade scendendo dal San Salvatore e batte la testa: è grave
Protagonista di un infortunio avvenuto in territorio di Pazzallo un 80enne domiciliato nel Canton Basilea Campagna
Luganese
2 ore
Casinò di Campione: 'Riapriremo entro fine anno'
La società di gestione della casa da gioco si rallegra della decisione del Tribunale di Como. Il sindaco Canesi: 'Questa è la nostra ripartenza'
Ticino
2 ore
Bertoli: 'Un anno di scuola in presenza, obiettivo raggiunto'
Alla conferenza stampa di fine anno scolastico c'è soddisfazione: 'Non era scontato, è andata bene grazie all'impegno di tutti gli attori coinvolti'
Ticino
2 ore
Pandemia, il prezzo della scuola ‘in presenza’
I docenti sottolineano le difficoltà incontrate in un anno per nulla ‘normale’ e chiedono un sostegno per gli allievi lasciati indietro
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile