laRegione
laR
 
23.03.21 - 17:32
Aggiornamento: 20:30

Vendita di birra e vino, via il limite orario

La commissione ‘Economia e lavoro’ sottoscrive il rapporto di maggioranza di Speziali (Plr): sì ai fermentati, il divieto rimarrà solo per i distillati

vendita-di-birra-e-vino-via-il-limite-orario
Ti-Press

I giochi non sono fatti, bisogna ancora passare dal plenum del Gran Consiglio. Ma dalla commissione parlamentare 'Economia e lavoro' è intanto giunto il primo verdetto. La maggioranza - Plr, Lega, Udc e Partito comunista - ha sottoscritto oggi il rapporto del liberale radicale Alessandro Speziali che aderisce all'iniziativa con cui il leghista Andrea Censi e Fabio Käppeli (Plr) chiedono l’abolizione del divieto della vendita di alcol nei negozi, inclusi quelli annessi alle stazioni di servizio, dopo una data ora: le 19 dal lunedì al venerdì (le 21 il giovedì), le 18.30 il sabato e dopo le 18 la domenica e nei giorni festivi. Sì allo smercio di bevande alcoliche, ma non di tutte. Speziali e cofirmatari propongono infatti la vendita, anche dopo gli orari indicati, solo dei fermentati, vale a dire birra e vino. Verrebbero quindi mantenute le restrizioni per i distillati: insomma, per i superalcolici nessun allentamento. I rapporti su cui il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà nella seduta di aprile saranno tuttavia due: il secondo è quello di minoranza, allestito dal socialista Fabrizio Sirica e dal popolare democratico Fiorenzo Dadò. Ps, Ppd e Verdi sono contrari su tutta la linea all'iniziativa di Käppeli e Censi.

Censi (Lega): ‘Si ridà un po' di libertà ai cittadini’

Gli attuali limiti orari sono sanciti dalla Legge cantonale sull’apertura dei negozi in vigore dal gennaio dello scorso anno, nella quale sono stati inseriti in seguito a una proposta del gruppo di lavoro ‘Giovani, violenza, educazione’. «Il rapporto di maggioranza non accoglie al cento per cento la nostra richiesta: si tratta di un compromesso, un compromesso che è comunque un importante passo avanti nella giusta di direzione - commenta Andrea Censi, che è anche presidente della Commissione - Se il parlamento seguirà la maggioranza della 'Economia e lavoro', verrà eliminato un divieto che non ha un effetto dissuasivo nei confronti dei minori, ai quali già oggi la legislazione cantonale vieta la vendita di alcol, si favorirà l'economia ticinese - dunque la distribuzione e la produzione - e si ridarà un po' di libertà ai cittadini, quella di poter acquistare birra e vino anche dopo una determinata ora. Non solo - aggiunge Censi -, si rimuoverà anche una forma di discriminazione, che penalizza i negozi ticinesi e i take-away, dato che anche questi ultimi sottostanno alla legge sulle aperture dei negozi. I chioschi annessi alle stazioni di servizio sulle autostrade e i negozi delle stazioni ferroviarie, che sono disciplinati dalla normativa federale, non conoscono infatti le restrizioni orarie nella vendita di bevande alcoliche che conoscono invece ora i commerci ticinesi. Ricordo inoltre che ogni anno vengono svolti diversi controlli commissionati da distributori di benzina alle associazioni di protezione dei minori: ebbene, risulta che il Ticino è uno dei cantoni dove si rispetta maggiormente il divieto di vendita di alcolici ai minori».

Speziali (Plr): ‘Le emergenze sociali che riguardano i giovani sono altre’

 «Questo rapporto ha voluto trovare una soluzione che definisse un equilibrio tra i vari interessi in campo - spiega alla ‘Regione’ il relatore di maggioranza Alessandro Speziali (Plr) -. Abbiamo da una parte la libertà di commercio, il grande pubblico, il turismo e l’economia locale. Dall’altra i problemi legati all’abuso di alcol, che nessuno vuole banalizzare». Con questa soluzione, afferma il deputato liberale radicale, «abbiamo trovato la quadratura del cerchio. Togliamo il divieto per le bevande fermentate e lo manteniamo per i distillati, così da continuare a combattere alcune mode giovanili e fenomeni come il ‘binge drinking’». Speziali si concentra anche sulla stretta attualità, vale a dire gli episodi di violenza avvenuti sabato scorso alla Foce del Cassarate a Lugano con molti giovani coinvolti. «L’antidoto non è quello dei divieti», dichiara il presidente liberale radicale. Bensì «che i giovani possano riappropriarsi della normalità e incontrarsi, pensare di dare un colpo di mano alla situazione con queste misure vuol dire mancare l’obiettivo principale: ridare loro la possibilità di riprendere in mano la loro vita». Ma nessuna volontà di banalizzare, si diceva. «Certo. Ma attenzione: le questioni legate all’abuso di alcol toccano le sensibilità di tutti, e tutti siamo vicini a questi problemi. Ma ogni cosa va ricondotta alla sua casistica. Non vorrei che cominciasse a esserci quella sensazione di vedere tutti i giovani coinvolti nell’abuso di alcol. C’è un’emergenza sociale che li riguarda, ma per risolverla bisogna passare da ridargli una vita normale, il diritto alla formazione, la possibilità di incontrarsi e di vivere la loro vita».

Sirica (Ps): ‘Messaggio sbagliato, incoerente e controproducente’

Parte dagli episodi di sabato sera anche il relatore del rapporto di minoranza Fabrizio Sirica (Ps), rimarcando come «questo rapporto sia più attuale che mai. Abbiamo visto cosa è successo a Lugano, abbiamo visto cos’è l’insofferenza giovanile e cosa si prospetta. Non è nostra intenzione colpevolizzare i giovani, e nemmeno pretendiamo che mantenere i divieti di vendita di alcol dopo una certa ora risolverebbe tutto - annota Sirica da noi raggiunto -. Ma la prevenzione strutturale serve per evitare fenomeni che, con più alcol in corpo, potevano essere ancora più forti. Certo: ci vogliono più campi da calcio e spazi di aggregazioni che divieti, ma questa è una parte importante». Il perché per Sirica è chiaro: «Tutte le associazioni e i professionisti del settore ce lo dicono, abbiamo uno studio che scientificamente dice che è la misura più efficace e oggi la si vuole togliere? È un messaggio sbagliato, incoerente e controproducente».

Leggi anche:

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
17 min
Frana in Calanca: ‘Ancora pericolante, presto per intervenire’
Mentre la strada resta bloccata dai 150 metri cubi scesi ieri, prima dello sgombero i tecnici devono verificare la stabilità dei 450 fermatisi sopra
Luganese
33 min
Pura, chiesti 4 anni per la donna che accoltellò il marito
La 35enne è accusata di tentato omicidio intenzionale, accuse che ha contestato, ritenendo di averlo colpito per difesa e senza intenzione di ferirlo
Bellinzonese
1 ora
Rabadan, il pass settimanale costa 10 franchi in più
Sei giorni di Carnevale a Bellinzona costeranno 70 franchi (80 in cassa). Giovedì, venerdì e sabato 35 franchi (invece che 30). Corteo ancora a 10 franchi
Grigioni
4 ore
Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo
Nuove informazioni sono attese per domani. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
6 ore
Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’
Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Luganese
7 ore
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Locarnese
7 ore
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
7 ore
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Ticino
15 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
16 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
© Regiopress, All rights reserved