laRegione
22.03.21 - 22:29
Aggiornamento: 23.03.21 - 17:36

'Si crei un Consiglio della magistratura a livello federale'

Lo chiede, con una mozione, il deputato Ppd al Nazionale Fabio Regazzi. Per il quale la vigilanza del Tf sui tribunali di prima istanza della Confederazione va abrogata

si-crei-un-consiglio-della-magistratura-a-livello-federale
Il parlamentare ticinese (Ti-Press/E.Bianchi)

La vigilanza del Tribunale federale sui tribunali di prima istanza della Confederazione - ovvero il Tribunale penale federale (Tpf), il Tribunale amministrativo federale (Taf) e il Tribunale federale dei brevetti - deve essere "abrogata": per questo compito si istituisca a livello federale "un Consiglio della magistratura". È quanto chiede il deputato del Ppd al Nazionale Fabio Regazzi con una mozione depositata nei giorni scorsi. Alla luce anche dei fatti che hanno interessato nei mesi scorsi il Tpf, con sede a Bellinzona, il politico ticinese rilancia un tema dibattuto a suo tempo a Berna.  

"La revisione totale dell’organizzazione giudiziaria prevedeva di assoggettare i tribunali federali di prima istanza all’alta vigilanza dell’Assemblea federale, analogamente a quanto previsto per il Tribunale federale - ricorda Regazzi nella mozione -. Nel corso dei dibattiti parlamentari, con rapporto del 16 novembre 2001, la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati ha presentato un progetto di legge federale sul Consiglio della magistratura, autorità specializzata, concepita quale ponte tra il parlamento e i tribunali, che collabora all’elezione dei giudici federali e sgrava l’Assemblea federale nell’esercizio della sua funzione di alta vigilanza".  Seguendo le proposte del gruppo di lavoro istituito dal Dipartimento di giustizia e polizia, l'Assemblea federale "ha affidato al Tribunale federale la vigilanza amministrativa diretta sui tribunali di prima istanza". Vigilanza che Mon Repos, prosegue il consigliere nazionale, "esercita per il tramite della propria Commissione amministrativa in virtù di un regolamento dell’11 novembre 2016, che ha scarsa densità normativa".

'Gli accertamenti al Tpf hanno mostrato i limiti del sistema attuale'

Secondo Regazzi, "questa soluzione, già criticata in passato soprattutto dal profilo dell’indipendenza dei tribunali inferiori, ha mostrato tutti i suoi limiti in occasione della recente procedura di vigilanza sul Tribunale penale federale (sfociata nel rapporto del 5 aprile 2020), ben evidenziati nel rapporto del 24 giugno 2020 di alta vigilanza delle CdG", le Commissioni della gestione del parlamento federale. I limiti del sistema vigente - la vigilanza esercitata dal Tribunale federale, nella fattispecie sul Tpf - sono così riassunti da Regazzi: "Violazione del diritto di essere sentito, ingerenza nell’autonomia organizzativa del Tpf, mancato accertamento dell’esistenza di molestie, pressioni da parte di giudici e persino negazione a priori delle stesse". Di più. Di recente, scrive il deputato ticinese, l’esistenza al Tpf "di molestie e pressioni con conseguenze sulla salute dei collaboratori è stata confermata anche nel rapporto di un'esperta in materia di mobbing redatto su proposta delle CdG". E ancora: "Va inoltre segnalata la poca proattività dell’attuale autorità di vigilanza sui tribunali di primo grado. Basti pensare all’assenza di una qualsiasi verifica su eventuali carenze funzionali del Tpf che ha lasciato prescrivere nell'aprile 2020 il procedimento Fifa con grandi danni d’immagine al nostro Paese". Il consigliere nazionale non ha dubbi: "Anche a salvaguardia dell’immagine della giustizia federale, si impone l’adozione di correttivi e l’istituzione, al posto della Commissione amministrativa del Tribunale federale, di un'autorità specializzata che assista attivamente ed efficacemente l’Assemblea federale nell’alta vigilanza". 

Di qui la proposta di Regazzi: il Consiglio federale venga incaricato "di modificare l’attuale sistema, che prevede la vigilanza del Tribunale federale sui tribunali federali di prima istanza, istituendo un Consiglio della magistratura".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Si barrica in casa per una notte, la polizia interviene
Si è conclusa verso mezzogiorno l’operazione di polizia, scattata in via delle Aie nel quartiere luganese di Molino Nuovo a seguito di una segnalazione
Ticino
3 ore
Una ticinese, prima donna, eletta giudice del Tribunale federale
La professoressa dell’Usi Federica De Rossa è stata nominata a Berna dalle Camere federali riunite con 212 voti su 217 schede valide
Video
Ticino
3 ore
Un meno 40% alle pensioni che non va proprio giù
Entra nel vivo in mattinata la giornata indetta al fine di protestare contro il taglio delle rendite dei dipendenti statali e parastatali
Ticino
4 ore
79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023
Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni
Mendrisiotto
7 ore
Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino
L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
7 ore
Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità
Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30 km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Ticino
8 ore
Orari, si va verso negozi più aperti
Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
10 ore
Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’
Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
10 ore
‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’
Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
16 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
© Regiopress, All rights reserved