laRegione
laR
 
12.03.21 - 17:28

‘Quelle del Consiglio federale sono proposte contraddittorie’

Il presidente del governo ticinese Norman Gobbi non è soddisfatto dell’approccio della Confederazione: ‘la popolazione è disorientata e stanca’

di Generoso Chiaradonna
quelle-del-consiglio-federale-sono-proposte-contraddittorie
Archivio Ti-Press
Norman Gobbi

«Noto una certa contraddizione nelle proposte messe in consultazione dal Consiglio federale: da una parte si paventa l’arrivo di una terza ondata – che noi non stiamo vedendo – e dall’altra si parla di aperture anche se parziali, delle terrazze dei ristoranti e attività culturali a partire dal 22 marzo». È secca la reazione del presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi dopo la conferenza stampa del governo federale. «Lo ripeto ancora una volta, la gente è disorientata e stanca dopo lunghe settimane di questa situazione», continua Gobbi. Anche la proposta di aumentare a 50 il numero di persone ammesse alle manifestazioni culturali al chiuso è giudicata contraddittoria e anche «discriminatoria» rispetto ai ristoranti «i quali potranno accogliere clienti solo all’aperto». «Misura, quest’ultima, che penalizzerebbe gli esercizi pubblici che non hanno una terrazza», precisa il presidente del Consiglio di Stato.

Oltre confine la situazione sanitaria sta peggiorando, tanto che da lunedì Lombardia e Piemonte verranno inserite in zona rossa. Di fatto si tratta di un ulteriore lockdown. «Come Ticino, al pari del Cantone di Ginevra, abbiamo chiesto maggiori controlli ai valichi. Da Berna non sono giunte risposte chiare e si rimane sul vago tanto che i controlli in dogana non saranno aumentati», continua Gobbi che solleva anche la questione dei diversi regimi per le quarantene tra Svizzera e Italia. «Le associazione economiche, accogliendo la proposta del Consiglio federale di allargare i test di depistaggio del Covid a tutti i lavoratori (frontalieri compresi), chiedono anche di poter accorciare la durata della quarantena a sette giorni, se il secondo test è negativo, invece dei classici dieci giorni. Lo prevedono le norme svizzere. Oltre confine questo periodo è di 14 giorni», spiega Gobbi. I lavoratori frontalieri, anche se lavorano in Svizzera, sono assoggettati alle norme sanitarie italiane. Per il presidente del Consiglio di Stato «sarebbe meglio avere regole analoghe da una parte e dall’altra del confine, visto che c’è comunque mobilità transfrontaliera».

Infine si fa notare, oltre al fatto che le riaperture sono condizionate comunque dalla situazione epidemiologica, la tempistica stretta. «Le decisioni definitive del consiglio federale arriveranno il 19 marzo e saranno valide dal 22. Gli esercizi pubblici e gli organizzatori di eventi culturali avranno solo tre giorni per riaprire. La vedo dura», commenta Gobbi che chiosa anche sulla Pasqua imminente. «Sulla gita di pasquetta c’è ancora un grosso punto interrogativo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
2 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
3 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
5 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
5 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
6 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
7 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
7 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
9 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
11 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
12 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
© Regiopress, All rights reserved