laRegione
10.03.21 - 18:32
Aggiornamento: 18:55

Dati sull’impiego, l’Ust: ‘Un errore che non si ripeterà’

L’errore (i posti persi a fine 2020 sono 4mila e non 10mila) ha riguardato il Ticino per “un'occorrenza assolutamente casuale“

dati-sull-impiego-l-ust-un-errore-che-non-si-ripetera
(Depositphotos)

«Un errore che non si ripeterà». È quanto assicura il vicedirettore dell’Ufficio federale di statistica Livio Lugano commentando la svista sui dati d'impiego concernenti il Ticino (sono 4mila i posti di lavoro persi in Ticino a fine 2020, e non 10mila come precedentemente annunciato; rispetto all’ultimo trimestre del 2020, la contrazione risulta dunque dell’1,8 e non del 4,4%). «Si è trattato di un problema nell’elaborazione dei dati provenienti dal settore ospedaliero, che purtroppo ci è sfuggito prima della loro pubblicazione perché i numeri della sanità sono aggregati a tutti quelli del settore servizi», spiega Lugano. È stato l’Ufficio cantonale di statistica ticinese (Ustat) a segnalare il dato sospetto: «Grazie a loro ci siamo subito potuti attivare, comunicando ai media già la settimana scorsa il possibile errore e correggendolo il più presto possibile. Ci spiace molto per l’accaduto, ma si tratta di un errore che non si ripeterà: abbiamo già individuato la vulnerabilità nel trattamento dei dati e stiamo prendendo le misure idonee a evitarlo». Quanto al fatto che l’errore riguardi solo il Ticino, «si tratta di un’occorrenza assolutamente casuale: è cambiato il protocollo di trasmissione dei dati da parte di un operatore del settore ospedaliero, e nonostante i dati che ci ha inviato fossero corretti non sono stati trattati nel modo giusto».

Oltre al fatto che la flessione in Ticino è comunque sensibilmente superiore alla media Svizzera, resta il fatto che gli impieghi bruciati sono 4mila, mentre sono ‘solo’ mille i nuovi iscritti agli Uffici regionali di collocamento (ora a poco meno di 6'500 unità). Dove sono finiti gli altri 3mila? «Per capirlo occorre aspettare nuovi studi e dati più consolidati. Un’ipotesi è che a essere stati colpiti possano essere molti frontalieri». Eppure le statistiche che li riguardano non accennano a scendere, anzi a fine anno erano aumentati di qualche centinaio, cosa che ha fatto storcere qualche naso nella politica locale. Ma «occorre fare attenzione a non confrontare così due statistiche diverse», chiosa Lugano, tanto più che i permessi G scadono solo sei mesi dopo la perdita dell’impiego. «Quella sui frontalieri è una proiezione, il dato definitivo arriva solo a 18 mesi dal rilevamento, quando si può fare affidamento sui dati Avs. Il modello che utilizziamo cerca comunque di essere accurato nel tenere in conto le diverse variabili, ma non possiamo escludere che le condizioni estreme della pandemia abbiano rappresentato uno ‘shock’ anche per la nostra metodologia». Molto colpiti dai lockdown, d’altronde, sono proprio settori che impiegano un tasso elevato di frontalieri.

Leggi anche:

Posti di lavoro persi in Ticino, non 10mila ma ‘solo’ 4mila

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
9 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
11 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
14 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
17 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
21 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
21 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved