laRegione
laR
 
11.03.21 - 06:00
Aggiornamento: 18:20

L’ex direttore dell’Ustat ne invoca l’autonomia dal Dfe

Intervista a Elio Venturelli, che sostiene la proposta di scorporare l’Ufficio cantonale di statistica dal Dipartimento delle finanze e dell’economia

l-ex-direttore-dell-ustat-ne-invoca-l-autonomia-dal-dfe
(Ti-Press)

Separare l’Ufficio cantonale di statistica (Ustat) dal Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) in modo da garantirne l’indipendenza. Poi permettergli di centralizzare la rilevazione e il trattamento dei dati oggi ‘dispersi’ in ciascun dipartimento. Questa la proposta che il Gran consiglio sarà chiamato a discutere la settimana prossima, confrontando due rapporti provenienti dalla Commissione della Gestione: quello di maggioranza, contrario, e quello della minoranza rossoverde, favorevole alla mozione presentata nel 2019 dal gruppo Mps-Pop-Indipendenti. Per capire la posta in gioco chiediamo un parere a Elio Venturelli, storico direttore dell’Ustat dal 1978 al 2006.

Venturelli, lei ha più volte raccontato le pressioni subite negli ultimi anni della sua direzione. Nel frattempo però è arrivata la Legge sulla statistica cantonale, che garantisce l’indipendenza dell’Ustat anche attraverso l’istituzione di una speciale Commissione scientifica. Inoltre in Svizzera 10 uffici cantonali di statistica su 14 riportano al Dipartimento delle finanze. Serve lo stesso un ufficio autonomo?

Certamente. L’autonomia operativa e finanziaria permette di essere più liberi da pressioni indebite e di potersi relazionare in maniera più efficace con tutti i dipartimenti. Non perché l’Ustat debba fare quello che vuole, ma perché questa autonomia è importante per assolvere i suoi compiti. Compiti comunque elaborati dal Consiglio di Stato in coordinamento col Gran Consiglio, che dunque preordinano le scelte sugli ambiti di ricerca.

Secondo il rapporto di minoranza, l’autonomia dovrebbe fare il paio con la centralizzazione presso l’Ustat dei dati e delle informazioni.

Questo costituisce secondo me il punto centrale della riforma. Finché la gestione dei dati resta nelle mani dei singoli dipartimenti, l’accesso da parte dell’Ustat rischia di essere ostacolato e rimane comunque più difficile, anche solo per motivi organizzativi. Questo è evidente già da anni soprattutto sui temi più sensibili, ad esempio i costi della sanità e il mercato del lavoro. Se i dati e le persone che se ne occupano fossero riuniti sotto lo stesso tetto, si potrebbe ottenere una rappresentazione statistica sempre più accurata della situazione cantonale, a beneficio della politica e dei cittadini.

A proposito di cittadini, lo scopo della riforma dovrebbe essere anche quello di garantire una comunicazione sempre più ampia, ad esempio attraverso sportelli per la popolazione. Anche questo però è un tema spinoso: un po’ perché si tratta di un impegno gravoso, un po’ perché a ogni dichiarazione si rischia di essere accusati di non essere neutrali da una politica in campagna elettorale permanente.

Ai tempi in cui alla direzione del Dfe c’era l’équipe della Consigliera Marina Masoni, infatti, mi capitò ripetutamente di essere invitato a non fornire direttamente informazioni e a non commentarle. Ma la politica deve accettare il fatto che l’analisi è fondamentale per dare un senso ai dati, e non la si può confondere con la parzialità politica. L’auspicio è che la maggiore autonomia organizzativa si rifletta positivamente anche su quella comunicazione che comunque è già oggetto di un grande impegno, come si vede dalle molte pubblicazioni e iniziative varate nel corso degli anni.

Importante sarà anche capire come realizzare concretamente questa autonomia, per evitare di trovarsi senza le necessarie risorse. Il rapporto di minoranza parla di una struttura analoga a quella della Cancelleria, quindi sottoposta al Consiglio di Stato ma non a un singolo dipartimento.

Non sta a me stabilire quale sia la soluzione migliore: qualcosa di simile alla Cancelleria, un’opzione organicamente autonoma come il Controllo cantonale delle finanze o ancora un ente di diritto pubblico indipendente, come vediamo a Lucerna, un cantone sempre all’avanguardia dal punto di vista della ricerca statistica. Di questo potrà discutere anzitutto il legislativo. L’importante è che non si cerchi di approfittare di un’eventuale transizione per tagliare i fondi all’ufficio, come ho visto provare a fare più di una volta, sempre con la medesima scusa: “costa troppo”. Una motivazione frutto forse più dell’indifferenza che dell’ostilità, ma comunque figlia di una sostanziale ignoranza circa le esigenze del cantone. Un cantone che più di altri deve tenere monitorate moltissime variabili – penso alla complessità del mercato del lavoro e del territorio – per informare tutti e per permettere proprio alla politica di fare le scelte giuste ed evitare speculazioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
22 min
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’.
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
© Regiopress, All rights reserved