laRegione
speziali-plr-commerci-ridiscutere-gli-orari-di-apertura
Ti-Press
laR
 
19.02.21 - 06:00
Aggiornamento : 12:10

Speziali (Plr): ‘Commerci, ridiscutere gli orari di apertura’

Il presidente liberale radicale: 'Non siamo per l'obbligo di tenere aperto, ma ci vuole più elasticità. I nostri consiglieri nazionali pronti a intervenire'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«La situazione che vivono i commerci e gli esercizi pubblici è grave e lo sarà ancora a lungo. È il momento di ridiscutere il santuario degli orari di apertura». Il giorno dopo le comunicazioni da parte del Consiglio federale sulla strategia decisa per le riaperture delle attività, a colloquio con ‘laRegione’ il presidente del Plr Alessandro Speziali rilancia: «Non siamo per l’obbligo di apertura le domeniche o i festivi, ma per la libertà di aprire. I negozi avrebbero la possibilità di rimodulare la propria attività con il personale a disposizione o con assunzioni, non chiediamo mica di rompere il tetto massimo delle 42 ore settimanali».

Sì, ma la gestazione della Legge cantonale sull’apertura dei negozi è la dimostrazione che i tempi sono lunghi. Concretamente pensa di chiedere un decreto urgente del Consiglio di Stato? Oppure di agire a livello federale con un’iniziativa cantonale, o sulla Legge sul lavoro tramite i vostri due consiglieri nazionali?

Dopo l’interminabile parto della legge cantonale, i margini di manovra a livello ticinese non sono più molti e occorre spostarsi sul piano federale. Con Rocco Cattaneo e Alex Farinelli siamo perfettamente in sintonia e c’è la volontà di intervenire sulle regole attuali. Però mi piacerebbe che questa volontà non si trasformasse in una bandiera di partito, ma in un’azione corale tra le varie forze politiche e i cantoni.

Per quali motivi ritiene oggi essenziale questa discussione?

Sono tre. Quello pandemico è sotto gli occhi di tutti, con una fascia oraria più ampia la clientela si diluisce sapendo di avere più possibilità orarie di fare i propri acquisti. Quello economico è perché come dicevo i commerci sono in crisi, e tutta la relativa catena di valore: dai fornitori alle attività che ruotano attorno. Ma ce n’è anche uno sociale, nel senso che non viviamo più in una società scandita dagli orari e le abitudini di venti o trent’anni fa. Per essere al passo coi tempi è necessario cambiare qualcosa, e avere un po’ più di libertà in questo ambito mi pare totalmente sopportabile. Infine siamo un cantone dove il turismo genera un grande indotto, e la cultura dell’accoglienza passa anche dalle vetrine non solo illuminate, ma anche dalle serrande aperte.

Sta parlando solo di orari di apertura o nel suo progetto c’è di rivedere tutto il concetto liberalizzando maggiormente il settore?

L’emergenza coronavirus può essere sfruttata per rivedere finalmente alcuni aspetti. La sinistra dice che dobbiamo essere solidali, e concordo. Ma essere solidali con l’economia e i commerci significa dargli ossigeno e permettergli di mantenere posti di lavoro. Non vuol dire solo redistribuire la ricchezza, ma anche crearla. Ci vuole più elasticità, se noi andassimo in un paese straniero e turistico e trovassimo tutto chiuso la domenica o perché facciamo due passi dopo l’aperitivo rimarremmo perplessi. A me sembra che dopo anni dove abbiamo voluto burocratizzare e far penetrare le leggi ovunque abbiamo quasi paura di soluzioni dettate dal buon senso, si pensa male quando qualcuno chiede più libertà. La libertà non è un pericolo, semmai lo sono i corsetti giuridici che da una parte rendono difficile l’attività economica, dall’altra ammalano anche la visione della società che sembra aver paura a lasciar correre l’iniziativa e la buona voglia. Devo ancora conoscere un paese dove questi corsetti e i paletti stretti facciano del bene.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro speziali economia negozi orari di apertura plr
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
16 ore
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
18 ore
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
21 ore
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior
Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne
Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior
‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’
La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior
‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’
Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior
Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’
A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior
E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues
Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior
Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni
L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior
Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar
La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
© Regiopress, All rights reserved