laRegione
laR
 
17.02.21 - 16:58
Aggiornamento: 19:52

GastroTicino: ‘Non siamo gli untori della nazione’

Massimo Suter e il prolungamento delle chiusure per i ristoranti: 'Non ha nessun fondamento scientifico'

gastroticino-non-siamo-gli-untori-della-nazione
Ti-Press

«Sono senza parole. Non so più dove sbattere la testa. Soprattutto sono sconcertato da queste decisioni prese da Berna che non hanno nessun fondamento scientifico», così il presidente di GastroTicino Massimo Suter sulle decisioni di allentamento delle chiusure comunicate oggi dalla Confederazione. «Non è stato scientificamente provato che all’interno dei ristoranti vi è una propagazione del virus – afferma Suter –. Non c'è dunque prova che i ristoratori siano gli untori della nazione. Non riusciamo a capire perché solo sul nostro settore economico penda questa spada di Damocle della chiusura prolungata per ancora sei settimane. Questo a fronte della riapertura di altri settori economici che lavorano giornalmente anche loro con la clientela come fa la ristorazione».

Riguardo agli aiuti stanziati dalla Confederazione, quindi riferendosi a una tipologia dei casi di rigore, Suter rimane molto preoccupato: «È stata cambiata la chiave di riparto tra Confederazione e Cantoni, però la soglia del 40 percento per poter accedere agli aiuti è rimasta. Una soglia improponibile, poiché col 40 percento di caduta di cifra d’affari sei già fallito. Non capisco come fanno a Berna a non rendersene conto».

Da aprile potrebbero essere concesse le aperture delle terrazze dei ristoranti: «Chiaramente per il Canton Ticino la possibilità di poter aprire questi spazi sarebbe sicuramente ben vista perché di sua natura il Ticino vive all’esterno – continua Suter –. Però non sarebbe corretto nei confronti del resto della Svizzera. Dunque per par condicio, o per solidarietà federale, rifiutiamo questa eventualità. Se si apre, lo si fa tutti al 100 percento delle nostre possibilità, sia dentro che fuori. Fondamentale è la parità di trattamento, bisogna avere tutti le stesse condizioni ai cancelletti di partenza. Un ristoratore che ha la terrazza non deve essere avvantaggiato rispetto a chi ne è sprovvisto».

Leggi anche:

Dal 1°Marzo via libera a negozi, tempo libero e sport all'aperto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
gallery
chiasso
13 min
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
1 ora
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
2 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
5 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
5 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
6 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
7 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Bellinzonese
8 ore
‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli
Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
© Regiopress, All rights reserved