laRegione
vaccinazioni-covid-non-tutti-i-sanitari-hanno-la-priorita
(archivio Ti-Press)
14.02.21 - 19:55

Vaccinazioni Covid, non tutti i sanitari hanno la priorità

Il Consiglio di Stato precisa i criteri di accesso all’immunizzazione per il personale di cura e assistenza fuori dalle case per anziani

I vaccini conto il Covid-19, è noto, scarseggiano. Le aziende farmaceutiche, in particolare Pfizer e Moderna, hanno accusato ritardi nella consegna delle dosi attese. Situazione che ha rallentato il programma di vaccinazione della popolazione. La strategia e le raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica definiscono l’ordine di priorità. Ed è quelle direttive che le autorità sanitarie ticinesi si attengono per il piano di immunizazione cantonale anti Covid-19. Lo ha ribadito il consiglio di Stato in una recente risposta scritta a un’interpellanza del deputato socialista Raoul Ghisletta. “Nell’attuale situazione, caratterizzata da una forte limitazione della disponibilità di vaccino, la modalità più equa di definizione delle priorità consiste nell’attenersi alle direttive dell’Ufsp”, si legge. 

Tali direttive definiscono il seguente ordine di priorità: persone vulnerabili; personale sanitario a contatto con i pazienti e personale che cura persone vulnerabili; contatti stretti di persone vulnerabili (membri della medesima economia domestica); adulti che vivono o lavorano in strutture comunitarie a rischio accresciuto di infezione; altri adulti.

Le persone vulnerabili, spiega il consiglio di Stato, sono stimate in circa 2,2 milioni a livello svizzero. Di conseguenza è stato necessario definire delle priorità anche all’interno di questa categoria. “La strategia e le raccomandazioni dell’Ufsp indicano chiaramente di procedere innanzitutto secondo criteri anagrafici, ritenuto che l’età rappresenta il fattore di rischio più importante per un decorso grave o letale della malattia”. Da qui i sottocriteri per questo gruppo: persone sopra i 75 anni e affette da malattie croniche con rischio elevato e in seguito: persone tra i 65 e 74 anni e adulti di meno di 65 anni, ma affetti da malattie croniche.

Per quanto riguarda il personale sanitario, a cui si riferiva l’interpellante, ”la commissione federale per le vaccinazioni (...) ha ricordato che in questa fase ogni dose ricevuta da un membro del personale sanitario è una dose in meno per le persone ad altissimo rischio”. Ha quindi precisato che la vaccinazione di singoli gruppi del personale sanitario e di assistenza contemporaneamente alle persone particolarmente a rischio può essere giustificata solo dalla garanzia dell’assistenza sanitaria in un settore particolarmente minacciato dalla pandemia”. Da qui la conclusione che la vaccinazione negli ospedali può essere anticipata per il personale di reparti Covid, di cure intense e di pronto soccorso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assistenza persone vulnerabili vaccinazioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
31 min
Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato
Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Bellinzonese
3 ore
Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio
Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Locarnese
4 ore
Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno
Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Bellinzonese
4 ore
Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio
A maggioranza l’esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
4 ore
Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne
La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Locarnese
7 ore
Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini
Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
10 ore
Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram
L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
10 ore
‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo
Diverse opposizioni alla modifica che introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’
Ticino
10 ore
Ex Funzionario Dss, la Gestione ha scelto chi svolgerà l’audit
Il mandato è stato assegnato allo studio legale ginevrino Troillet Meier Raetzo, che si è occupato anche delle presunte molestie alla Ssr/Rts
Locarnese
18 ore
Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri
Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
© Regiopress, All rights reserved