laRegione
laR
 
10.02.21 - 17:49
Aggiornamento: 21:40

Gli impianti idroelettrici torneranno pubblici

Christian Vitta: ‘La concessione dell’Ofima (Maggia) è una delle principali in scadenza. Benefici per le zone periferiche’

di Generoso Chiaradonna
gli-impianti-idroelettrici-torneranno-pubblici
Gli impianti Ofima di Robiei (archivio Ti-Press)

La concessione per gli impianti idroelettrici di Maggia I (tronco Sambuco-Verbano) scadrà il 31 dicembre del 2035, mentre quella degli impianti di Maggia II (tronco Naret-Cavagnoli-Robiei-Bavona-Cavergno, compresa l’adduzione delle acque della valle Bedretto) giungerà a scadenza alla fine del 2048, ma è già il momento di preparare il ritorno in mani pubbliche dello sfruttamento delle acque. La concessione attuale è a favore dell’Ofima (Officine idroelettriche della Maggia Sa). «Questa è certamente una delle concessioni più importanti a cui il governo, coerentemente con la decisione presa dal Parlamento nel 2010, ha deciso di non dar seguito alla richiesta di rinnovo», afferma il consigliere di Stato Christian Vitta, direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe). «Ciò sta significare che dal 2035 il Cantone gestirà le acque attraverso l’Azienda elettrica ticinese (Aet), come previsto dalla Legge sull’utilizzazione delle acque (Lua). Inoltre, ha un significato simbolico perché si tratta di una concessione di 80 anni che giungerà a scadenza», continua Vitta.

Scelta ambientale strategica 

Il consiglio di Stato, infatti, ha licenziato il messaggio all’attenzione del Gran Consiglio con il quale si fa valer il diritto di riversione che lo Stato può esercitare per gli impianti le cui concessioni giungeranno a scadenza nei prossimi decenni. «Questo nell’interesse di tutta la popolazione ticinese. Si tratta di una energia pulita e rinnovabile che in un contesto di grandi cambiamenti strategici (l’uscita dal nucleare come deciso dalla Confederazione) rappresenta una scelta fondamentale che caratterizzerà il nostro Cantone», commenta ancora il consigliere di Stato. La proposta del governo mira anche a creare le condizioni quadro per l’ottimizzazione degli impianti esistenti prima della scadenza delle concessioni. «Ciò – continua Vitta – rappresenta un’importante opportunità per valorizzare la produzione locale in ottica futura, mantenendo le competenze e il valore aggiunto in Ticino e nelle zone periferiche».

Sono anche previsti investimenti per aumentare la capacità produttiva. «Su questo fronte ci sono più aspetti: da un lato vi è un programma di ammodernamento e ottimizzazione degli impianti che sono comunque datati, dall’altro quello del potenziamento. Per alcune di queste infrastrutture si potrà valutare – sempre nel rispetto paesaggistico e ambientale – anche la possibilità aumentare la loro capacità di contenimento innalzando gli sbarramenti. Sono tutti investimenti molto importanti e che chiaramente porteranno beneficio al settore e indotto economico al territorio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
9 min
Capanna Cremorasco pronta per la primavera
I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Ticino
5 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
5 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
12 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
13 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
15 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
17 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
18 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
20 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
1 gior
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
© Regiopress, All rights reserved