laRegione
soldi-in-ticino-e-riciclaggio-il-nunzio-vuole-patteggiare
07.02.21 - 18:06
di Salvatore Pizzo

Soldi in Ticino e riciclaggio, il nunzio vuole patteggiare

A una svolta la vicenda giudiziaria che coinvolge l'arcivescovo Ettore Balestrero. Il denaro sarebbe il provento di una maxi contrabbando di carni dall'Argentina

L'arcivescovo Ettore Balestrero, già titolare di importanti incarichi in Vaticano, poi nominato prima Nunzio Apostolico in Colombia e attualmente nella Repubblica del Congo, ha manifestato la disponibilità a patteggiare la pena con la Procura della Repubblica di Genova relativamente all'inchiesta per riciclaggio internazionale ed evasione fiscale che lo vede indagato insieme al fratello Guido, immobiliarista. Le indagini soni frutto anche di operazioni finanziarie avvenute a Lugano, i magistrati genovesi hanno posto come condizione la definitiva confisca da parte dello Stato italiano dei 7 milioni di euro sequestrati durante l'inchiesta all'alto prelato e ai suoi parenti.

Sul patteggiamento dovrà pronunciarsi il Tribunale di Genova. Gli inquirenti hanno ipotizzato un giro di capitali frutto di presunte truffe e rientrati in Italia attraverso una complessa rete di società disseminate con sedi nei Caraibi e il Canton Ticino, si tratterebbe di soldi relativi a un maxi contrabbando di carni dall'Argentina, risalente alla fine degli anni Novanta, che sarebbe stato gestito dal padre del prelato, Gerolamo. In particolare gli investigatori si sono focalizzati su una transazione del 14 settembre 2015, quando Balestrero ha effettuato una donazione da 4 milioni di euro al fratello, operazione che secondo la Guardia di Finanza sarebbe la prova finale. I milioni di euro sarebbero passati attraverso una società con sede alle Isole Vergini Britanniche, da una fiduciaria e da una banca ticinese e rientrati in Italia con lo scudo fiscale.

Il fiduciario luganese 'manina molla'

L'architettura finanziaria sarebbe stata costruita da un broker ticinese soprannominato nelle intercettazioni eseguite dalla procura di Genova "manina molla" (persona che non è indagata dagli inquirenti italiani), il prelato insieme al padre si sarebbe anche recato presso il suo ufficio in Via Nassa a Lugano. I pubblici ministeri ipotizzano che la donazione servisse in realtà a finanziare un'operazione immobiliare la ristrutturazione dei Bagni Lido a Genova. La decisione di patteggiare dei Balestrero non viene da loro ritenuta un'ammissione di colpa ma deriverebbe dalla difficoltà nel reperire la documentazione del caso. E l'arcivescovo, attraverso i suoi legali dice: "La scelta di patteggiare è dovuta a diverse ragioni. Fra queste, forse la più sentita è ridare serenità alla famiglia di mio fratello Guido e alla mia condizione ecclesiastica. Ciò mi ha fatto risparmiare tempo ed energie per la mia missione spirituale e, come sacerdote, sento l'obbligo di volgere la mente e i miei desideri alla mia missione e non al denaro". L'Arcivescovo ha dichiarato all'Ansa: "Si tratta di una vicenda esclusivamente familiare, che riguarda l'attività imprenditoriale di nostro padre negli anni '90 del secolo scorso. All'epoca mi trovavo all'estero in missione, molto lontano dall'Italia. Non ho mai conosciuto gli eventi di quegli anni e sono stato assolutamente estraneo ad essi. Quando ho donato a mio fratello la sua quota, l'ho fatto con atto pubblico e trasparente, convinto di non commettere nulla di illecito. Altrimenti non l'avrei fatto. Io e mio fratello abbiamo scelto di patteggiare, con dolore, perché riteniamo di non avere responsabilità penali, ma credo sia la scelta più confacente per ridare serenità alla famiglia di Guido e alla mia condizione ecclesiastica".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
balestrero riciclaggio ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
2 ore
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
3 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
3 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
4 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
4 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
4 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
4 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
4 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
6 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
6 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved