laRegione
02.02.21 - 18:03
Aggiornamento: 18:32

Spese e lockdown, ‘si rinunci all’aumento delle imposte’

Anche la Lega interroga il governo sul fatto che alcune deduzioni fiscali non saranno integrali nell’anno della pandemia

spese-e-lockdown-si-rinunci-all-aumento-delle-imposte
(archivio Ti-Press)

Sul mancato riconoscimento integrale delle spese professionali nella dichiarazione d’imposta 2020 a causa del lavoro ridotto o da casa, si registra anche un’interrogazione della Lega dei ticinesi, primo firmatario il capogruppo in Gran consiglio Boris Bignasca. Anche Carlo Lepori, a nome del Ps, ha chiesto lumi negli scorsi giorni al governo proponendo la soluzione zurighese. La notizia è stata anticipata dal nostro giornale. 
Quali le motivazioni del fisco? A seguito della chiusura di molte attività commerciali e produttive e dell’introduzione del telelavoro in particolare durante la primavera, ma pure nella seconda parte del 2020, il fisco considera non pertinente concedere le deduzioni fiscali menzionate nella loro integralità. Per le “altre spese professionali” il forfait di 2'500 franchi verrebbe considerato come limite massimo.

Da qui la richiesta al Consiglio di Stato, tra le altre cose, “di rivedere la decisione della Divisione delle contribuzioni del Dfe, rinunciando alla riduzione di alcune deduzioni fiscali, che di fatto comporta un aumento delle imposte a carico delle cittadine e dei cittadini”. Inoltre, “dato che il telelavoro è stato imposto pure nel 2021, è intenzione della Divisione delle contribuzioni di ridurre le deduzioni fiscali anche nella dichiarazione d’imposta 2021?”.

“Sono state date istruzioni alle tassatrici e ai tassatori affinché le deduzioni fiscali non siano prese in considerazione, in particolare, ma non solo, nel periodo indicato in precedenza?”. “Il Consiglio di Stato è consapevole che il Cantone rischia di esporsi a migliaia di contenziosi con i contribuenti, che provocherebbero una mole di lavoro di accertamento probabilmente eccessiva?”.

Leggi anche:

Spese professionali e lockdown, si segua l’esempio zurighese

Imposte, il lockdown taglia anche le spese professionali

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
3 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
8 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
10 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
11 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
12 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
12 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
13 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
14 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
15 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
© Regiopress, All rights reserved