laRegione
riget-ps-aiuti-insufficienti-speziali-plr-scettico
Ti-Press
Ticino
13.01.21 - 21:090
Aggiornamento : 21:32

Riget (Ps): 'Aiuti insufficienti'. Speziali (Plr): 'Scettico'

La politica ticinese reagisce alle misure comunicate oggi dal Consiglio federale. Agustoni (Ppd): 'Restrizioni pesanti'. Caverzasio (Lega): 'Sostegno immediato'

Questa sera il Partito socialista ha riunito il proprio Comitato cantonale via web, e alla presenza di oltre 50 partecipanti la copresidente Laura Riget ha definito «insufficienti» gli aiuti promessi finora per contrastare le conseguenze economiche della pandemia. Punta il dito contro il Consiglio di Stato, reo secondo lei di «un agire inaccettabile che mette a rischio migliaia di posti di lavoro». Ma è anche generale la bocciatura di quanto stanziato finora a livello federale: «È una vergogna per un Paese così ricco fare così poco». E secondo Riget c’è un grande pericolo. Vale a dire che «diventa difficile l’accettazione delle misure. Se arriva un obbligo di chiusura del proprio negozio ma non gli aiuti necessari, si vede sgretolarsi tutto e si conclude che è preferibile tenere aperto il negozio e rischiare di contagiarsi. Così si crea terreno fertile per il populismo». 

Speziali (Plr): ‘Sono davvero scettico’

«Sono davvero scettico su queste nuove chiusure, che colpiscono moltissime attività, grandi e piccole», commenta invece da noi interpellato il presidente del Plr Alessandro Speziali. Che aggiunge: «Sono ora essenziali un orizzonte di riapertura chiaro, che manca, e aiuti finanziari erogati il prima possibile, riducendo all’osso le procedure. Per evitare il rischio di abusi, le sanzioni per chi fa il furbo devono essere esemplari». Sull’obbligatorietà del telelavoro, invece, per Speziali «occorre arrivare a misure concordate, a difesa della salute ma anche della sopravvivenza dei posti di lavoro. Per fortuna le scuole non chiudono, sarebbe stato un nuovo duro colpo per l’apprendimento dei giovani. Infine, la campagna di vaccinazione deve diventare una vera e propria offensiva per ridare ossigeno a tutti».

Agustoni (Ppd): ‘Restrizioni pesanti’

«Si tratta di restrizioni estremamente pesanti per i settori economici colpiti - evidenzia il capogruppo del Ppd in Gran Consiglio Maurizio Agustoni -. E dalle prime indicazioni, le compensazioni finanziarie prospettate potrebbero risultare non adeguate. Pertanto sul piano federale si impone, da questo punto di vista, una riflessione. È chiaro che non si può pensare che siano i negozi, in particolare quelli della piccola distribuzione, a sobbarcarsi l’intero peso economico di queste chiusure. Negozi che hanno adottato dei protocolli di sicurezza molto severi e che ora sono costretti a chiudere. Quando avremo una visione di dettaglio degli incentivi federali, bisognerà valutare se a livello cantonale vi sia la necessità di ulteriori interventi. Occorre comunque agire rapidamente».

Caverzasio chiede aiuti congrui e immediati

E di rapidità parla anche il leghista Daniele Caverzasio. «Gli aiuti finanziari - afferma il presidente del Gran Consiglio - devono essere congrui e soprattutto immediati: dobbiamo assolutamente scongiurare non solo una terza ondata pandemica, ma anche un peggioramento della situazione economica e di riflesso di quella sociale». Riprende, sulle misure decise da Berna, Agustoni: «Noto che per quanto riguarda gli assembramenti sui mezzi di trasporto pubblico da Berna purtroppo non sono ancora giunte misure. Osservo invece positivamente che è stata mantenuta la scuola in presenza».

TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
Cadenazzo, intossicati tre dipendenti del centro della Posta
In corso le verifiche per accertare la cause dei malori accusati da tre persone nel frattempo trasportate all'ospedale. Lo stabile è stato evacuato.
Bellinzonese
2 ore
A Bellinzona due ore in più il sabato per tagliare l'erba
In pubblicazione, con alcune modifiche, la nuova Ordinanza comunale sulla repressione dei rumori molesti: cosa cambia dal giardinaggio ai cantieri edili
Ticino
5 ore
Altre dieci persone perdono la vita per il Covid
Sono 108 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, mentre altri 14 pazienti sono stati ricoverati, per un totale di 291 degenti
Ticino
9 ore
Come sardine sui mezzi pubblici
Ogni mattina su alcune linee di bus e treni le persone viaggiano ammassate. Autopostale: ‘Non ci risulta’
Bellinzonese
9 ore
Trattative avviate per una piscina pubblica ad Acquarossa
Il sindaco Odis De Leoni: ‘Sarebbe sufficiente dai tre Comuni di valle un contributo totale di 1,5 milioni’. Serravalle e Blenio chiedono però dettagli
Luganese
17 ore
Lugano, Berna promuove il Polo sociale
Molino Nuovo, la Fondazione Vanoni ridimensiona il progetto del 2012: il costo stimato cala da 64 a 53 milioni. Atteso il messaggio governativo
Ticino
18 ore
Quadranti (Plr): 'Divisione giustizia, perché questo concorso?'
Viene contestato il bando apparso sul Foglio ufficiale, a un anno di distanza da una procedura tortuosa per un altro posto. Ma il discorso è molto più ampio
Ticino
19 ore
Magistratura, corsa a tre per il dopo Siro Quadri
Pretura di Vallemaggia, tre i candidati: Manuel Bergamelli, Brenno Martignoni Polti e Petra Vanoni. La 'Giustizia e diritti' li ha sentiti di recente
Bellinzonese
19 ore
L'azzardo si sposta online, sempre più giovani
L’allarme dal gruppo di prevenzione con sede a Bellinzona. Scende l’età dei giocatori.
Mendrisiotto
20 ore
Riva San Vitale, un altro anno all'insegna della stabilità
Il Municipio presenta il preventivo con un disavanzo contenuto e propone di confermare, per il 23esimo anno, il moltiplicatore all'85 per cento
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile