laRegione
10.01.21 - 11:54
Aggiornamento: 18:54

Ticino, 7mila persone vaccinate nelle case anziani

Soddisfatto per come si è svolta la campagna durante la prima settimana il farmacista cantonale. Si prosegue; unica limitazione il numero di vaccini

ticino-7mila-persone-vaccinate-nelle-case-anziani
Primi vaccini anti Covid-19 alla Casa Anziani San Carlo di Locarno (Foto Ti-Press)

Fino a ieri sera in Ticino sono state somministrate circa 7mila dosi di vaccino nelle case per anziani, mille seguiranno domani in 11 strutture e martedì in ulteriori 4. Verrà così terminato il primo giro delle case per anziani. 2'500 sono le dosi che rimarranno nei magazzini e saranno utilizzate a Rivera a partire da martedì per le persone che hanno preso appuntamento nei giorni scorsi.

«Siamo molto soddisfatti di come la campagna è iniziata e come si è svolta in questa prima settimana», ha affermato Giovan Maria Zanini. «L'interesse che la popolazione ha manifestato finora è elevato», prosegue il farmacista cantonale spiegando che avverrà un secondo passaggio nelle case per anziani per il personale sanitario che ha cambiato idea in questi giorni decidendo di farsi vaccinare.

Un primo elemento di soddisfazione per Zanini è dunque la forte adesione della popolazione e il fatto che le 2'500 dosi che verranno somministrate al centro di Rivera sono già state assegnate.

Secondo elemento è l'assenza finora di problemi durante e dopo le vaccinazioni, a parte il normale dolore transitorio al sito di iniezione.

In terza sede, spiega Zanini, la logistica sta funzionando come previsto, sia nel trasporto che nella suddivisione e nella consegna al dettaglio sul territorio. Inoltre «tutti gli attori sul territorio stanno lavorando bene, con impegno e in modo efficiente. L'unica limitazione riguarda dunque la disponibilità del vaccino e non la nostra capacità di somministrarlo».

Per la settimana dal 18 al 25 gennaio sono attese 6mila dosi del vaccino Pfizer-BioNTech. Questo quantitativo servirà per vaccinare le persone che stanno già prendendo appuntamento nei centri di Rivera, Tesserete e Ascona che saranno attivati a partire dal 25 gennaio, sempre limitatamente ai nati nel 1935 e anni precedenti.

Da domani questi stessi anziani hanno la facoltà di annunciarsi presso i propri comuni, per manifestare l'interesse a una vaccinazione più di prossimità. «Non avevamo nessuna alternativa perché il vaccino è difficile da gestire», spiega il farmacista cantonale. «Potremo farlo con delle squadre mobili che sono già intervenute in settimana». E aggiunge: «Stiamo aspettando con fiducia il vaccino della ditta Moderna, che ha una difficoltà logistica minore e ci permette di andare sul territorio e di gestire in modo pratico la vaccinazione a livello dei comuni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
40 min
Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’
Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
2 ore
Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere
Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
3 ore
Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’
Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
3 ore
Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
4 ore
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
4 ore
‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’
Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
4 ore
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Luganese
9 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
10 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
10 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
© Regiopress, All rights reserved