laRegione
24.12.20 - 11:54

'Vaccinazioni, sarà fondamentale il gioco di squadra'

La Sezione enti locali scrive ai Comuni. Della Santa: contattare gli anziani a domicilio e mettere a disposizione gli spazi per la somministrazione

vaccinazioni-sara-fondamentale-il-gioco-di-squadra
Il capo della Sel Marzio Della Santa (Ti-Press)

In Ticino la vaccinazione contro il Covid partirà, stando alle più recenti indicazioni, il 4 gennaio e anche i Comuni saranno chiamati a fare la loro parte. D’altronde, come ha scritto loro lunedì dal Dipartimento istituzioni la Sezione enti locali (Sel), “per la riuscita dell’intera operazione, ancora una volta, sarà fondamentale il gioco di squadra di tutti gli attori coinvolti, e quindi sarà necessaria la vostra collaborazione”. Concretamente? «Gli aspetti di dettaglio saranno definiti e ci verranno comunicati la settimana prossima dagli uffici del Medico cantonale e del Farmacista cantonale, ad ogni modo l’idea di fondo – dice alla ‘Regione’ il capo della Sel Marzio Della Santa - è di coinvolgere i Comuni, valorizzando così il concetto di prossimità, da un lato per quel che riguarda la presa di contatto con gli anziani che vivono a domicilio per informarli della possibilità di vaccinarsi, dall’altro per quel che concerne la messa a disposizione, sempre nei rispettivi territori, di spazi ritenuti idonei per la somministrazione del vaccino alle persone che vogliono vaccinarsi. All’inizio della campagna la priorità verrà tuttavia accordata ai residenti nelle case per anziani».

Le prime indicazioni

Ed è quanto ricorda la Sel nella newsletter del 21 dicembre ai Comuni firmata dallo stesso Della Santa. “Siccome le dosi in arrivo saranno limitate (ma molte altre seguiranno nelle settimane e nei mesi a venire), sarà data priorità alle persone appartenenti ai gruppi più a rischio, ovvero – prosegue la comunicazione – agli anziani residenti in case per anziani, poi si passerà alla popolazione anziana che vive a domicilio (eventualmente prima alle persone di 80 e più anni, poi a quelle di 65 e più anni) e infine gli adulti affetti da condizioni di salute ad alto rischio (come ad esempio il diabete, un’obesità importante, l’insufficienza cardiaca o la broncopneumopatia cronica ostruttiva) residenti sul territorio cantonale. Man mano che verranno vaccinati i gruppi a rischio, si procederà a vaccinare anche il personale sanitario che si occupa delle persone a rischio”. Quando “la disponibilità di diversi vaccini in quantità sufficiente lo permetterà, si procederà con la vaccinazione di altri gruppi prioritari e infine della popolazione in generale”. Prosegue la newsletter di lunedì scorso: “Nei prossimi giorni gli Uffici del Medico cantonale e del Farmacista cantonale contatteranno direttamente gli istituti di cura per le persone anziane al fine di pianificare le vaccinazioni. Al contempo prenderanno pure contatto con tutti i Comuni per coinvolgerli nella programmazione delle vaccinazioni alle persone anziane residenti nel loro paese. Non si esclude che venga chiesto anche l’intervento della persona di riferimento nell’ambito della protezione della popolazione”.

‘Una sfida importante’

La Sezione enti locali ricorda inoltre che il vaccino Comirnaty della Pfizer-BioNtech (“il primo a essere omologato e dunque autorizzato all’uso”) presenta “delle caratteristiche di conservazione, distribuzione e somministrazione molto particolari per cui non sarà possibile svolgere la vaccinazione presso gli studi medici; l’organizzazione della vaccinazione rappresenta una sfida importante che prevede l’intervento di speciali squadre mobili e la creazione di centri di vaccinazione” per la popolazione. «Ed è anche nell’allestimento di questi centri, indispensabili nell’attesa che il vaccino possa essere somministrato a livello ambulatoriale, che la collaborazione dei Comuni sarà preziosa, fondamentale», afferma Della Santa. Una sfida “importante”, che non deve cogliere impreparati neppure gli enti locali. “Considerata l’imminenza delle festività natalizie – annota la Sel nella newsletter di lunedì 21 indirizzata ai Comuni – abbiamo ritenuto opportuno preavvisarvi anticipatamente sul piano delle vaccinazioni cantonali – nonostante non siano ancora stati definiti tutti gli aspetti organizzativi – in maniera che possiate essere reattivi già a partire dalla prossima settimana. Al momento, infatti, le autorità sanitarie stanno facendo una serie di valutazioni e appena possibile sarà nostra premura fornirvi tutti i dettagli del caso”. Come spiegato dal responsabile della Sezione degli enti locali, nei prossimi giorni si saprà di più a proposito del ruolo che avranno i Comuni. «La campagna di vaccinazione in Ticino è coordinata dagli uffici del Medico cantonale e del Farmacista cantonale – ribadisce Della Santa –. Come ha sostenuto il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini, l’obiettivo è di raggiungere, attraverso un’adeguata organizzazione, chiunque sia intenzionato a vaccinarsi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
18 min
Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato
Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Ticino
3 ore
Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore
Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Luganese
5 ore
‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’
È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media del Luganese
Luganese
6 ore
Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario
La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
6 ore
‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’
Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
6 ore
I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni
Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Luganese
8 ore
Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori
Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
Ticino
8 ore
‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’
È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale
Bellinzonese
11 ore
Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano
La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
Mendrisiotto
22 ore
Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’
L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
© Regiopress, All rights reserved