laRegione
29.09.20 - 20:09
Aggiornamento: 21:42

Giustizia, si fa presto a dire nuova sede

Acquisto stabile Efg e spazi da occupare, la commissione Gestione chiede altri chiarimenti al governo

giustizia-si-fa-presto-a-dire-nuova-sede
Ti-Press

«Non escluderei il colpo di scena, cioè il rimandare al mittente la proposta», sostiene, interpellato dalla 'Regione', il liberale radicale Matteo Quadranti, presidente della commissione parlamentare della Gestione che nella seduta di oggi è tornata a discutere dell’acquisto dello stabile Efg a Lugano, il principale tassello della ‘riorganizzazione logistica’ della magistratura. Un acquisto da 80 milioni di franchi, cui vanno a sommarsi 6 milioni e 440 mila franchi per la progettazione degli adattamenti. Per la progettazione, però. Poiché nel messaggio governativo licenziato lo scorso novembre si legge come le uscite per l’investimento totale, comprensivo delle ristrutturazioni, come quella dell'attuale Palazzo di giustizia, ammontino a quasi 224 milioni di franchi. Insomma, un sacco di soldi e in tempi che si annunciano di vacche magre. Così la Gestione, a una settimana di distanza dal sopralluogo alla struttura Efg, «chiede al Consiglio di Stato qualche precisazione in più sulle superfici che sembrerebbero avanzare - spiega Quadranti -, e vedere se si possono riempire magari con altri uffici che potrebbero arrivare». La domanda di fondo è questa: lo stabile che il governo ha scelto verrebbe riempito tutto o no? «Siamo consapevoli come commissione che prima o poi dobbiamo arrivarne a una», spiega Quadranti. Aggiungendo che «se il Consiglio di Stato riesce a dare un’indicazione su come riempire tutti gli spazi, tra vecchio e nuovo stabile, penso possa esserci un margine per andare avanti. Ma non escludo altri esiti». 

'Per noi sarebbe preferibile che la Carp restasse a Locarno e la Pretura penale a Bellinzona'

Dossier delicato, non foss'altro per le rilevanti somme in ballo. «Per quel che ci riguarda - afferma il capogruppo del Ppd in Gran Consiglio Maurizio Agustoni - c'è una perplessità di fondo sulla concentrazione delle autorità giudiziarie a Lugano, come prospetta il governo. Riteniamo infatti opportuno garantire su tutto il territorio una certa presenza delle istituzioni e dunque dello Stato, uno Stato vicino ai cittadini anche fisicamente». In concreto? «Secondo noi sarebbe preferibile se la Corte d'appello e revisione penale restasse a Locarno e la Pretura penale a Bellinzona». Premesso ciò, l'investimento indicato dal governo e sul quale la Gestione sta riflettendo «è ingente, tra tutto parliamo di oltre 220 milioni di franchi: per questo occorre muoversi con oculatezza», sottolinea Agustoni. «Intendiamoci, lo stabile Efg è indubbiamente pregevole dal profilo architettonico, è però fondamentale è che a fronte di una spesa così consistente tutti gli spazi dell'edificio abbiamo una loro destinazione. A noi come gruppo parlamentare interessa sapere dal governo se gli spazi di cui si doterebbe l'ente pubblico a Lugano al termine delle operazioni prospettate dal Consiglio di Stato risulterebbero tutti occupati, a maggior ragione se la Corte d'appello penale restasse a Locarno e la Pretura penale a Bellinzona. Mi sembra una premessa fondamentale per entrare nel merito dell'acquisto».

L'ulteriore quesito che la Gestione pone al Consiglio di Stato «è proprio questo: come si intenda riempire tutti gli spazi dello stabile Efg, compresi quelli in esubero rispetto al reale fabbisogno», spiega a sua volta Ivo Durisch. In commissione, continua il capogruppo socialista, «non abbiamo ancora sul tavolo tutti gli elementi per decidere se dare l'ok a un investimento che è ragguardevole, fermo restando che qualcosa bisogna fare per assicurare alla magistratura una logistica moderna ed efficiente, necessaria anche per implementare la digitalizzazione nell'amministrazione della giustizia». Tuttavia, avverte Durisch, «in un momento economicamente difficile come quello che stiamo vivendo bisogna agire con prudenza, procedendo dove è indispensabile con degli investimenti, purché siano per l'appunto giustificati e finanziariamente sostenibili». Se l'operazione stabile Efg dovesse andare in porto «si dovrà, reputiamo, separare fisicamente prima e seconda istanza giudiziaria, cosa peraltro fattibile essendoci a disposizione quattro torri». 

'Pensiamo però anche ai prospettati potenziamenti'

La Lega, al momento, non si espone. Nel senso che, spiega il capogruppo Michele Foletti «noi commissari della Gestione incontreremo il nostro gruppo parlamentare, spero anche con il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi, e riferiremo del sopralluogo della settimana scorsa. Poi prenderemo una decisione». È chiaro però, concede Foletti, «che davanti ai prospettati potenziamenti della magistratura bisogna lavorare in prospettiva anche riguardo agli spazi che serviranno».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Capanna Cremorasco pronta per la primavera
I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Ticino
6 ore
Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze
L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
6 ore
‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete
I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Ticino
13 ore
Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile
Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
14 ore
Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’
Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
16 ore
Per la Stranociada un successo… incontenibile
Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
18 ore
Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito
Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
19 ore
Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’
Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
21 ore
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
1 gior
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
© Regiopress, All rights reserved