laRegione
dal-gran-consiglio-si-a-pieni-voti-al-pacchetto-scolastico
Ti-Press
Ticino
23.09.20 - 18:340
Aggiornamento : 20:31

Dal Gran Consiglio sì a pieni voti al pacchetto scolastico

Dopo la riforma fiscale e le misure per la socialità arriva il si anche ai 19 milioni per la diminuzione degli allievi per classe alle medie e altre modifiche

Dopo la riforma fiscale e il pacchetto per la socialità già varati dal parlamento, oggi è stato il turno del terzo pilastro che regge l'accordo di governo trovato dal Consiglio di Stato nel luglio dell'anno scorso: i miglioramenti per la scuola. Il via libera quasi unanime del Gran Consiglio dà quindi l'ufficialità a varie misure che riguardano la scuola dell'obbligo. Alle medie si va dalla diminuzione del numero massimo di allievi per classe a 22, all'introduzione (già avvenuta per le prime) di due ore di laboratorio di italiano in prima, di matematica in prima e seconda, di tedesco in seconda media. Per le scuole dell'infanzia ed elementari niente riduzione come inizialmente previsto dal messaggio governativo, ma sì al docente d'appoggio nelle prime al 50 per cento per ogni sezione a partire da 21 allievi, nelle seconde sempre a metà tempo a partire da 23 allievi nelle sezioni monoclassi. Nelle biclassi, invece, viene introdotto a partire da 21 allievi. Questo, in soldoni, è il compromesso trovato dalla Commissione parlamentare formazione e cultura all'unanimità. Il tutto, beninteso tranne i laboratori, sarà in vigore a partire dal prossimo anno scolastico. Il costo, a regime, sarà di 19 milioni.

I correlatori: lavoro lungo e faticoso

Risultato, spiega il correlatore Raoul Ghisletta, «di un lungo e faticoso lavoro politico e tecnico per trovare consenso su una serie di misure che migliorerà sensibilmente equità, inclusione e uguaglianza nella scuola dell'obbligo in Ticino. Dopo la bocciatura della sperimentazione del progetto ‘La scuola che verrà’, questo è un passo importantissimo: abbiamo sudato sette camicie, siamo felici di averlo portato a compimento».

La correlatrice popolare democratica Maddalena Ermotti-Lepori ricorda come con le ore di laboratorio in più «si dà una risposta alla mozione presentata da Maristella Polli e Luca Pagani sei anni fa, con un risultato che permetterà di migliorare concretamente la scuola dell’obbligo: è cruciale investire su formazione superiore e università, ma ciò presuppone un’ottima scuola dell’obbligo, che permetta a ognuno di dare il meglio di sé e che lo motivi a continuare a farlo. Il messaggio presentava alcune criticità come il docente d’appoggio cantonale e la diminuzione degli allievi delle elementari a 22, il rischio era un eccesso di rigidità. Il nostro rapporto tiene conto delle consultazioni e delle preoccupazioni dei Comuni. Ognuno di noi ha accettato un compromesso, nel senso nobile del termine».

Un entusiasmo smorzato dal correlatore della Lega Michele Guerra, per il quale «non votiamo una panacea, non risolviamo problemi della scuola, assolutamente no. Questa proposta non va in profondità, non attua una riforma tanto necessaria, ma c’è un ma. Si tratta comunque, perlomeno, di un miglioramento piccolo piccolo, ma almeno concreto». Di difetti la proposta originale per Guerra «ne aveva molti. Oggi ne ha molti meno. Una delle nostre richieste è stata il ridurre il grado di imposizione cantonale sui Comuni, con la condizione che avremmo sostenuto il rapporto solo se non vi fosse stata un'opposizione dell'Associazione dei Comuni ticinesi. Ci siamo riusciti».

L'ultimo correlatore a prendere la parola, Alessandro Speziali (Plr), annota come «l’istruzione è patrimonio comune, e mi piace pensare che il sostegno convinto di tutta la commissione e Gran consiglio ne sia il suggello. Abbiamo dovere di offrire la miglior scuola possibile alle nuove generazioni. E mi piace ricordare che la formazione è l'arma piu potente a nostra disposizione per affrontare un mercato del lavoro sempre piu tecno-liquido». Speziali rileva come «la scuola pubblica non è in sfacelo, ma ci chiede un miglioramento: oggi la classe è un microcosmo sociale molto piu complesso rispetto a qualche tempo fa». E ammettendo che «la diminuzione generalizzata degli allievi alle comunali subito ci ha trovato scettici», riconosce che «la figura del docente di appoggio che rimane di nomina comunale ci pare ragionevole. È molto positivo che il Decs si sia dimostrato permeabile a nuove soluzioni, un cenno di apertura politica e pedagogica che speriamo di poter avere ancora». Infine, per Speziali, «specifici laboratori in italiano, matematica e tedesco potenzieranno un insegnamento calibrato così come la diminuzione del numero massimo di allievi. Non siamo al cospetto di una rivoluzione copernicana, ma stiamo per votare una misura che darà un insegnamento il piu vicino possibile ai talenti e bisogni dei giovani».

 L'intervento di Guerra non è passato inosservato alle orecchie di Daniela Pugno Ghirlanda (Ps), secondo la quale «non è un miglioramento piccolo piccolo come detto, è un passo importante. E realizzerà misure essenziali: una è la maggior presenza del docente di appoggio nella scuola d’infanzia ed elementare» e a quelle di Michele Foletti. Il capogruppo leghista, infatti, rende pubblico che sia l'Associazione dei comuni ticinesi sia l'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese hanno inviato una missiva nella quale annotano come «il fatto di non opporsi non significa appoggiare, e le decisioni del Gran consiglio non potranno essere considerate decisioni acquisite sulle quali non sia possibile tornare».

Tornando al tema prettamente ‘scolastico’ si registra l'appoggio convinto dei Verdi, con Cristina Gardenghi a «vedere di buon occhio la diminuzione e l'introduzione di un docente d'appoggio comunale. Il risultato uscito dalla commissione è un grande esercizio di collaborazione e concertazione. Pur nei limiti di un sistema scolastico vecchio che andrebbe smontato e rimontato accuratamente pezzo per pezzo in una nuova struttura».

Non sprizzava entusiasmo da tutti i pori il capogruppo Udc Sergio Morisoli nel «dare l'appoggio convinto al rapporto commissionale, perché ho fatto molta fatica a non presentare un rapporto di minoranza. Ma alla fine un segnale di pace val bene un sì unanime». A Morisoli, soprattutto, «spiace constatare che a due anni di distanza da ‘La Scuola che verrà’ non ci sia ancora progetto globale di riforma della scuola dell'obbligo che affronti in modo sistematico e organico sia i contenuti della scuola stessa, sia i metodi d insegnamento, sia l’organizzazione operativa. Si constata purtroppo che oltre singole misure marginali non vi sia nulla all’orizzonte». Ma se c'è scetticismo «sull’approccio quantitativo e aritmetico per definire la diminuzione degli allievi e per imporre il docente d’appoggio» c'è «soddisfazione per la decisione di escludere l’imposizione di queste misure alle scuole private».

Tamara Merlo (Più donne) considera il tutto «un passo avanti, ma avrei preferito una seria riduzione di allievi per classe». Lea Ferrari (Pc) è dell'opinione che «la commissione ha un po' pasticciato, rinunciando a ridurre gli allievi alle scuole dell'infanzia ed elementari». Bocciatura solenne dal Movimento per il socialismo, con Angelica Lepori Sergi che contesta come «o si scende radicalmente sotto i 20 allievi o differenze sostanziali non ce ne sono, e non ce ne saranno nei prossimi anni».

Bertoli: ‘Oggi è un giorno di festa, soprattutto per gli allievi‘

È evidente la soddisfazione del direttore del Decs Manuele Bertoli nel dire che «oggi è un giorno di festa, soprattutto per gli allievi». E aggiunge: «Questa operazione finalmente va in porto. Magari molti di noi speravano di ottenere di più, e posso mettermi tra questi. Ma credo sia importante fare passi avanti con una larga condivisione dentro e fuori dal parlamento. Spero sia l'inizio di un nuovo ragionamento attorno alla scuola, che ha bisogno di un sostegno corale». In passato, riprende Bertoli, «forse si è pensato troppo al settore universitario e poco alla scuola dell'obbligo: questi investimenti sono da salutare con entusiasmo». Il direttore del Decs replica anche a Lepori Sergi, ricordando come «è vero, il numero medio di allievi è 20-21, ma abbassando il numero legale da 25 a 22 si abbasserà anche il numero medio» e a Foletti. L'autonomia comunale in ambito scolastico, afferma, «è già largamente data, ma all'interno di un quadro ben definito in cui le condizioni quadro, come quelle che decidiamo oggi, sono importanti, perché sono di qualità e quantità. Questi criteri non devono essere visti come la volontà di andare a calpestare i diritti dei Comuni, ma come volontà di alzare l'asticella»

 

TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Capanna Gorda verso l'ampliamento
Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
5 ore
Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'
Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
7 ore
Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso
Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
11 ore
‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’
Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
11 ore
Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio
Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
11 ore
Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano
Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
11 ore
Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811
I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
20 ore
Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'
Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
21 ore
Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'
Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Ticino
22 ore
Radar un po' per tutti, ma soprattutto per il Luganese
Ecco i controlli di velocità previsti in Ticino tra il 26 ottobre e il 1° novembre 2020
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile