laRegione
18.09.20 - 11:05
Aggiornamento: 12:37

Case per anziani, ok a visite più frequenti e in camera

Le autorità presentano l'aggiornamento delle direttive. De Rosa: 'Gli anziani si spengono a causa della solitudine'

case-per-anziani-ok-a-visite-piu-frequenti-e-in-camera
Il direttore del Dss Raffaele De Rosa (Ti-Press)

«Sul fronte ticinese la situazione rimane stabile, mentre a livello svizzero constatiamo una preoccupante tendenza all’aumento – esordisce il consigliere di Stato Raffaele De Rosa –. Ora, alla riapertura delle scuole si aggiungerà la ripresa delle grandi manifestazioni decisa del Consiglio federale. Ci si muove in un contesto mutevole, bisogna accompagnarlo con misure adeguate». Sono questi i motivi, assicura De Rosa, che hanno portato il governo a prolungare i provvedimenti in vigore in materia sanitaria (divieto di assembramenti al di sopra delle trenta persone, regole per la ristorazione). Il bollettino odierno nel nostro Cantone parla di 4 nuovi contagi (3'608 da inizio pandemia) e nessun decesso. Attualmente solo un paziente è ricoverato in ospedale a causa del Covid.

«Gli anziani si spengono a causa della solitudine», afferma il direttore del Dss, introducendo al tema dell’aggiornamento delle direttive per le case per anziani. Tra le novità previste dall'Ufficio del medico cantonale vi sono nuove disposizione che consentiranno agli ospiti di ricevere visite con maggior frequenza e più lunghe. Gli anziani potranno inoltre lasciare le strutture per svolgere attività di svago. «La discussione con l’Associazione dei direttore delle case per anziani (Adicasi) ci ha portato a definire delle direttive che devono permetterci di assumere un rischio accettabile – spiega Giorgio Merlani –. Le nuove direttive entreranno in vigore al momento delle firma (probabilmente già oggi). Ma poi le case per anziani avranno sette giorni di tempo per organizzarsi e per implementare quello che c’è scritto». 

«Non abbiamo nessun caso di Covid nelle case per anziani da mesi», interviene Franco Tanzi, medico geriatra e coordinatore del gruppo di lavoro ‘case anziani’. «La grande novità sono ovviamente le visite nelle camere – commenta Tanzi –, possibili per tutti rispettando le misure di protezione».  Visite: sarà consentita una di 45 minuti oppure due da 25 minuti. «L’altra grande conquista sono le uscite – osserva il coordinatore del gruppo di lavoro –.  Al rientro dalle attività svolte al di fuori della struttura non è prevista nessuna misura sanitaria particolare».

E se ci fossero nuovamente dei casi di Covid all'interno delle case per anziani? «La direttiva dà la facoltà al direttore della struttura di chiuderla immediatamente qualora ci fossero dei casi sospetti – risponde Merlani –. I passi da compiere, in ordine, sarebbero: chiusura della casa, isolamento del paziente, verifica dei contatti con altri ospiti e personale, rafforzamento delle misure di prevenzione».

La situazione in Ticino

È il medico cantonale a fornire le cifre relative al contact tracing in Ticino: a oggi ci sono 34 casi in isolamento, mentre sono 101 i loro contatti posti in quarantena. Per quanto riguarda i rientri dall'estero, al momento ci sono 323 persone che si sono annunciate e che stanno osservando la quarantena preventiva obbligatoria di dieci giorni. 

«Al momento ci sono alcuni piccoli focolai – indica Merlani –: posti di lavoro, feste private, locali notturni e, in un caso, un'intera famiglia». Finora i casi riscontrati nelle scuole (solo nel post-obbligatorio) sono 5, «ma nessuno di questi per ora ha comportato la necessità di mettere un'intera classe in quarantena. E soprattutto non sono questi il motore dei contagi».

  

Leggi anche:

Covid-19, in Ticino 4 nuovi contagi in 24 ore

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
5 min
La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni
Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
8 min
Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’
Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
13 min
L’Osteria Palazign ora è nelle mani del Patriziato di Comologno
Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno, è diventato realtà
Locarnese
42 min
Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire
Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Mendrisiotto
2 ore
Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto
Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
4 ore
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
6 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
8 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
8 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
11 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
© Regiopress, All rights reserved