laRegione
16.09.20 - 14:38
Aggiornamento: 20:03

Effetto Covid, in calo il numero delle imprese

Il saldo nel secondo trimestre è di 21 imprese in meno iscritte al registro di commercio. Il tasso di fallimento rimane comuque molto basso

effetto-covid-in-calo-il-numero-delle-imprese
(foto Ti-Press)

Nel secondo trimestre 2020, la demografia delle imprese risulta ancora influenzata sia dal blocco delle attività sia dalle misure di supporto economiche introdotte a seguito dello sviluppo della pandemia. Il tasso di fallimento continua a essere eccezionalmente ridotto mentre aumenta il numero delle chiusure. È quanto rende pubblico l'Ire, l'Istituto di ricerche economiche dell'Usi. 

Soprattutto il numero delle cancellazioni sono stati superiori rispetto allo scorso anno. Anche a livello trimestrale, l’aumento delle cancellazioni è stato particolarmente elevato (+140 unità), ma bilanciato da una leggera crescita del numero di iscrizioni. Con riferimento alla tipologia giuridica di impresa, è diminuito ancora il numero delle società anonime (Sa) e delle succursali estere mentre è aumentato, anche se con una intensità minore, quello delle società anonime a garanzia limitata (Sagl) e delle succursali di imprese nazionali. A livello settoriale, ha invece subito una brusca frenata l’evoluzione positiva delle imprese attive nelle professioni tecniche e scientifiche mentre sono ulteriormente diminuite le imprese operanti nel manifatturiero e real estate. Il tasso dei fallimenti è invece stabile e influenzato ancora dalle misure economiche di supporto attivate a seguito della diffusione della pandemia legata al virus Covid-19. Peggiora infine ulteriormente il saldo intercantonale dei movimenti di impresa, pari a -18 unità. Gli unici settori con un saldo intercantonale positivo sono quelli legati alle attività artistiche-ricreative, Itc e amministrative di supporto.

La variazione trimestrale negativa è stata pari a -21 unità che risulta decisamente peggiore rispetto a quella dello stesso periodo dello scorso anno (pari a +117 imprese), a causa di un forte aumento del numero di cancellazioni (+172 unità rispetto al numero registrato nell’anno precedente). Le nuove iscrizioni sono tuttavia cresciute rispetto allo scorso trimestre, permettendo di assorbire parte della variazione negativa.

Nel Mendrisiotto l'evoluzione negativa peggiore

A livello geografico, l’evoluzione è stata negativa per quasi tutti i distretti. Il distretto di Mendrisio ha registrato una riduzione del numero di imprese attive sul territorio pari a -18 unità, il distretto di Lugano a -12 unità e Bellinzona a -7 unità. Sono invece aumentate le imprese attive nei distretti di Locarno e negli altri distretti, di +8 unità ciascuno.

Più proprietari svizzeri e meno gli italiani

Con riferimento invece alla proprietà delle nuove imprese iscritte, si è registrato un leggero aumento dei soci o proprietari con nazionalità svizzera (ora pari al 49% rispetto al 47% del trimestre precedente) mentre sono leggermente diminuiti quelli di nazionalità italiana. La quota di donne negli organi dirigenziali delle nuove imprese iscritte è risultata infine in calo (-2%) e pari al 22% del totale dei nuovi dirigenti societari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
8 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
9 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
12 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
14 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
2 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
2 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
© Regiopress, All rights reserved