laRegione
Ministero pubblico
14.09.20 - 21:05

Pp bocciati, il rapporto in 'Giustizia e diritti'

La commissione parlamentare sollecita (e riceve) il documento del Consiglio della magistratura

pp-bocciati-il-rapporto-in-giustizia-e-diritti

È da oggi nelle mani della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ il rapporto nel quale il Consiglio della magistratura (Cm) preavvisa le candidature dei procuratori pubblici uscenti che hanno postulato un nuovo mandato decennale (1. gennaio 2021-31 dicembre 2030). Nel documento, sollecitato in mattinata al Cm dalla stessa commissione, figurano quindi anche i preavvisi negativi, e le relative motivazioni, alla rielezione di ben cinque pp - cosa di cui la ’Regione’ ha dato notizia venerdì scorso - in vista dell’imminente rinnovo delle cariche in seno al Ministero pubblico da parte del Gran Consiglio, chiamato ad eleggere ventuno magistrati, procuratore generale incluso. Il Consiglio della magistratura ha preavvisato favorevolmente la rielezione di quindici pp, e tra questi l'attuale pg Andrea Pagani, mentre ha ritenuto non idonei, come detto, cinque procuratori.

I rimproveri del Cm

Al concorso, scaduto ai primi di giugno, si erano ripresentati tutti i procuratori in carica. Nelle settimane successive vi sono state le dimissioni di un magistrato. Sono poi scattate le audizioni dei pp in corsa condotte dal Consiglio della magistratura. Venerdì la clamorosa notizia: la bocciatura delle candidature di cinque procuratori decretata dall’autorità che vigila sul funzionamento del sistema giudiziario ticinese. Tra i problemi riscontrati dal Consiglio della magistratura, stando a quanto riportato stasera dalla Rsi, vi sarebbero, a seconda dei candidati, mancanza di produttività e precisione e tendenza ad allungare i tempi nella gestione delle pratiche. Un magistrato, sempre secondo l’emittente di Comano, sarebbe stato criticato dal Cm per l’eccessiva autoreferenzialità e per una mancanza di equilibrio nel giudizio personale che rischierebbe di nuocere tanto all’imputato quanto al Ministero pubblico: atteggiamenti intemperanti verso i superiori completerebbero la lista. I preavvisi non sono vincolanti. L’ultima parola sul destino sia dei procuratori ritenuti idonei dal Consiglio della magistratura, sia di quelli considerati non idonei dallo stesso, sempre che decidano di non ritirare la candidatura, l’avrà comunque l’autorità che nomina procuratori e giudici, ovvero il Gran Consiglio.

In passato? Non risultano né richiami formali né ammonimenti 

La palla è però adesso nel campo della commissione ’Giustizia e diritti’. Che non ha voluto attendere oltre per prendere visione del rapporto di due pagine e dunque per leggere la manciata di righe che motivano i cinque preavvisi negativi e per capire quale sia stata la loro genesi. Dagli approfondimenti commissionali ci si attende dunque un’aupicabile chiarezza su quali dati ed eventuali segnalazioni (partite da chi?) si sono basate le valutazioni del Consiglio della magistratura. Il quale non risulta aver mai adottato provvedimenti nei confronti dei cinque magistrati, così come non emerge traccia di situazioni a loro addebitabili nei suoi rendiconti. E non risultano neppure richiami formali o ammonimenti da parte della direzione del Ministero pubblico. Nella riunione di stamattina la ’Giustizia e diritti’, stando a nostre informazioni, ha anche sollecitato la Commissione di esperti indipendenti a trasmetterle il rapporto nel quale i periti preavvisano, sempre all’indirizzo del parlamento, le candidature 'esterne' di sette aspiranti procuratori pubblici. Al concorso hanno infatti partecipato anche avvocati (un paio), segretari giudiziari e cancellieri, tra cui una persona oggi professionalmente attiva al Tribunale penale cantonale. 

Seduta straordinaria

Lunedì prossimo è in programma una riunione straordinaria della commissione ’Giustizia e diritti’. Straordinaria perché nella settimana nella quale c’è la sessione di Gran Consiglio, come la prossima, non vi è di regola seduta commissionale. Straordinaria perché il tempo stringe. I mandati in Procura scadono infatti alla fine di quest’anno. Lunedì prossimo la ’Giustizia e diritti’ dovrebbe sentire il presidente del Consiglio della magistratura, il giudice d’Appello Werner Walser, e un rappresentante della Commissione di esperti indipendenti. Il 21 se ne saprà di più o se ne dovrebbe sapere di più dell'agenda dei lavori della commissione per fare piena luce sulla bocciatura decisa dal Cm di un quarto della squadra del Ministero pubblico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
3 ore
Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro
Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
3 ore
Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio
Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Mendrisiotto
5 ore
Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone
Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
5 ore
La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti
Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
5 ore
Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri
Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Ticino
7 ore
Al via il programma cantonale di screening colorettale
Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
8 ore
Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps
Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
8 ore
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
8 ore
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
8 ore
In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
© Regiopress, All rights reserved