laRegione
covid-19-due-terzi-dei-nuovi-contagiati-ha-meno-di-30-anni
Ticino
09.07.20 - 20:230

Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni

Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'

“Due terzi dei nuovi casi trovati positivi al coronavirus a partire dal 1° luglio sono giovani sotto i trent’anni, più della metà di questi casi ha fatto viaggi all’estero e c’è un aumento da parte della mobilità dei ragazzi”. Insomma, nelle parole che il medico cantonale Giorgio Merlani affida alla ‘Regione’ c’è la sintesi del perché oggi il Dipartimento della sanità e della socialità ha aumentato dal codice blu a quello arancione il grado d’allerta, innescando così un cambio di passo riguardo alla campagna informativa di prevenzione alla popolazione. 36 nuovi casi di Covid-19 negli ultimi dieci giorni (oggi 2) e 450 quarantene disposte che non sono solo numeri. “Passiamo dal blu all’arancione perché è la tendenza a preoccupare”, spiega Merlani. Ed è una tendenza “inserita in un contesto: se io avessi tutte le frontiere chiuse, i locali chiusi e una settimana come questa con meno di dieci casi al giorno dovrei parlare di codice blu e di allentamenti. Ma siamo in una situazione con frontiere aperte, con tante occasioni di incontro e mobilità delle persone. E quindi dobbiamo dire che il trend è preoccupante, da qui la decisione di spingere maggiormente sulla sensibilizzazione”. Perché oltre i numeri “è l’insieme che conta”. E “la miscela rischia di essere esplosiva”.

Per questo, colorata di arancione, la campagna ‘Distanti ma vicini. Proteggiamoci. Ancora.’ segue il motto di ‘Prudenza. Sempre’. Una campagna che, soprattutto riguardo ai giovani, per il medico cantonale ha un messaggio fondamentale che deve passare. “Il concetto deve essere quello della protezione, e i ragazzi devono capire che non si tratta solo della loro: se si contagiano nella stragrande maggioranza dei casi a quell’età il decorso è blando. Ma il virus lo portano a casa, dai genitori, dai nonni, dai propri cari, lo passano ai propri amici. E proteggere significa rendersi conto che a volte si può essere poco sintomatici o asintomatici del tutto, e quindi occorre far di tutto perché non si propaghi il coronavirus”. Ma non solo. L’auspicio di Merlani è che si comprenda come “se si usa responsabilità, si possono fare feste e divertirsi. Ma se non si rispettano le misure si rischia che il problema non sia solo una festa cancellata, bensì locali chiusi: qualcosa che tutti vogliamo evitare”. Giovani e casi acquisiti all’estero, insomma.

Vista la buona rispondenza riguardo l’obbligo di mascherina nei mezzi pubblici è possibile che questo obbligo si estenda anche a tutti i luoghi chiusi, come misura di protezione? “Sappiamo che serve, la gente ha imparato benissimo a metterla. Se la maggior parte delle persone fa la cosa giusta non è necessario l’obbligo. Così non è stato per i mezzi pubblici, ma rilevo che dal primo giorno in cui è in vigore l’obbligatorietà della mascherina questa decisione viene rispettata” annota Merlani. Che sull’estensione ai luoghi al chiuso non chiude la porta: “Non lo escludo, se la situazione dovesse peggiorare verranno prese altre decisioni”.

Sui treni e sui bus ci sono molti turisti in arrivo dalla Svizzera tedesca e dalla Svizzera romanda. Turisti che hanno una percezione diversa da quella che abbiamo in Ticino, avendo vissuto sulla nostra pelle la prima ondata. Come sensibilizzare maggiormente? Magari con una campagna nelle lingue nazionali su media o cartelloni? “Può essere certamente un’idea  - replica il medico cantonale -. La speranza è che passi il messaggio. Anche perché a oggi il Ticino non è il Cantone più colpito, abbiamo meno casi di zone dalle quali magari arrivano questi turisti. Speriamo davvero che valgano le parole della presidente del Consiglio nazionale Isabel Moret quando è venuta in visita a Bellinzona, e mi riferisco di quando ha chiesto scusa perché non è stato compreso subito il livello di emergenza che avevamo”.

Il Ps: 'Mascherine gratis sui mezzi di trasporto'

Sul tema mascherine il Partito socialista ha preso carta e penna e ha scritto una lettera aperta al Consiglio di Stato chiedendo di “promuovere fattivamente l’utilizzo attraverso due azioni mirate”. Nel concreto, “attraverso le aziende di trasporto regionali finanziate dal Cantone, incentivare un servizio pubblico attrattivo mettendo a disposizione di tutti i passeggeri l’uso gratuito della mascherina chirurgica. Prevedendo dei sistemi efficaci per indurre gli utenti a smaltire la stessa in maniera sicura e rispettosa dell’ambiente”. Non solo, il Ps chiede anche “di mettere a disposizione gratuitamente un numero congruo di mascherine igieniche ai beneficiari di assistenza, prestazioni complementari Avs e Ai e ai beneficiari di sussidi di cassa malati”.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 

TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
5 ore
Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'
Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
8 ore
Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto
Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
8 ore
Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente
La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
10 ore
Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'
Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
14 ore
InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009
L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
14 ore
'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'
Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
14 ore
Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo
All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Bellinzonese
1 gior
Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso
La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Ticino
1 gior
Tutti i controlli radar della prossima settimana
Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
1 gior
Balneabili le acque di Porto Ceresio
Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile