laRegione
(Ti-Press)
Ticino
01.07.20 - 06:100
Aggiornamento : 12:14

Tentata strage alla Commercio, iniziato il processo

L’allora 19enne fu trovato con un arsenale in casa: secondo l’accusa voleva usarlo a scuola il giorno degli esami. Si professa innocente. La perizia: scemata imputabilità.

Completo scuro dalla sciancratura elegante, camicia bianca, cravatta con nodo Windsor. Mani curate, capelli imbrillantinati. E un Kalashnikov posato sulla spalla destra. Su Instagram si presentava così lo studente della Scuola cantonale di commercio arrestato due anni fa e accusato di voler fare una strage proprio nel giorno degli esami. Da oggi il suo caso finisce in aula, anche se il clamore della vicenda – insieme alle misure di sicurezza dovute al coronavirus – ha imposto alle Assise criminali di Bellinzona di scegliersi spazi più grandi, per la precisione il Palazzo dei congressi di Lugano. Le accuse: atti preparatori punibili di assassinio plurimo o in subordine di omicidio plurimo (nel caso in cui non sia riscontrata la particolare efferatezza del piano), ripetuta infrazione della legge federale sulle armi, accessori di armi e munizioni. Rischia più di 5 anni di carcere.

All’epoca, le foto sui social e le minacce di morte su Snapchat dell’allora 19enne svizzero – che ora si trova in una clinica psichiatrica romanda – avevano spinto alcuni compagni a segnalare il pericolo agli insegnanti. La direzione della scuola si era rivolta alla polizia cantonale, forte dell’allora neonato Gruppo per la gestione delle persone minacciose e pericolose, due poliziotti coordinati dalla psicologa Marina Lang. Un’osservazione durata meno di 24 ore e poi l’arresto, poco dopo le 10.30 del 10 maggio, in una casa del Bellinzonese nella quale l’imputato viveva con i genitori. Dentro, una ventina di armi: fucili, pistole, quell’AK-47 ‘replica’ semiautomatico, puntatori laser, munizioni. Tutto pronto, a quanto pare, per colpire pochi giorni dopo, il 15 maggio.

L’episodio aveva scosso gli oltre 1.200 allievi e i loro insegnanti della ‘Comme’, dove il ragazzo frequentava il terzo anno. Tanto più che veniva descritto come uno studente eccellente, attivo e disciplinato. Solo negli ultimi tempi sarebbe parso incupito e chiuso in se stesso. Oltre alla foto armato e ai messaggi su Snapchat – un’app i cui testi si cancellano da soli dopo 24 ore dall’invio – condivideva su Twitter post dei gruppi pro-armi americani: in uno si affianca Barack Obama ad Adolf Hitler tra i presunti nemici del secondo emendamento, quello secondo il quale “il diritto dei cittadini di detenere e portare armi non potrà essere infranto”. L’altra sua grande passione pare essere il football americano: è dei mitici Las Vegas Raiders la spilla che si vede nella famosa foto col kalashnikov.

Ma uno che vuole fare una strage, davvero lo annuncia prima alle sue vittime? Oppure il suo era solo “un grido d’aiuto”, come ha ipotizzato un compagno di scuola? “Non volevo compiere una strage”, ha sostenuto fin da subito l’imputato. E se lo stock di armi lascia pensare a una pianificazione a mente fredda, la perizia psichiatrica di fine 2018 parla invece di scemata responsabilità: ad annebbiare la mente del giovane, in particolare, sarebbe stato l’odio verso se stesso. Secondo gli inquirenti, in ogni caso, l’intenzione omicida non riguardava qualcuno in particolare: il rischio era che uccidesse chiunque si fosse trovato a tiro. Oggi si attende un aggiornamento circa il suo stato di salute mentale.

Al giudice presidente Mauro Ermani, ai colleghi Manuel Borla e Aurelio Facchi e agli assessori giurati spetterà anche chiarire come sia stato possibile accumulare un tale arsenale. Ai dubbi formulati in sede politica circa il facile accesso alle armi, il Consiglio di Stato ha sempre risposto che alcune armi non necessitavano di particolari autorizzazioni, che gli acquisti effettuati in Svizzera apparivano regolarmente controllati e che la legge è già “sufficientemente restrittiva”. Resterà da capire se altri acquisti siano stati effettuati illegalmente, e come.

A difendere l’imputato è l’avvocato Luigi Mattei, mentre la pubblica accusa spetta al procuratore Arturo Garzoni, che ha ereditato il faldone dal pensionato Antonio Perugini.

TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
Lugano, bocciate le mozioni sul centro sociale
Il concorso di progettazione per la riqualifica dell'ex macello ha sgomberato le richieste di anticipare i tempi sloggiando gli autonomi.
Luganese
3 ore
Carona, affossata la biopiscina
Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'
Ticino
5 ore
L'Eoc chiede ai dipendenti come impiegare le donazioni Covid
L'Ente ospedaliero apre un concorso di idee presso i propri collaboratori su come usare quasi 4 milioni per migliorare condizioni di lavoro e servizio
Ticino
6 ore
Tecnologia, sarà la luce la banda larga del futuro
Le antenne 5G non fanno l'unanimità dell'opinione pubblica e degli specialisti. Ecco allora il sistema alternativo 'Li-Fi'
Ticino
7 ore
Responsabilità, azioni od omissioni: il mandato della Cpi
Ex funzionario Dss, a settembre il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà sull'istituzione della Commissione d'inchiesta. Guerra: nessun processo
Luganese
7 ore
Capriasca, ok ai 10 milioni per la scuola
Il Consiglio comunale dà luce verde al credito tanto atteso. È il più ingente investimento dall'aggregazione del 2001
Luganese
7 ore
È lo chef Peter Raith la vittima di Morcote
Il ristoratore, 65 anni, era noto per la sua lunga esperienza. Da qualche anno dirigeva la brigata dell'Antico grotto Ticino alle Cantine di Mendrisio
Bellinzonese
9 ore
Permessi: condannati ex funzionario e fratello dell'impresario
Pene pecuniarie sospese per i due imputati reoconfessi nella vicenda dei certificati falsi, destinati a operai kosovari, tra il 2014 e il 2016
Grigioni
9 ore
Moesano, imprese edili indagate a rischio espulsione dalla Ssic
La Società impresari costruttori svizzera annuncia che espellerà le tre imprese se i sospetti di accordi cartellari fossero confermati
Ticino
9 ore
Gestione dei rifiuti, tre Comuni ricevono l'Okkio d'oro
Premiati i regolamenti di Losone, Monteggio e Brusino Arsizio. 'Sgridati' invece l'Ufficio dei rifiuti (Territorio) e la Sezione enti locali (Istituzioni)
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile