laRegione
Mascherine per fare la spesa (e non solo) Foto: Ti-Press
Ticino
28.05.20 - 16:330
Aggiornamento : 18:58

L'appello dei medici ticinesi: 'Usate le mascherine!'

Ventiquattro dottori in prima linea contro il Covid raccomandano di proteggersi in negozi, mezzi pubblici e ogni volta che non c'è distanza sociale

Usate una mascherina certificata nei grandi magazzini, nei negozi, sui mezzi pubblici, quando si interagisce con altre persone in uno spazio chiuso e, in generale, ogni volta che non può essere mantenuta la distanza sociale. È l'accorato appello fatto da 24 medici ticinesi in prima linea nella lotta al coronavirus.

Tra i primi firmatari della lettera aperta alla popolazione vi sono Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici, Christian  Garzoni, direttore sanitario della Clinica Moncucco Christian Garzoni e Mattia Lepori, vicecapo area medica dell'Ente ospedaliero cantonale. Nonché che dal medico cantonale Giorgio Merlani. "L’uso della mascherina rappresenta un gesto di consapevole responsabilità e rispetto per proteggere sé stessi e gli altri e aiuta a limitare il rischio di una potenziale ripresa dell’epidemia", si legge nella lettera giunta poco fa in redazione. È un "utilissimo strumento per ridurre la trasmissione del virus quando la popolazione riprende a interagire", si aggiunge.

"Da quasi tre mesi siamo impegnati a combattere la Covid-19 negli studi medici, negli ospedali e nelle cliniche, nelle case per anziani e nei Check Point Covid. Grazie ai nostri collaboratori, al prezioso supporto delle autorità e soprattutto grazie all’ammirevole disciplina e al grande senso di responsabilità dei ticinesi abbiamo potuto superare la prima ondata di contagi. Ora è legittimo e comprensibile che tutti abbiano il desiderio di ricominciare ad uscire e incontrarsi, a rivedere i propri cari, ed è indispensabile poter riprendere le abituali attività lavorative, scolastiche e di svago". L'invito è però quello giunto in queste ore da più parti, ovvero a non abbassare la guardia e a rispettare "le misure di distanziamento sociale e le norme d’igiene accresciuta". Appello che "è stato compreso da molti". 

Allegati
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni
Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'
Ticino
2 ore
Il prete arrestato ha ammesso il fatto. Emergono episodi 'minori'
Il sacerdote sotto inchiesta per presunta coazione sessuale è in regime di espiazione anticipata della pena
Mendrisiotto
4 ore
Pronti a scendere in campo a difesa dell'ostetricia all'Obv
A Mendrisio l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme prende posizione dopo l'incontro con i vertici ospedalieri. 'Guardia altissima'
Mendrisiotto
4 ore
‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere
È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale
Bellinzonese
5 ore
Novità a Lumino: iniziata la prima colonia estiva diurna
Otto settimane dedicate ai bambini promosse dal Municipio e affidate alla Fondazione Pro Infantia. Un'offerta di svago ancor più d'attualità a seguito del lockdown
Ticino
5 ore
'Gli Svizzeri all'estero a fare spesa. I ticinesi invece...'
Secondo il presidente della direzione generale di Migros, a sud delle Alpi si sta sentendo meno la riapertura delle frontiere post-lockdown
Lugano
6 ore
Lugano, Foce chiusa questo weekend dalle 20. Poi solo con l'app
Lo ha deciso il municipio cittadino. Da giovedì prossimo, dalle 20, un massimo di 200 persone potranno accedere unicamente previa prenotazione.
Ticino
7 ore
Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta
Di fronte a oltre 450 quarantene in poco più di una settimana, la campagna d'informazione passa dal codice blu al codice arancione
Bellinzonese
7 ore
8 milioni per la mobilità del Bellinzonese
Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio per la progettazione e la realizzazione di una seconda serie di misure del programma di agglomerato della regione
Mendrisiotto
8 ore
‘Davo solo sberle sulle braccia’
Il 48enne siriano a processo per tentato omicidio intenzionale ammette di aver picchiato tre volte i figli ma nega i calci
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile