laRegione
Saranno permesse tavolate con più di quattro persone (Ti-Press)
Ticino
27.05.20 - 20:240

Ristorazione, Suter soddisfatto: bicchiere mezzo pieno

Pianezzi (Hotelleriesuisse): più motivi per frequentare il Ticino. Guarnaccia (Primis): la ripresa delle attività a luci rosse è importante

Gli allentamenti decisi dal Consiglio federale «sono il segnale di un ritorno alla normalità, a una quasi normalità. Il che significa che l’emergenza coronavirus sta rientrando, anche se dobbiamo, tutti, mantenere alta la guardia. Il nostro settore è un po’ lo specchio della società: se questa sta bene, anche i ristoranti vanno bene». È «molto soddisfatto» il presidente di GastroTicino Massimo Suter per le decisioni di Berna riguardanti bar e ristoranti. L’attenuazione di alcune disposizioni vigenti scatterà sabato 6 giugno, quando salterà il limite massimo di quattro persone per tavolo e saranno nuovamente permesse, aggiunge il governo federale, "attività come il biliardo o la musica dal vivo”. Tuttavia bar e ristoranti “dovranno garantire la ricostruzione dei contatti: per ogni gruppo di più di quattro persone” al tavolo “dovranno annotare i dati di contatto di un suo componente”. Le ordinazioni andranno consumate “ancora esclusivamente stando seduti”. Così come viene mantenuta la distanza di almeno due metri tra un tavolo e l’altro. Tutti i locali saranno obbligati a chiudere "entro mezzanotte”. Anche discoteche e locali notturni. Che dovranno inoltre tenere “un elenco delle presenze e non potranno permettere più di 300 ingressi per sera”.

La cancellazione del limite delle quattro persone, riprende Suter, «è una notizia estremamente positiva: l'abrogazione agevolerà l’attività soprattutto di quelle strutture che ospitano grandi eventi, come per esempio i matrimoni». L’obbligo di annotare il nominativo di un componente del gruppo di avventori che allo stesso tavolo supera le quattro ’unità’ potrebbe trattenere qualcuno dal recarsi in ristorante? «No – afferma il presidente di GastroTicino –. Credo che in una squadra di calcio, tanto per fare un esempio, che dopo tre mesi vuole tornare a consumare insieme una pizza ci sia un giocatore disposto a dare il proprio nominativo...». Rimane tuttavia la chiusura a mezzanotte. «E questa è una misura che francamente faccio fatica a capire. Anche perché – prosegue il responsabile di GastroTicino – potrebbe paradossalmente creare un problema: d’estate con venti, venticinque gradi la gente sta fuori anche a mezzanotte. Si rischia quindi di avere degli assembramenti all’esterno del locale e magari con più di trenta persone. E mi chiedo quale sia il senso di questa misura anche per le discoteche, dove si entra solitamente a ore tarde». Non certo alle 9 di sera.... Un’altra restrizione che per ora viene mantenuta è la distanza minima di due metri fra i tavoli. «Il provvedimento si giustifica ancora: stiamo vincendo la partita contro il virus, ma il match è sempre in corso. Continuiamo allora a rispettare certe regole per il bene comune. E poi gli allentamenti appena decisi dal Consiglio federale non ce li aspettavamo in tempi così brevi e sono un’importante boccata d’ossigeno per noi e per il settore turistico. Vediamo insomma il bicchiere mezzo pieno».

Soddisfatto degli allentamenti anche il ramo alberghiero. «Con la ripartenza fra l’altro degli impianti di risalita e la possibilità quindi di raggiungere più destinazioni, di lago o di montagna, si offrono motivi in più per frequentare il nostro cantone», evidenzia Lorenzo Pianezzi, presidente di Hotelleriesuisse Ticino: «Se oggi le prenotazioni negli alberghi sono ancora relativamente basse, ora il loro numero dovrebbe poter registrare un aumento, come ci auguriamo, visto che è cresciuta l’attrattività turistica del cantone».

Luci rosse, ’importante riaprire’

Dal 6 giugno potranno riaprire anche le attività legate alla prostituzione. Un passo «importante», ha affermato oggi il consigliere federale Alain Berset, perché in questo modo sarà possibile continuare a «garantire l’accesso ai servizi di prevenzione». Servizi come quello offerto in Ticino da Primis: «Procrastinando il divieto di esercitare, il rischio è che le persone lavorino ugualmente, magari in una situazione di clandestinità, senza la possibilità di raggiungerle per fare prevenzione», precisa a ‘laRegione’ Vincenza Guarnaccia, responsabile del progetto. «Condividiamo quindi questa decisione anche nell’ottica della salute pubblica: ciò ci permetterà pure di fornire informazioni in merito alle raccomandazioni legate al coronavirus».

In generale, stando al Consiglio federale, se non è possibile mantenere le distanze bisognerà garantire il tracciamento dei contatti. Tuttavia, nell’ambito della prostituzione ciò potrebbe generare difficoltà: «Non è facile per un cliente palesarsi con le proprie generalità», sottolinea Guarnaccia. «Le professioniste e i locali erotici dovranno quindi dotarsi di un sistema che garantisca la rintracciabilità e che allo stesso tempo permetta al cliente di sentirsi protetto nell’anonimato, ad esempio fornendo un nome fittizio ma il numero di telefono vero».

Guarnaccia sottolinea infine che «Primis rimane a disposizione anche per aiuti economici d'urgenza». E questo perché la ripresa sarà graduale: «Ricominciare a lavorare non vuol dire guadagnare immediatamente, visto che le persone sono ancora preoccupate per la pandemia».

TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni
Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'
Ticino
3 ore
Il prete arrestato ha ammesso il fatto. Emergono episodi 'minori'
Il sacerdote sotto inchiesta per presunta coazione sessuale è in regime di espiazione anticipata della pena
Mendrisiotto
4 ore
Pronti a scendere in campo a difesa dell'ostetricia all'Obv
A Mendrisio l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme prende posizione dopo l'incontro con i vertici ospedalieri. 'Guardia altissima'
Mendrisiotto
4 ore
‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere
È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale
Bellinzonese
5 ore
Novità a Lumino: iniziata la prima colonia estiva diurna
Otto settimane dedicate ai bambini promosse dal Municipio e affidate alla Fondazione Pro Infantia. Un'offerta di svago ancor più d'attualità a seguito del lockdown
Ticino
5 ore
'Gli Svizzeri all'estero a fare spesa. I ticinesi invece...'
Secondo il presidente della direzione generale di Migros, a sud delle Alpi si sta sentendo meno la riapertura delle frontiere post-lockdown
Lugano
6 ore
Lugano, Foce chiusa questo weekend dalle 20. Poi solo con l'app
Lo ha deciso il municipio cittadino. Da giovedì prossimo, dalle 20, un massimo di 200 persone potranno accedere unicamente previa prenotazione.
Ticino
7 ore
Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta
Di fronte a oltre 450 quarantene in poco più di una settimana, la campagna d'informazione passa dal codice blu al codice arancione
Bellinzonese
8 ore
8 milioni per la mobilità del Bellinzonese
Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio per la progettazione e la realizzazione di una seconda serie di misure del programma di agglomerato della regione
Mendrisiotto
8 ore
‘Davo solo sberle sulle braccia’
Il 48enne siriano a processo per tentato omicidio intenzionale ammette di aver picchiato tre volte i figli ma nega i calci
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile